lunedi` 20 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Monsignor Pizzaballa e i cristiani di Gaza 29/12/2019
Monsignor Pizzaballa e i cristiani di Gaza
Commento di Deborah Fait

A destra: Pierbattista Pizzaballa

Devo inevitabilmente parlare del Natale, anche se ormai passato,  dopo aver sentito il discorso di Monsignor Pizzaballa da Betlemme, durante la messa di mezzanotte: " Rivolgo un saluto speciale ai nostri fratelli e alle nostre sorelle di Gaza…per uscire dalla Striscia e assistere alla messa i cristiani devono chiedere il permesso a Israele…a volte siamo guidati più dalle nostre paure che dall'amore di Dio…".  https://www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/telegiornale/Telegiornale-12514485.html

Immagine correlata
Netanyahu fra i soldati cristiani di Israele

Monsignor Pizzaballa vive a Gerusalemme ma forse a lui non arrivano le notizie, forse non sente quello che accade al confine con Gaza da anni,  forse crede ciecamente alle panzane che escono dalla bocca di Abu Mazen. Si possono fare decine di supposizioni ma la prima e probabilmente l'unica è l'inguaribile simpatia del custode di "Terra Santa" per gli arabi palestinesi che va di pari passo con l'avversione per il mondo ebraico e Israele che lo rappresenta. I cristiani di Gaza dovevano avere il permesso di Israele per andare a Betlemme? Certamente, sono nemici, non lo sa Pizzaballa? Da quando nel 2005 Hamas ha preso il potere nella Striscia ha predicato giorno dopo giorno la retorica della violenza contro Israele e contro gli ebrei. Sulla Carta dell'organizzazione, sorella dell'Isis, sta scritto che il loro obiettivo è la distruzione totale di Israele e l'assassinio dei suoi abitanti ebrei. Sono due anni che, ogni venerdì, orde di fanatici corrono a ridosso del confine con Israele in quella che hanno chiamato la "Grande marcia del ritorno". Il diritto al ritorno, quindi, ma dove, forse in Giordania? in Egitto? In Siria? No, vogliono Israele e allora tentano di forzare i confini, tirano bombe, sassi, molotov e, nella loro immensa vigliaccheria,  si fanno scudo di ragazzini, più piccoli possibile, per suscitare la pietà e la rabbia del mondo contro Israele quando risponde alla violenza del nemico. Nella loro immensa stupidità bruciano migliaia di pneumatici per mandare fumo cancerogeno in Israele che usa degli enormi ventilatori industriali per rispedirlo al mittente.  Per non parlare delle decine di migliaia di missili sparati contro la popolazione civile cercando la strage che non avviene grazie al perfetto sistema di protezione in atto nel paese. I palestinesi hanno maniacalmente e regolarmente respinto ogni proposta di pace dedicandosi fanaticamente al terrorismo. Mi riesce difficile capire come una persona colta e intelligente come Monsignor Pizzaballa non si renda conto che gli abitanti di Gaza non possono entrare in Israele senza permesso. Sono nemici giurati, ognuno di loro può essere un terrorista. Qual è il paese che permette al nemico di entrare oltre i propri confini?  Pizzaballa li fa passare per vittime insinuando la cattiveria di Israele (e chi se no?) che fa l'unica cosa normale e necessaria in caso di guerra. L'antisemitismo che fino al 1948 ha fatto parte della storia europea per millenni,  si è allargato a Israele. Non è stato concesso un momento di pace al popolo ebraico che avrebbe il diritto di essere spossato da tanta ostinazione all'odio. E' solo la grande forza morale che viene dalla storia più antica e dalla fede nella propria identità che da la forza di sopportare. La Chiesa di Roma è tra i responsabili di tanta ostilità. Non solo il Vaticano non ha voluto riconoscere lo stato ebraico fino al 1995 (47 anni dalla sua fondazione!), non solo il Papa attuale paragona Gesù ai migranti che arrivano in Europa con i barconi,  ma, chi è addetto alla custodia dei luoghi santi cristiani in Israele e nei territori abitati da arabi-palestinesi, anziché sradicare l'odio per gli ebrei insito nei popoli arabi, siano essi musulmani o cristiani, e aiutare il dialogo, rende la frattura sempre più enorme e pericolosa, schierandosi dalla parte palestinese, terroristi compresi.      

Pizzaballa avrebbe potuto tacere, avrebbe dovuto tacere, invece non è riuscito ad evitare l'attacco contro il paese che da anni sopporta la violenza palestinese. Avrebbe dovuto invece condannare con fermezza la distruzione dei simboli del Natale avvenuta a Gaza per opera di Hamas e delle sue bande di criminali. La cosa è stata denunciata da alcuni cristiani ma non è stata raccolta da nessuno, non dal Vaticano, non dalla Custodia di Terra santa, tanto meno dai media. Ci vuole coraggio per denunciare le bestialità anticristiane dell'islam, meglio sfogarsi su Israele, molto più sicuro.   

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT