venerdi 18 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Isis non c'entra niente con l'islam? Un video per capire (con sottotitoli in italiano)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Il mondo all'incontrario: Italia/Europa visti da Israele 23/03/2019

Il mondo all'incontrario: Italia/Europa visti da Israele
Commento di Deborah Fait

Se fossi il genitore di uno dei 51 bambini di cui è stata sventata la strage per mano di un sengalese, grazie al coraggio di alcuni ragazzini, della bidella che li aveva legati male e dei bravissimi carabinieri, avrei mal di stomaco e la testa in fiamme per la rabbia e l'indignazione. Veramente è proprio quello che provo pur non essendo personalmente coinvolta. 
Sono disgustata, incazzata, furibonda per gli scellerati commenti di alcuni soggetti della sinistra italiana. Commenti vergognosi, privi di umanità, privi di empatia verso quei ragazzini che hanno passato minuti di vero e proprio terrore con la consapevolezza che il terrorista senegalese voleva ammazzarli tutti bruciandoli vivi.
Immagine correlata
Gad Lerner

Incominciamo da Gad Lerner: " "La follia criminale del cittadino italiano Ousseynou Sy è l'esito di una contrapposizione isterica che manifesta ostilità agli immigrati additandoli come privilegiati, negando le loro sofferenze e la loro umanità. Impersonata per fortuna dai bambini di Crema e dai carabinieri di San Donato Milanese". 
Immagine correlata
Livia Turco                    Ousseynou Sy

Poi le parole oscene di Livia Turco pronunciate durante la trasmissione Agorà "Condanniamo il gesto ma va compreso". 
Di fronte a queste parole Serena Bortone, la conduttrice della trasmissione, è saltata come morsa da una tarantola :"Come compreso???". Guardate il breve video e inorridite:
https://www.bufale.net/la-gaffe-di-livia-turco-ed-il-senegalese-da-comprendere-tra-indignazione-social-e-precisazioni/ 
 Se non sapessimo che per la sinistra, sia quella laica che di marchio cattolico, è un obbligo mettersi dalla parte dei carnefici, fa parte del loro modo confuso di pensare, dello scellerato "porgi l'altra guancia", dovremmo pensare che il loro cervello fa strani scherzi. 
Quel senegalese voleva bruciare vivi 51 bambini, li aveva ammanettati e aveva cosparso tutto il bus di gasolio, non è per niente pentito, ha detto che lo rifarebbe 100 volte e c'è della gente che parla di comprensione?
Un altro genio, Luca Bottura, giornalista, scrittore, conduttore radiofonico e telrevisivo, ha scritto:" "Un cittadino senegalese con cittadinanza italiana è un italiano. E il titolo di questa notizia è: "Autista squilibrato crea code sulla Paullese".  E il nostro ministro dell'interno è razzista". 
Crea code? Ha sequestrato 51 bambini, li ha terrorizzzati, legati e cosparsi di benzina per fare una strage e…. crea code? Ma che sostanze assume certa gente? Naturalmente il responsabile di tutto è Salvini che, come ha dichiarato la Boldrini, ha diffuso gocce di veleno tra gli italiani che hanno bevuto quell'acqua avvelenata per ben 5 anni. 

Si, il mondo è deviato, il male e il bene vengono scambiati, chi ammazza o tenta di farlo, se è musulmano o di colore, va capito perché è comunque colpa nostra, di noi occidentali. Dopo il massacro di musulmani fatto da un terrorista bianco in Nuova Zelanda, i media non sapevano più come fare per strapparsi più capelli possibile. 
Alla Tv neozelandese le giornaliste, dal giorno dell'attentato, si presentano con il capo velato, se non fosse ridicolo sarebbe da piangere per tanta sottomissione, per una simile idiozia. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=366539217273088&set=a.102767630316916&type=3&theater . 
Come scriveva Oriana Fallaci " l''islam non attacca solo fisicamente, si insinua nella menti e nella cultura". E' quanto sta accadendo e non mi stupirei se in Nuova Zelanda si applicasse quanto prima la legge della sharia per onorare i musulmani e chiedere loro scusa in eterno: "Fate di noi perfidi crociati e perfidi giudei quello che volete" . 
Nelle stesse ore del massacro in N.Z., in Nigeria venivano uccisi centinaia di cristiani. Ne hanno uccisi 16.000 in un anno in quel paese, senza una parola della maggior parte dei media, non una parola, se non en passant, di Papa Francesco, quando proprio non poteva farne a meno.
In Israele ogni giorno si accoltellano o sparano contro cittadini israeliani. 
Giorni fa un terrorista di 19 anni ne ha ammazzati due, un ragazzo di vent'anni e un rabbino padre di 12 figli. Abu Mazen ha dichiarato che l'assassino e' un eroe anche martire perché due giorni dopo Tzahal lo ha ammazzato durante uno scontro a fuoco. Altri soldi europei per la famiglia dell'assassino. 
Secondo un sondaggio i terroristi e le loro famiglie ricevono stipendi più alti di chi nell'ANP fa il medico o l'avvocato. Non dobbiamo meravigliarci se ammazzare israeliani, significa assicurarsi la pensione e l'assicurazione a vita per la famiglia. Pagate europei, pagate! 

Un'altra notizia di come questo mondo sia deviato e privo di valori: il terrorista Kobili Traore, assassino di Sarah Halimi che, a Parigi, ha torturato, stuprato e gettato la povera donna dalla finestra al grido di Allahu Akbar, non verrà processato con questa motivazione :" L'imputato e' sano di mente, ma la notte dell'omicidio non era responsabile delle sue azioni a causa di un attacco psicotico derivante dal consumo di cannabis in grandi quantità". Morale, riempiamoci di cannabis, andiamo in giro ad ammazzare innocenti e nessuno ci processerà. 

I media hanno comunque la possibilità di indignarsi e proprio in queste ore ne hanno l'occasione alla notizia che Donald Trump ha riconosciuto, dopo 52 anni, la sovranità di Israele sulle Alture del Golan. Questo si che è uno scandalo con i fiocchi per la maggior parte dei media, perbacco! Riassumiamo un po' di storia: Israele ha conquistato il Golan vincendo la guerra del 1967 quando 5 paesi arabi in assetto di guerra e armati fino ai denti si sono mossi per annientare il paese, rapirne le donne e ammazzare i bambini (ordini di Nasser). Nel 1973 la Siria aveva tentato di riprendersi il territorio ma Israele aveva vinto un'altra volta confermando il risultato del 67. Nel 1984 il Golan è stato annesso per la sua importanza storica e strategica per la sicurezza di Israele. Non dimentichiamo che la Siria, da quelle alture, bombardava le valli sottostanti da 20 anni e che proprio negli ultimi tempi, l'Iran ha posizionato le sue truppe Hezbollah lungo quei confini. Inoltre in entrambe le guerre del '67 e del '73 le truppe siriane sono scese da quel altipiano per attaccare Israele. Trump ha fatto un altro bel regalo a Israele ed è un'ennesima vittoria diplomatica per Benjamin Netanyahu a pochi giorni dalle elezioni.

Immagine correlata
Enrico Mentana


Nel gruppo osceno degli ebrei contro Israele va messo in tribuna d'onore, o meglio, del disonore, Enrico Mentana che nel suo TG di venerdi' sera, dopo aver elencato serenamente e simpaticamente, come se avessero ragione, tutti quelli che si sono scagliati contro la decisione di Trump, ha avuto la disonestà di non dire una sola parola su quello che i siriani facevano dalle alture del Golan dal 1948 al '67 quando nei kibbuzim sottostanti i contadini dovevano lavorare i campi di notte per non essere colpiti dal fuoco siriano e durante il giorno i bambini dovevano andare a scuola nei bunker, per 20 anni, non per due giorni. 
Questo doveva dire chi avesse avuto un minimo di etica e di onestà giornalistica e questo non è stato detto. Enrico Mentana! Vergogna! Ma che razza di giornalista è chi, avendone la possibilità (è lui il padrone del suo TG), non ha l'onestà e il coraggio di fare un quadro completo della situazione per informare il pubblico come etica vorrebbe! 
"E' tempo di riconoscere la sovranità di Israele sul Golan" ha scritto Trump. La Russia protesta, Al Sisi protesta, Re Abdallah protesta, i palestinisti protestano. E Israele dice "protestate pure, qui siamo e qui restiamo".

Ma la notizia più schifosa arriva da Ginevra dove il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite ha condannato Israele per l'ennesima volta, nemmeno una parola sulle violenze inimmaginabili dei palestinesi di Gaza. La nota dell'ambasciatore in Italia Ofer Sachs, riportata da Shalom:https://www.shalom.it/blog/mondo/onu-diritti-umani-ennesima-condanna-di-israele-e-assoluzione-di-hamas-italia-si-a-astenuta-b372631  "A quattordici anni dal ritiro israeliano dalla Striscia cinquantamila militanti di Hamas continuano a vessare la popolazione locale insistendo con l'agenda del radicalismo islamico. ….crediamo che al fine di creare un cambiamento sostenibile nelle attività di questo Consiglio, gli Stati membri, compresa l'Italia, debbano fare molto di più e per questo, non possiamo ignorare la nostra amarezza rispetto all'astensione italiana. Il governo di Israele e le forze armate continueranno a difendere la sovranità del territorio e la sicurezza dei propri cittadini". 
Beh, era previsto tutto, compresa l'astensione dell'Italia, sempre così coraggiosa nelle sue decisioni. Soltanto 4 nazioni hanno votato contro: Danimarca, Austria, Inghilterra, Australia (gli USA avevano abbandonato il Consiglio un anno fa in segno di protesta per l'ossessione anti Israele degli stati membri), buon segno, l'anno scorso erano solo due, Australia e USA.
La risoluzione di quest'anno chiede l'embargo delle armi a Israele…. che, secondo loro, non ha il diritto di difendersi. Chiede di accusare Israele di crimini di guerra e di portarlo davanti alla Corte Internazionale. E' stato preparato un dossier di 252 pagine in cui sono elencati tutti crimini di Israele contro la pacifica popolazione di Gaza durante la sua gioiosa "Grande marcia del ritorno", tanto gioiosa da esser fatta a suon di bombe, preservativi volanti ed esplosivi, giocattoli-bomba per divertire i bambini israeliani e pneumatici dati alle fiamme per respirare un po' di salutare fumo nero. Il commissario dei diritti umani, Michelle Bachelet, porterà il dossier, che non fa nessun cenno alle violenze palestiniste, davanti alla Corte Internazionale dell'Aja. Lascio a chi legge l'onore di commentare, io non ho più parole.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT