martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Quando all'Onu parla Benjamin Netanyahu 29/09/2018
29.09.2018 Quando all'Onu parla Benjamin Netanyahu
Commento di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 29 settembre 2018
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Quando all'Onu parla Benjamin Netanyahu»

Quando all'Onu parla Benjamin Netanyahu
Commento di Deborah Fait

L'analisi di Tova Lazaroff sul discorso di Benjamin Netanyahu, pubblicato dal Jerusalem Post del 28/9, inizia con queste parole "Israele può essere il paese meno amato dai 193 membri dell'ONU ma il suo premier è uno degli oratori più brillanti. E, quando incomincia a parlare dell'Iran, riesce a trasformare una platea ostile in un gruppo di amici." Oggi ho ricevuto tante telefonate da amici israeliani e la domanda era sempre la stessa "Hai sentito il discorso di Bibi?". L'ho sentito, altrochè se l'ho sentito, dalla prima parola all'ultima, ed è stato da pelle d'oca.

Immagine correlata

nel link con i sottotitoli in italiano Bibi si rivolge all'Onu A Trump
uscito ieri su IC:
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=72179

La prima parte tutta dedicata all'Iran, al suo nucleare, al pericolo per il mondo intero e rivolgendosi ai pretacci di Teheran ha detto "Tutto quello che fate noi lo vediamo, tutto quello che dite noi lo sappiamo, sapremo difenderci da qualsiasi attacco e vi combatteremo dovunque. Agiremo contro di te, Iran, in Siria, in Iraq, in Libano, a Gaza, agiremo contro di te a casa tua, agiremo contro di te, ovunque e in qualsiasi momento. Agiremo contro di te per difendere il nostro stato d'Israele e il nostro popolo". Per non lasciare ai presenti dubbi sul pericolo che corre il mondo intero ha mostrato delle mappature fotografiche del sito nucleare dove in rosso era scritto "Magazzino atomico segreto". 300 tonnellate di materiale atomico. Ha consigliato, scherzando con molta amarezza, gli abitanti di Teheran di comperare un contatore Geiger su Amazon perchè materiale atomico e' stato sepolto tutto intorno alla città poi, seriamente, ha parlato di quanto gli iraniani siano stanchi dei tiranni di Teheran, nelle piazze non urlano più " A morte Israele" ma "Fuori gli ayatollah". 
Risultati immagini per netanyahu onu

Io non credo che gli europei daranno ascolto a Bibi, cialtronissimi, andranno avanti a fare affari con quel paese guidato da dittatori criminali come ha ribadito anche recentemente la Mogherini. "Terroristi iraniani, continua Netanyahu, sono stati trovati qui negli USA, settimane fa in Europa cui chiedo di appoggiare le sanzioni poste dagli Usa, da Israele, e da molti paesi arabi". L'Europa invece che fa? Stende i tappeti rossi a Rouhani e a qualsiasi leader iraniano che metta piede e portafoglio sul Vecchio Continente per fare affari con i cialtroni. La seconda parte del discorso è stata commovente, Israele. L'orgoglio di appartenere a questo paese che tanto ha dato e tanto da al mondo in ogni campo, nella scienza, nell'agricoltura, nella medicina, nella tecnologia, nella cultura. L'orgoglio di avere dei soldati, figli nostri, che difendono con coraggio il Paese offrendogli tre anni della loro gioventù. L'orgoglio per un popolo che, lavorando duramente, ha creato dal nulla questa meraviglia di paese e di democrazia. Infine ha contestato le accuse che il resto del mondo fa a Israele, razzismo e apartheid, smontandole una per una. Razzismo? Ogni cittadino di Israele ha gli stessi diritti a qualsiasi etnia appartenga. Apartheid? Vi sono arabi negli ospedali, nell' esercito, nell'Alta Corte di Giustizia, alla Knesset. Ne ha avute anche per Abu Mazen, dai tanti soldi che da ai terroristi, alla pena di morte in pubblica piazza per chi vende un terreno o una casa agli ebrei, e poi i palestinesi osano accusare di razzismo Israele dove vige la libertà assoluta per tutti. Mentre parlava ogni tanto le telecamere inquadravano i delegati iraniani, impassibili come statue, e quelli palestinesi che masticavano rabbia. Netanyahu è un fantastico oratore, lui ha fatto della parola una vera e propria arte, riesce a ipnotizzare il pubblico, parla con chiarezza, con calma, con intelligente ironia, con sentimento. Gli amici di Israele ma soprattutto i nemici sono là che pendono dalle sue labbra. Nessun membro dell'ONU rinuncia a sentire i discorsi di Bibi quando parla al Palazzo di Vetro. Sgomitano per entrare perchè è un piacere ascoltarlo. La parte destinata al pubblico era piena e plaudente. La sala, enorme, dei delegati che spesso è semivuota, era ben frequentata e, soprattutto, nessuno è uscito mentre Bibi parlava. Una volta che incomincia è impossibile smettere di ascoltare. Credo che quello di giovedì sia stato uno dei più bei discorsi di Bibi all'ONU. Ha superato se stesso e noi ne siamo orgogliosi, di più, siamo gonfi di orgoglio..

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait 
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT