sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Onu e Ue contro Israele 21/11/2019
Onu e Ue contro Israele
Commento di Deborah Fait

Venerdì scorso l'ONU ha approvato otto risoluzioni pro palestinesi e altre 15 arriveranno entro dicembre per rallegrarci Hanukkà, Natale e Capodanno! Non sanno più cosa fare per delegittimare Israele e la cosa più facile per loro è dire al mondo che ancora crede in quel baraccone sgangherato e antisemita che è l'ONU che lo stato ebraico esiste abusivamente e che niente di quello che vi si trova e che ne fa parte da più di 3000 anni gli appartiene. Per gli arabi l'ONU è l'unico modo per vincere Israele visto che non sono mai stati capaci di farlo nelle tante guerre con cui lo hanno attaccato e cercato di distruggerlo. Così, per essere espliciti, sentirsi forti e vittoriosi approfittano non solo del baraccone in questione ma anche dell'odio antiebraico che serpeggia in occidente e che gli regge il gioco. Hanno deciso e votato che il Monte del Tempio, dove esisteva il Tempio di Salomone circa 1500 anni prima che Maometto inventasse l'islam, non ha più un nome ebraico ma solamente arabo e così eccolo ribattezzato in Haram al Sharif.


Una scuola dell'Unrwa a Gaza, trasformata in deposito di missili da Hamas

Non vogliono nemmeno usare i due nomi, quello ebraico e quello arabo, non è previsto il bilinguismo, tutto deve essere solo arabo, gli ebrei si attacchino al tram, se ne tornino in Polonia. 154 nazioni hanno votato a favore e solo 10 contro, Israele, USA, Canada, Guatemala, Micronesia, Isole Marshall, Palau, Isole Solomon, Kiribati, Nauru. L'Italia, o quello che ne resta, ha, come sempre, seguito l'onda criminale votando a favore della risoluzione, ovvero contro Israele, non hanno nemmeno avuto il coraggio dell'astensione. Tanto stupidi da non rendersi conto di aver votato anche contro se stessi dal momento che i siti sacri all'ebraismo lo sono altrettanto anche per il cristianesimo. Una delle prime risoluzioni disconosce qualsiasi sovranità israeliana su Gerusalemme. La terza ordina a Israele di ritirarsi dal Golan senza condizioni e questa, tra lo schifo generale, è la più vigliacca. E così via, compreso l'aver esteso il mandato dell'UNRWA per altri tre anni con tutto quel che segue, scuole dell'odio, scuole di terrorismo, ruberie e propaganda antisemita/antisionista attraverso i loro sodali del BDS. Naturalmente nessun accenno al terrorismo palestinese. Avrei molti aggettivi da aggiungere alla parola ONU ma educazione vuole che li tenga per me. L'Unione Europea, altra organizzazione antisemita, ha approvato entrambe le risoluzioni, sia quella che delegittima il Monte del Tempio che quella su Gerusalemme, naturalmente quella sul Golan e tutte le altre. Non avevamo dubbi, la UE, che ha appena legiferato di marchiare i prodotti israeliani provenienti da Giudea e Samaria, Golan e Gerusalemme est è stata praticamente invitata a nozze, salvo avere una crisi isterica alle dichiarazioni di Mike Pompeo che li informava che gli insediamenti non sono illegali né lo sono mai stati, alla faccia di Barak Obama che li aveva sempre dichiarati tali. (Grazie Donald Trump! Grazie, Presidente, a lei e alla sua sincera amicizia per Israele). Tutti questi insulti ad uno stato sovrano mi indignano e ancora più mi indigna l'indifferenza perché Israele è la patria degli ebrei, dove ogni ebreo del mondo può trovare rifugio e supporto, mi riferisco all'assenza di proteste dal mondo ebraico. Chiedo, ma vi interessa qualcosa di Israele? Il Monte del Tempio non è anche il luogo più sacro per ogni ebreo del mondo? Avete capito o no che, con l'autorità conferita loro dall'odio, l'ONU ha già abolito tutti i nomi ebraici dai nostri luoghi sacri e tutto sta passando sotto silenzio? Lo sapete che, nel caso veniste in visita in Israele e voleste andare a provare l'emozione di toccare quelle pietre antiche al Kotel HaMa'aravì, il Muro occidentale, trovereste la scritta in arabo che lo chiama Ha'it al Buraq, cioè muro di Buraq, dal nome dell'asina alata di Maometto? Tutti zitti? Vogliamo pensare cosa sarebbe accaduto se avessero tolto a un sito arabo il suo nome originale trasformandolo in ebraico o cristiano? Sarebbe scoppiata una rivolta mondiale, di quelle che solo loro sanno fare, con morte e distruzione. E noi invece? Zitti, bravi, buoni, educati. "Tanto per me resterà sempre il Monte del Tempio" ha scritto qualcuno sui social. E allora? Certo che potremo chiamarlo col suo nome originale, lo stesso sarà per il Kotel, per la Tomba dei Patriarchi e Matriarche e per tutti gli altri siti ma sui libri, sulle guide, sui libri di testo delle scuole i nomi saranno solo arabi. E' la giustizia che manca, si sa che Israele vincerà sempre le guerre, la cultura, vincerà la vita, sempre, ma è la giustizia che viene calpestata dal mondo intero, quel mondo che sa solo odiarci. La storia viene stuprata, negata, rubata e riscritta come vuole l'islam e i suoi vigliacchi complici occidentali, ma no, non sono loro a indignarmi perché gli si confà, tutta la loro storia è fatta di soprusi, di distruzioni, di chiese e sinagoghe trasformate in moschee, di Budda giganti ridotti in briciole, di conversioni forzate, di stupri e distruzioni, di guerre. No, mi indigna il silenzio degli altri, la rassegnazione, la stupida tolleranza, la vigliaccheria, il lasciar correre per non farli incazzare perché poi magari fanno terrorismo. Meglio evitare, dunque. Stiamo tutti in silenzio mentre rubano le nostre radici, mi raccomando! Shhhhhhhh!

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT