sabato 04 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Ultima speranza: la Knesset o quarte elezioni 17/04/2020
Ultima speranza: la Knesset o quarte elezioni
Commento di Deborah Fait

A destra: Benny Gantz, Benjamin Netanyahu

Siccome le disgrazie non vengono mai da sole, sarebbe stato troppo bello se Netanyahu e Ganz avessero trovato un accordo per formare un governo di coalizione, come tutti ormai ci aspettavamo. Oggi 16 aprile si sono interrotte le trattative e il presidente Rivlin ha dato alla Knesset ( il cui presidente è Benny Gantz) il compito di formare il nuovo governo. La cosa , se non impossibile, sarà molto difficile poiché uno dei punti più complicati del disaccordo è la magistratura. Il Likud vorrebbe cambiare le commissioni che nominano i giudici come aveva cercato di fare Ayelet Shaked quando era ministro della Giustizia tentando di rompere finalmente  il potere che Aaron Barak aveva conferito ai giudici i quali erano padroni di fare il bello e cattivo tempo alla Knesset.  Una prepotenza inaccettabile da parte di personaggi non eletti dal popolo. La Knesset ha tempo tre settimane per decidere e scegliere il nuovo premier, una volta uscito il nome, il nuovo capo del governo avrà 14 giorni per formare il governo. Siamo in tempi di coronavirus e sembra strano e quasi miracoloso che Israele vada avanti senza intoppi nonostante sia praticamente senza premier. Netanyahu, nonostante il caos politico, sta guidando il paese a meraviglia, lo ammettono ormai anche i suoi tanti nemici. Il COVID-19 viene affrontato con serenità, i decessi, rispetto ad altri paesi sono pochi, anche se comunque troppi. Il Mossad sta facendo miracoli, Il suo capo Yossi Cohen potrebbe essere, come molti sussurrano, il delfino di Bibi. Benny Ganz è riuscito solo a distruggere il suo partito Blu&Bianco rompendo con Yair Lapid e Moshe Yaalon, offesi a morte per l'avvicinamento di Ganz a Netanyahu la cui intesa sembrava la soluzione di tutti i problemi: un governo di unità nazionale, Bibi premier per 18 mesi, Gantz presidente della Knesset, poi ministro degli esteri e infine il premierato a lui per altri 18 mesi. Meglio di così!  Ma i due giannizzeri di Ganz, Lapid e Yaalon, hanno spaccato tutto e se ne sono andati abbandonando l'alleato. Se la Knesset non troverà l'uomo ( o la donna) giusti e in grado di formare un governo allora si andrà alle quarte elezioni nel giro di un anno. Se le facessimo domani sono sicura che avremmo un plebiscito per Bibi, fra un anno chissà quante cose potrebbero accadere ma, riguardo a Israele, sono sempre ottimista. Nessuno riuscirà mai a vincerci perché, nel momento del bisogno, quando il pericolo incombe, possiamo dire che Israele ha 9 milioni di primi ministri, 9 milioni di soldati, 9 milioni di cittadini stretti l'un l'altro come un sol uomo.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT