venerdi 06 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Su Rai Uno le bellezze di Israele 07/08/2019
Su Rai Uno le bellezze di Israele
Commento di Deborah Fait

TG UNO/RAI ore 20.00, 6 agosto, minuto 23.39.


Risultati immagini per israel tourism
In spiaggia in Israele

Risultati immagini per israel tourism
Gerusalemme


Un bel servizio di Rai Uno al telegiornale delle ore 20 sul boom del turismo, cultura e religione in Israele, un incremento del 38% solo dall'Italia rispetto all'anno scorso. Belle le immagini di Gerusalemme, città santa per le tre grandi religioni, della modernità di Tel Aviv, considerata giustamente la Miami del Mediterraneo. Riprese suggestive di Cesarea, Masada, il Mar morto. Non solo turismo religioso ma anche visite molto laiche alla città-smart di Tel Aviv dove un turista, beatamente seduto in spiaggia, ha decantato la bellezza della città, il mare, il cibo, la storia, l'archeologia. Israele, paese della tecnologia e delle nuove tendenze, un paese per tutti, per chi vuole percorrere le antiche e storiche strade di Gerusalemme, visitare i tantissimi siti archeologici, o per chi vuole divertirsi. Unico punto negativo, se proprio vogliamo cercare il pelo nell'uovo, è il richiamo ai "territori palestinesi". Pare non sia possibile parlare di Israele, nemmeno dal punto di vista turistico, senza nominare quei "territori" contesi. Anni fa (oggi accade di meno per fortuna) ogni personalità politica in visita in Israele, doveva per forza andare anche a trovare i "padrini" di Ramallah, prima Arafat dopo Abu Mazen. Sarebbe come se un ministro in visita a Trieste fosse obbligato ad andare anche negli ex territori italiani dell'Istria, consegnati alla Jugoslavia dopo la fine della seconda guerra mondiale, guerra che l'Italia aveva perso. Nel caso di Israele sembra quasi che, se non si parla o non si visitano anche i territori contesi, si faccia uno sgarbo agli arabi che li abitano. Sembra essere e, in effetti è, un mutuo riconoscimento a diritti che non hanno. La solita paura di offendere chi si fa forte grazie alla mistificazione storica e al ricatto. Un bel servizio quello della Rai che sarebbe stato perfetto se si fosse limitato a parlare di Israele senza allargarsi troppo in territori che gli arabi palestinesi occupano indebitamente da 70 anni, nonostante Israele abbia vinto e stravinto tutte le guerre promosse dai paesi arabi.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT