giovedi` 21 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Trieste e le leggi razziste del '38 20/09/2018

Trieste e le leggi razziste del '38
Commento di Deborah Fait

A destra: il Corriere della Sera annuncia le leggi razziste contro gli ebrei

https://video.gelocal.it/ilpiccolo/locale/mostra-sulle-leggi-razziali-censurata-cosa-e-successo-a-trieste/98718/99161?ref=hfpitsev1-1

Riprendo il tema delle Leggi Razziali perchè a Trieste continua la saga "si alla mostra....no alla mostra". Mi chiedo come sia possibile che il sindaco Dipiazza, Forza Italia, e il suo assessore alla cultura Giorgio Rossi, non si vergognino. La storia è presto detta, gli studenti del Liceo Petrarca con la loro insegnante avevano preparato una mostra sul tema, mostra che doveva essere presentata il 12 settembre, alcuni giorni prima della data in cui Mussolini, proprio da Trieste, annunciò alla popolazione inneggiante l'applicazione delle leggi speciali razziste per gli ebrei italiani. La mostra doveva essere approvata dall' assessorato all'educazione che disse no, quel titolo non va bene, è troppo forte. Quale era il titolo? "Razzismo in cattedra". Troppo forte? La verità è forte? Forse l'assessore Rossi non sa che i docenti e gli studenti ebrei vennero sbattuti fuori dalle scuole di ogni ordine e grado? Non lo sa che i docenti "ariani" entrarono nelle varie classi per dire ai bambini, ragazzi, universitari e docenti ebrei di raccogliere i loro libri e andarsene? E allora il razzismo, se non in cattedra, dove era? Era nelle scuole, era in quella Piazza Unità dove, ai deliri del Duce, la popolazione aveva risposto con ovazioni oceaniche. La caccia all'ebreo divenne totale ma furono i docenti a scacciare gli ebrei dalle scuole. I docenti! In piedi davanti alle loro cattedre! E' questa la verità e chi ha paura di dirla non può rappresentare nessuno oltre alla propria vergogna. Meglio la prudenza, dice Rossi. Meglio la vigliaccheria, dico io, meglio dare una bella lavata con la varecchina e dimenticare. Ho avuto modo di conoscere, per via epistolare l'assessore Rossi, alcuni anni fa quando aveva dato il benestare a una mostra sulla Palestina organizzata da Salam, i ragazzi dell'olivo. Il nome pacioso e romantico non deve trarre in inganno, -Salam i ragazzi dell'olivo- è un'organizzazione antisemita molto attiva a Trieste, anche nelle scuole dove va a fare il lavaggio del cervello ai ragazzi. Sono pericolosi e infidi perchè si presentano con aspetto dimesso, gentile e sorridente e, dolcemente, raccontano le peggiori infamie contro Israele. Dunque, riepilogando, il signor Rossi censura una mostra sulle Leggi razziali, da il benestare per una mostra antisemita e, udite udite, da anche il permesso di fare a Trieste un raduno di Casa Pound a novembre. Aveva inoltre dichiarato, nel 2016, che Tito, il dittatore comunista, quello che voleva impossessarsi di Trieste, "è stato indubbiamente un grande statista". E il sindaco? Ha qualcosa da dire? No, i conigli non parlano e lui sulla mostra del Petrarca ha bofonchiato qualcosa...forse...vedremo.... e su Casa Pound ha detto timidamente "io sarei contrario". Su "Razzismo in cattedra" la censura resta nonostante le proteste di parte della popolazione, non tutta purtroppo, nessun plebiscito, nonostante il Piccolo abbia dedicato per diversi giorni la sue prime pagine alla vergogna del Comune e il 18 settembre abbia avvolto il giornale In una sovracopertina per NON DIMENTICARE. Voglio rinfrescare la memoria sia al sindaco Roberto Dipiazza che all'assessore Giorgio Rossi, sepolcri imbiancati, con il testo del regio decreto sulle leggi antisemite che riguarda solo le scuole, quindi le cattedre:

Immagine correlata
La Risiera di San Sabba

________________________________________________________
REGIO DECRETO LEGGE n. 1390 5
Settembre 1938 (Pubblicato il 13 Settembre 1938 sul n.209 della Gazzetta Ufficiale)

PROVVEDIMENTI PER LA DIFESA DELLA RAZZA NELLA SCUOLA
Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di dettare disposizioni per la difesa della razza nella scuola italiana; Udito il Consiglio dei Ministri; Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per l'educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze; Abbiamo decretato e decretiamo:

Articolo 1. All'ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere ammesse persone di razza ebraica, anche se siano state comprese in graduatorie di concorso anteriormente al presente decreto; nè potranno essere ammesse all'assistentato universitario, nè al conseguimento dell'abilitazione alla libera docenza.

Articolo 2. Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica.

Articolo 3. A datare dal 16 ottobre 1938-XVI tutti gli insegnanti di razza ebraica che appartengano ai ruoli per le scuole di cui al precedente art. 1, saranno sospesi dal servizio; sono a tal fine equiparati al personale insegnante i presidi e direttori delle scuole anzidette, gli aiuti e assistenti universitari, il personale di vigilanza delle scuole elementari. Analogamente i liberi docenti di razza ebraica saranno sospesi dall'esercizio della libera docenza.

Articolo 4. I membri di razza ebraica delle Accademie, degli Istituti e delle Associazioni di scienze, lettere ed arti, cesseranno di far parte delle dette istituzioni a datare dal 16 ottobre 1938-XVI.

Articolo 5. In deroga al precedente art. 2 potranno in via transitoria essere ammessi a proseguire gli studi universitari studenti di razza ebraica, già iscritti a istituti di istruzione superiore nei passati anni accademici.

Articolo 6. Agli effetti del presente decreto-legge è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione diversa da quella ebraica.

Articolo 7. Il presente decreto-legge, che entrerà in vigore alla data della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Regno, sarà presentato al Parlamento per la sua conversione in legge. Il Ministro per l'educazione nazionale è autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.

ORDINIAMO che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella raccolta delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Dato a San Rossore, addì 5 settembre 1938 - Anno XVI Vittorio Emanuele, Mussolini, Bottai, Di Revel __________________________________________________________

Immagine correlata
Paolo Rumiz

Una parte della mia famiglia è finita alla Risiera di San Sabba e da là ad Auschwitz da dove nessuno è tornato. Mi rattrista e mi schifa che la mia città, nella figura dei suoi rappresentanti, ne censuri il Memoria e che la popolazione non sia insorta come avrebbe dovuto. Come scrive Paolo Rumiz in un bellissimo articolo che vi invito a leggere: "La città cala le braghe di fronte a una giunta che getta cloroformio sui delitti del fascismo". Ha ragione Rumiz, Trieste ha calato le braghe ed è uno schifo. Rossi ha portato un mazzetto di rose davanti alla targa commemorativa in Piazza Unità e così crede di essersi lavato la coscienza. Se la popolazione avesse avuto il coraggio di insorgere sarebbe stato consolante, avrebbe riequilibrato lo schifo di due persone indegne. Il silenzio e l'indifferenza invece sono stati devastanti. Solo il rabbino ha protestato duramente, lo stesso rabbino che aveva abbandonato la cerimonia alla Risiera nella Giornata della Memoria, il 27 gennaio, alla vista tra il pubblico di bandiere palestinesi. La mediocrità è di tanti, il coraggio di pochi, pochissimi. Articolo di Paolo Rumiz: http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2018/09/18/news/se-la-citta-cala-le-braghe-di-fronte-a-una-giunta-che-getta-cloroformio-sui-delitti-del-fascismo-1.17262143

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT