martedi` 19 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Pubblicità antistorica sulla Stampa: 'Betlemme Palestina' 21/12/2020
Pubblicità antistorica sulla Stampa: 'Betlemme Palestina'
Commento di Deborah Fait

A destra: la vignetta di Dry Bones, di Yaakov Kirschen:
"L'Olp ha modernizzato le celebrazioni a Betlemme?"
"Oh sì! Hanno cambiato le parole dell'antico canto di Natale: da 'nato nel regno di Israele' a... 'nato nel regno dell'Entità sionista' "

Sul quotidiano La Stampa fa bella mostra di sé, occupando un quarto di pagina,  la pubblicità delle Missioni Don Bosco per le famiglie di Betlemme.  L'annuncio dice testualmente : "PALESTINA – Nel cuore del villaggio in cui è nato Gesù, un antico forno salesiano prepara il pane per le famiglie più povere". Mi secca molto dare lezioni di storia e geografia a chi dovrebbe sapere quasi tutto sull'argomento ma sono ormai anni e anni che il nome Palestina viene citato a casaccio e senza alcun fondamento storico. Betlemme, secondo la tradizione, è stato il luogo di nascita di Gesù e del suo antenato Davide, re di Giuda e di Israele, dalla cui stirpe discendevano sia la famiglia di Maria (il cui vero nome era Myriam, essendo giudea, tra l'altro educata nel Tempio di Gerusalemme)  che di Giuseppe. Luca evangelista definisce Betlemme "città di Davide", mi meraviglio quindi che i missionari parlino di Palestina. Betlemme, alla nascita di Gesù, faceva parte del Regno di Giuda e fino al 1995 non è mai stata una città araba ma ebraico-cristiana. In quell'anno fu regalata, secondo gli accordi di Oslo, all'ANP di Arafat che non è Palestina, nome rubato dall'inventato popolo palestinese, bensì una specie di congregazione chiamata Autorità palestinese. La Palestina non è mai stata una nazione ( quante milioni di volte lo abbiamo scritto?) bensì una regione geografica molto ampia che comprendeva la Giordania, parte della Siria e dell'attuale Libano e giù giù fino ai confini con l'Egitto. Gli antichi greci chiamavano Palestina la regione tra la Fenicia e Egitto e infine i Romani lo adottarono dopo la distruzione di Gerusalemme e del Tempio ebraico, Bet haMikdash, per cancellare i nomi Israele e Giuda. All'occupazione romana seguì quella ottomana che diede alla regione il nome di Sangiaccato di Gerusalemme, di Nablus, di Acri e infine arrivarono gli inglesi che rispolverarono il nome di Palestina… però britannica. Fino al 1967 non è mai esistito un popolo palestinese né uno stato palestinese. Tutto inventato di sana pianta nella speranza di cancellare Israele e gli ebrei.   Betlemme è dunque storicamente la città natale di David, secondo re di Israele, è il luogo dove è stato unto re dal sacerdote Samuele. La cittadina fu occupata dai Romani tra il 132 e 135, un secolo dopo la morte dell'ebreo Gesù, durante la terza guerra giudaica, gli ebrei furono espulsi per ordine dell'imperatore Adriano che fece distruggere ogni costruzione religiosa ebraica per sostituirla con un santuario al culto greco Adone. Infine Elena, madre di Costantino, vi costruì la prima chiesa nel 326. La dominazione araba ebbe inizio solamente nel 636, fino ad allora nessun arabo aveva messo piede nei regni di Israele Giuda. Cade quindi miseramente nell'ignoranza più crassa quel nome Palestina dato dai missionari alla zona in cui si trova Betlemme. Se un giorno sarà creato dal nulla, e riconosciuto,  uno stato di Palestina allora sarà lecito nominarlo ma, fino a quel momento, è un falso storico, un'invenzione priva di radici storiche, un imbroglio.

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait 
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT