domenica 21 aprile 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Sono i terroristi di Hamas i veri responsabili dell'oppressione degli arabi palestinesi a Gaza' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Notre Dame in fiamme 16/04/2019

Notre Dame in fiamme
Commento di Deborah Fait

Immagine correlata

La scena era incredibile, la colonna di fumo che si levava nel cielo ricordava l'11 settembre, lo sgomento e l'incredulità sono stati talmente profondi che nessuno ieri sera riusciva a dire qualcosa di diverso dalle solite frasi fatte. Poi il dubbio, chi è stato, come è possibile che gli addetti al restauro fossero così poco professionali da non mettere in sicurezza un simile tesoro dell'umanità. Le autorità di Parigi si sono affrettate a dire che non si trattava di terrorismo e ci si chiede perché si siano sentiti in dovere di dichiararlo pur senza prove e mentre la basilica stava ancora bruciando. La Francia è anticlericale dalla Rivoluzione Francese ma ieri sera ogni persona normale, e ribadisco normale, si è sentita sconvolta e allarmata alla vista di un simile disastro. In Francia sono state bruciate e dissacrate quasi 1000 chiese, tutto è accaduto nell'indifferenza generale e spesso con la connivenza della polizia e magistratura francesi. Alcune di queste sono state trasformate in moschee. Ho il timore che il mistero di Notre Dame non sarà mai risolto, non dimentichiamo che ormai i padroni della Francia sono gli islamici, sono tanti e fanno paura. Lo dimostra il processo contro l'assassino di Sarah Halimi, sessantacinquenne ebrea parigina, massacrata e gettata dalla finestra al grido Allahu Achbar. Secondo la polizia francese non fu terrorismo islamico me semplicemente abuso di cocaina da parte dell'assassino. Mettono la sporcizia sotto il tappeto nel tentativo di non far arrabbiare l'islam ma alla fine tutto uscirà per soffocarli e con la Francia tutta l'Europa. Già ieri sera, a poche ore dopo la tragedia il web si è riempito di faccine ridenti postate dai musulmani. "La gioia mi invade" questo era il leit motiv della maggior parte dei messaggi. Al Jazeera è stata letteralmente presa d'assalto dalla solita immondizia "Allah è grande, i crociati stanno pagando" Uno ha scritto "tutto il popolo di Allah trova l'incendio di Notre Dame molto divertente". Può darsi che non sia stato un attentato, forse lo sapremo forse no, certo è che tutto il mondo islamico, da Gaza a Ramallah, all'Indonesia sta festeggiando la sua ripugnante soddisfazione. Sia di lezione a quelli che si strappano i capelli se viene fatto uno sfregio all'islam e mi riferisco anche alle donne neozelandesi che sono andate in giro con il velo in testa in segno di solidarietà con i musulmani dopo l'attentato alla moschea. Siamo uno a mille e per quel uno ci battiamo il petto in preda al rimorso quando, in senso contrario, mai nessuno lo ha fatto per i tanti morti per mano dei terroristi arabi in Israele, dei terroristi islamici contro gli ebrei in Europa, contro chiese, aeroporti, ristoranti occidentali. Tutto questo è desolante perché non dimostra bontà nè generosità ma estrema debolezza verso chi rappresenta in questo momento storico il male che affligge l'umanità. La Francia non è una nazione simpatica e anche sui media italiani e sui social leggiamo insulti che trovo ignobili esattamente come quelli che, davanti all'attacco alle Twin Towers, scriveva "Ben gli sta". Notre Dame, piaccia o non piaccia, è un simbolo e averlo visto bruciare e crollare su se stesso (come le Torri) fa sentire insicuri e turbati. Un'amica ha citato Nostradamus e, anche chi è scettico come me, non può tuttavia non sentire un leggero brivido giù per la schiena: "La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l'Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti….per la discorde negligenza francese sarà aperto passaggio a Maometto, di sangue intriso la terra e il mare….." (Nostradamus, profezie) Profezie o no, terrorismo o no, superstizione o meno, tutte quelle risate islamiche sui social fanno paura.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT