venerdi 26 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Un indegno Alan Friedman 22/01/2021
Un indegno Alan Friedman
Analisi di Deborah Fait

Alan Friedman:
Alan Friedman

Per anni Alan Friedman ci ha tormentati con quella sua parlata alla Ollio, ospite fisso e inutile di ogni talk show; per anni, quattro esattamente, ha offeso pubblicamente Donald Trump con parole ignobili accompagnate da ridicole espressioni del viso, da pagliaccio di corte. Una corte rossa quella che lo ospita sempre, molto rossa. Tutto quello che dice viene accettato senza remore, le più grandi scempiaggini che lui, quale opinionista di sinistra, sedicente esperto di politica internazionale, affetto da odio inesauribile per Trump, riesce a snocciolare in totale libertà di ingiuria contro colui che era il suo presidente. Ieri, durante la trasmissione Uno Mattina, ha voluto mettere una ciliegina marcia sopra la famosa torta, marcia anche quella, definendo "escort" Melania Trump. https://www.youtube.com/watch?v=QdIo-eK2cKE

Anche i bambini sanno che escort non è altro che un sinonimo elegante per dire puttana quindi questo signore ha dato della puttana alla ex first lady, Melania Trump, durante una trasmissione televisiva guardata da milioni di persone. E nessuno ha detto niente, nemmeno il direttore di Repubblica, nemmeno Monica Maggioni, un po' di imbarazzo e basta. Tutto qui. Naturalmente Friedman si è giustificato dicendo di aver sbagliato "la traduzione", di aver voluto dire "moglie". Ma certo, infatti è facile confondere escort con wife, facilissimo. E' tragico e surreale che questo avvenga senza che le femministe insorgano per difendere una donna volgarmente offesa. Già ma dove sono le femministe? Tutte in Me Too a demolire statue di personaggi storici? Ecco qua un breve video delle loro imprese, così, tanto per non dimenticare: https://www.facebook.com/watch/?v=208576490178715

Ma quando un giornalista di sinistra fa commenti sessisti, volgari e vergognosi contro la donna odiata perché moglie del "mostro" Trump, allora stanno in silenzio. Si vergognino e si vergogni Friedman e si vergogni la Rai se non prenderà provvedimenti contro questo pagliaccio che adesso, temendo di non poter più comparire in TV a dire le sue velenose banalità , chiede scusa. Nessuna scusa, questo è stato l'ennesimo insulto di una lunga serie e mi auguro sia l'ultimo che dovremo sentire da Ollio. E' molto grave quello che ha detto ed è altrettanto grave la tiepidissima reazione dei presenti nella trasmissione e della RAI che, in un primo tempo, prima di essere travolta dallo scandalo, ha cercato di non fare pubblicità a quanto accaduto. Melania Trump è stata una first Lady perfetta, senza apparire mai più del dovuto, colta e di classe ma fosse anche la più umile delle donne nessun borioso opinionista deve permettersi di definire puttana. Le ultimissime notizie sono che il direttore di Rai 1 è stato convocato in commissione di Vigilanza Rai per parlare del caso Friedman e mi auguro che i provvedimenti siano severissimi. Mauro Corona, altro sessista, è stato giustamente allontanato per aver dato della "gallina" a Maria Berlinguer, lo stesso sia fatto con Alan Friedman. E' ora di finirla di offendere le donne, non deve esistere questa libertà di insulto sessista, non deve più essere tollerato.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.