sabato 16 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Benjamin Netanyahu a reti unificate parla agli israeliani 08/01/2019

Benjamin Netanyahu a reti unificate parla agli israeliani
Commento di Deborah Fait

Immagine correlata

E' stato un discorso breve e molto serio. Il premier ha spiegato di aver chiesto più e più volte ai giudici un confronto con i testimoni, "un confronto pubblico perchè i cittadini devono sapere tutto" ma le sue richieste sono sempre state rifiutate. "Cosa hanno da nascondere? Cosa temono? Io non ho paura, non ho motivo di averne perciò questa sera ripeto la mia richiesta" Naturalmente, ha ribadito il premier, sia il governo che la Knesset non possono essere immuni da critiche esattamente come non può esserlo il sistema giudiziario, uno dei pilastri della nostra democrazia. Riguardo al caso 4000 (il supposto accordo con Bezeq Walla per avere dalla sua parte i media) Bibi si domanda "Di cosa stanno parlando? Io avrei pagato l'informazione in mio favore? ? Io? La persona più odiata dai media? Assurdo!" Nel suo discorso ha accusato apertamente la sinistra israeliana "Se io ripetessi il disimpegno e obbligassi gli israeliani di abbandonare Giudea e Samaria, se dividessi Gerusalemme, se non mi preoccupassi della sicurezza di Israele, le accuse contro di me cadrebbero all'istante. Ma io non lo farò mai!" Ho ascoltato anche il dibattito seguito al messaggio di Netanyahu ed è incredibile come tutti i giornalisti di sinistra siano contro di lui, "ha gridato al lupo al lupo inutilmente", hanno detto, così quando avrà davvero bisogno di aiuto non gli crederà più nessuno". Una voce forte in suo favore è quella di Miri Regev, ministro della cultura:" Le accuse contro Netanyahu sono assurde e ingiuste. Non si vede tutti i giorni che una persona investigata chieda un confronto con i propri accusatori. Questo è solo uno show in cui gli investigatori non sono interessati alla verità ma solo a quello che fa loro comodo. Io sono con Netanyahu e credo nella sua innocenza". Chi crede nell'innocenza del premier è il popolo di Israele, il Likud è sempre il primo partito che guida i sondaggi per un motivo molto semplice, con lui al governo ci si sente sicuri. Lui sa come difendere Israele senza lanciarsi in guerre inutili che comunque non potrebbero distruggere Hamas, anzi lo renderebbero ancora più forte agli occhi dei palestinesi e aumenterebbe il loro fanatismo. Guerre che avrebbero l'unico risultato di fare tante vittime e alienarci amicizie faticosamente conquistate. La capacità diplomatica di Netanyahu è leggendaria, la sa usare al meglio, con pacatezza e acuta intelligenza, senza però rinunciare a rispondere chirurgicamente, colpo su colpo, agli attacchi arabi. Il minuscolo Israele è al terzo posto nella tecnologia, nel numero di start up, dopo due giganti come USA e Cina. Pechino è addirittura il secondo partner commerciale di Israele. Nonostante il costante pericolo di guerra, le 5 guerre già vissute, il terrorismo, il boicottaggio, cose che metterebbero in ginocchio qualsiasi nazione del mondo, Israele gode di un'economia resistente, sicura e in continua crescita. La disoccupazione è minima, il Pil cresce nonostante il migliaio di razzi lanciati da Gaza nell'anno appena trascorso, nonostante i campi devastati dagli aquiloni e palloncini incendiari. Il lavoro e il dinamismo degli israeliani viene gestito al meglio da Netanyahu che ha fatto di Israele uno dei paesi più evoluti, ricchi e acculturati dell'occidente. Il miracolo israeliano non si ferma, ha in Netanyahu una grande guida, questo il popolo lo sa, lo rispetta e lo vota.

 

Immagine correlata
Deborah Fait


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT