domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Hanno dimenticato che Abramo è anche padre del popolo ebraico 09/03/2021
Hanno dimenticato che Abramo è anche padre del popolo ebraico
Analisi di Deborah Fait

A destra: Papa Bergoglio in Iraq

Il viaggio del Papa in Iraq è stato raccontato con un entusiasmo che io non vorrei spegnere ma, come spesso accade, mi capita di fare il bastian contrario e di guardare l'altra faccia della medaglia. Nel fare i miei complimenti a papa Bergoglio che, a 84 anni e sofferente di sciatalgia, ha voluto intraprendere un viaggio massacrante anche dal punto di vista spirituale, non posso non sentirmi profondamente delusa per l'assenza di una rappresentanza del popolo per il quale Abramo fu mandato da Ur dei Caldei verso la Terra Promessa, Israele. In quel momento Abram divenne Avraham e nacque il monoteismo di cui il popolo ebraico, per primo,  fu messaggero nel mondo. La storia di Avraham è raccontata nel libro della Genesi e, secondo la cronologia biblica, può essere collocata 2000 anni a.C.

El papa Francisco y el ayatolá Al-Sistani piden fraternidad entre las  religiones
Al Sistani con Papa Bergoglio

Dopo varie peripezie, Avraham e la sua gente arrivarono nel Neghev dove Dio confermò la sua Alleanza e gli promise che la sua discendenza avrebbe avuto quella terra per sempre. Duemila anni più tardi i seguaci di Joshua ben Josef di Nazareth adottarono parte della dottrina ebraica rappresentata da quello che per loro era il Messia e assunsero Abramo a loro Padre. L'islam entrò a far parte delle religioni abramitiche ancora più tardi, dovevano passare quasi 2600 anni. Cristianesimo e islam hanno profonde radici nell'ebraismo e non scrivo questo per fare polemica ma per un motivo molto semplice: in Iraq, durante la visita del Papa, mancava proprio la presenza più importante senza la quale non sarebbero nate le altre due religioni, mancava la presenza ebraica. Gli ebrei furono sempre una parte importante e fondamentale nella storia della Mesopotamia, furono portati in esilio dal re Nabucodonosor dopo la distruzione del primo Tempio di Gerusalemme, un'opera grandiosa come il Talmud fu scritto in Babilonia, le tribù del Regno di Israele fecero parte della élite culturale del paese dove vissero fino al 1941 quando un tremendo pogrom costrinse i sopravvissuti alla fuga, nel 1948 i pochi rimasti furono cacciati senza complimenti. Per questo motivo trovo così deludente e stupido che il governo iracheno abbia proibito agli ebrei di partecipare all'incontro che doveva sancire la fratellanza tra i figli di Abramo. Quale fratellanza se mancano i fratelli! Il Papa non li ha nemmeno nominati, non è dato sapere se per poca memoria o per accordi presi,  e, dopo tremila di presenza ininterrotta in Iraq, ne è stato cancellato anche il ricordo. Hanno parlato però dei palestinesi che, poveretti, vivono sotto occupazione. Non si illuda il Papa, dopo i vari massacri già avvenuti, i cristiani nei paesi islamici stanno scomparendo e nel giro di pochi anni saranno anch'essi un ricordo che verrà cancellato in nome dell'islam! E' il caso di ricordare l'antico detto "Fratelli coltelli”.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT