martedi` 26 maggio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Coronavirus tra paura e opportunismo 12/04/2020
Coronavirus tra paura e opportunismo
Commento di Deborah Fait

Il coronavirus sta portando alla luce un sacco di cose inaspettate dovute alla paura isterica di beccarsi il batterio e lasciarci le penne e così, come capita agli ubriachi che, tra i fumi dell'alcool, dicono verità che mai confesserebbero da sobri, i nostri nemici stanno mettendo le mani avanti nel caso in cui un futuro vaccino antiCOVID-19 portasse la firma di Israele. All'inizio della pandemia hanno alimentato la solita retorica del complotto sionista…"gli ebrei hanno creato il virus per fare i soldi con il vaccino". Il figlio dell'ex primo ministro turco, Fatih Erbakan, avrebbe affermato che il virus sarebbe utile ai sionisti per raggiungere il loro obiettivo di riduzione del numero della popolazione mondiale. Un altro rappresentante del governo turco ha dichiarato che "Il sionismo è un batterio che causa sofferenze da 5000 anni". Un altro su Twitter ha scritto "gli ebrei sono una razza maledetta". Ehhh, va bene, considerateci anche una razza maledetta e invincibile che l'Iran vuole eliminare da anni, e lo dichiara un giorno si e l'altro pure, ma in tempi di coronavirus siamo proprio noi quelli cui il mondo guarda per essere salvato. Com'è questa storia? Ci odiano ma gli serviamo? Si, gli serviamo così tanto che quegli stessi ayatollah, contando i giorni e le ore per ridurre Israele a un ammasso di polvere, stanno bofonchiando tra le barbe …"Ma si dai! Se i sionisti inventano il vaccino potremo usufruirne anche noi, perbacco!"   Non solo Teheran, in ginocchio con un numero imprecisato di morti, ha ammesso che dall'odiato nemico sionista potrebbe accettare la salvezza,  ce n'è anche un altro, uno che odia Israele con tutto sè stesso, uno che ha detto…" tutto sommato, accettare il vaccino da Israele non significherebbe andare in luna di miele con gli ebrei né normalizzare i nostri rapporti".

Latest Spread of COVID-19 is 'Worrying'

Chi è costui? Ve lo presento, si tratta di Omar Barghouti, famoso fondatore del BDS, il più grande e attivo movimento antisemita del mondo, quello del boicottaggio totale di ogni prodotto israeliano e di ogni avvenimento culturale e accademico. Dalle rose ai pompelmi, dagli intellettuali a relatori universitari, ad ogni avvenimento che porti il nome -Israele-. Si deve boicottare tutto e sempre ma il vaccino, beh, quello potrebbe far comodo come l'antipolio e altre decine di cure che portano l'imprimatur di qualche odiosissimo ebreo. Omar Barghouti è nato in Qatar da una famiglia del numeroso clan Barghouti di cui fa parte anche il galeotto Marwan, ospite, per la durata di 5 ergastoli, delle galere israeliane. Marwan Barghouti, un terrorista, capo dei Tanzim, braccio armato di Fatah, fedelissimo di Arafat, si è distinto per la sua crudeltà durante la seconda intifada. Come assassino di ebrei si è conquistato le simpatie di tutto il mondo antisemita che ha fatto molte campagne e manifestazioni per la sua liberazione assimilandolo a Nelson Mandela.  Omar non ha stoffa dell'assassino come il parente galeotto ma esprime il suo odio per lo stato ebraico in altri modi ugualmente nocivi. Rifiuta la soluzione dei due stati, vuole uno stato unico, ovviamente arabo e gli ebrei ridotti a dhimmi. Accusa Israele di praticare l'apartheid ma, non si sa com'è e come non è, lui, arabo e antisionista,  ha studiato all'università di Tel Aviv. Pur odiando Israele vi vive tranquillamente, ha sposato un'araba israeliana, nessuno lo disturba, nessuno lo minaccia. Nel 2017 è persino andato in USA dove gli hanno conferito, all'università di Yale, il Gandhi Peace Award, l'anno dopo aver dichiarato pubblicamente: " Gli ebrei non hanno nessun diritto all'autodeterminazione, non sono un popolo e non possono avere nessun tipo di diritto come collettività". Per certuni resi idioti dall'odio per gli ebrei, Omar Barghouti è evidentemente un grande pacifista come Arafat lo fu per certi altri quando, a Oslo, gli fu conferito il premio Nobel per la pace. Mi auguro, come tutti, che qualcuno scopra il vaccino contro questa terribile pandemia che, democraticamente, colpisce tutti, dal capo di stato all'ultimo homeless, l'ideale sarebbe creare un    vaccino un po' più selettivo del virus stesso. E' un mio sogno segreto perché credo nella giustizia e nella punizione di chi son 2000 anni che ci rompe la scatole.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT