domenica 15 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunitÓ ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Israele: oggi si vota! 09/04/2019

Israele: oggi si vota!
Commento di Deborah Fait

Sono molto emozionata per queste elezioni, come sempre importanti, ma questa volta lo sono particolarmente. Stiamo vivendo un periodo particolare con un presidente USA amico sincero e combattivo, il futuro di Israele dunque, con un simile alleato, potrebbe essere pi¨ tranquillo e sicuro, tutto dipenderÓ da quello che noi cittadini metteremo nelle urne, dal partito che la maggioranza voterÓ. Quelle buste che cadranno nelle urne decideranno se Israele potrÓ continuare ad essere un paese prospero, ricco e stabile come lo ha reso Benjamin Netanyahu negli ultimi anni o se cadremo nelle mani di un governo inesperto come potrebbe essere quello "kahol-lavan, azzurro-bianco" di Benny Ganz e Yair Lapid. Non Ŕ detto che un generale sia esperto di politica, anzi direi il contrario e la storia di Israele ce lo insegna. Finora Ganz si Ŕ dimostrato ben poco interessante, a volte preoccupante come quando ha detto di voler portare via gli israeliani da Giudea e Samaria lasciando i territori all'ANP, oltre a questo ha semplicemente passato il suo tempo a criticare e offendere Bibi, nulla pi¨, tanto da meritarsi un bel "Vergognati" da parte del premier. Yair Lapid, al quale anni fa molti israeliani affidarono le loro speranze, brillante giornalista, affascinante, figlio di un politico molto combattivo, si Ŕ rivelato un flop. Praticamente non ha fatto niente, tanto per essere generosa. Leggendo qua e lÓ, mi sono imbattuta in un articolo scritto da A.B.Yehoshua su Haaretz e ne sono rimasta sconvolta, non sorpresa conoscendo le idee dello scrittore, ma non pensavo arrivasse a tanto. Ha scritto che lui voterÓ Meretz e fin qui va bene, ognuno ha diritto alle proprie idee e a dare il voto a chi preferisce, ci mancherebbe altro. Il problema Ŕ che lo scrittore Ŕ arrivato a difendere le due Ong antiisraeliane/antisioniste/antisemite che diffondono nel mondo l'odio per Israele. La prima Ŕ Breaking the Silence, un gruppo di anonimi ex sedicenti soldati, al soldo della UE che li finanzia e li ospita per diffamare Israele in tutti i paesi dell'Unione.

Risultati immagini per Abraham B. Yehoshua
Abraham B. Yehoshua

La seconda organizzazione Ŕ B'tselem, in cui militano quasi solo arabi e qualche ebreo di estrema sinistra. Sono due Ong potenti e con tanti soldi (europei), che con la loro insana politica mirano alla distruzione di Israele dall'interno diffondendo solamente odio e menzogne. Le loro vergognose campagne contro lo stato e contro ogni governo in carica, destra o sinistra che sia, loro non fanno distinzioni, possono organizzarle solamente grazie alla democrazia israeliana. Questi attivisti che si vendono come pacifisti, vogliono la fine dell'"occupazione" e diffondono fake news a carrettate. Parlano di occupazione, come del resto fanno quasi tutti i media occidentali, pur sapendo che Giudea e Samaria, alias Cisgiordania, alias il nome inventato nel 48 di West Bank, non sono occupate ma legittimamente rivendicate da Israele. La Giordania aveva occupato quel territorio nel 1948, nel 1967 aveva aggredito Israele e quando un paese aggredito (Israele) vince ha il diritto di tenersi i territori conquistati all'aggressore (Giordania, Egitto, Siria) che ha perso la guerra. E' successo in tutto il mondo ma pare che questa regola non valga solo per Israele. Un articolo molto interessante Ŕ stato pubblicato ieri dal Jerusalem Post, a firma Ahmed Charai, un giornalista marocchino, direttore del Centro internazionale di studi strategici. https://www.jpost.com/Opinion/Who-will-lead-during-the-deal-of-the-century-586057 Charai praticamente scrive il contrario di quanto faccia A.B. Yehoshua nel suo "sinistro" pessimismo. Parla di come gli arabi israeliani siano diventati pi¨ realisti, vogliono sentirsi sicuri, vivere bene, mandare i loro bambini a scuola per ricevere una buona educazione. Vogliono una polizia e un esercito che li difenda e sia loro amico e non oppressore come accade ai loro "fratelli" dell'ANP o, peggio del peggio, di Gaza. Vogliono lavorare, vivere in un paese dove tutte le fedi siano rispettate, dove ci sia tolleranza. Un'altra analisi di alcuni giorni fa diceva infatti che la maggior parte degli arabi israeliani non voterÓ i partiti arabi, preoccupati solo di soffiare odio tra le popolazioni senza pensare di migliorare la vita dei loro correligionari. Per questo, continua Charai, chiunque vinca le elezioni, il futuro di Israele dovrÓ esistere nell'alleanza tra gli ebrei e la classe media araba che desidera vivere bene. Se Bibi vincerÓ le elezioni, questo paese continuerÓ a progredire in tutti i sensi, economicamente, socialmente, culturalmente ed Ŕ stato dimostrato negli anni. Netanyahu con un magistrale lavoro diplomatico Ŕ riuscito a dialogare in modo soddisfacente con i paesi arabi sunniti che rappresentano 80% del mondo islamico contro il 15% sciita (Iran. Iraq). I suoi nemici parlano di una destra sempre pi¨ estrema che approva la promessa annessione di Giudea e Samaria. Il centro di Ganz e la sinistra invece auspicano uno stato palestinese che diventerebbe una seconda Gaza mettendo Israele in un pericolo mortale continuo. Cosa scegliere? Beh, io vado a votare e auguri a tutto Israele!

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT