venerdi 22 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Tg3 Rai: in 3 minuti 7 volte la parola 'colono' 17/09/2018

Tg3 Rai: in 3 minuti 7 volte la parola 'colono'
Commento di Deborah Fait

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ef6a24dd-1e8e-4507-8510-5d43bf67fc73.html

Immagine correlata
Ismail Haniye (Hamas) con Abu Mazen

Quando la Rai si deciderà a cambiare linguaggio? Domenica mattina un terrorista palestinese diciassettenne ha ucciso a coltellate Ari Fuld distruggendo l'ennesima famiglia israeliana. Una moglie e quattro bambini sono rimasti a piangere, non sono soli, sono sorretti dal dolore di tutto Israele ma non è accettabile che una persona, un padre, un marito, un patriota, recandosi al lavoro, riceva una coltellata nella schiena da uno stronzetto palestinese diventato terrorista nella scuola dell'URNWA che frequentava. Erano una bella famiglia i Fuld, serena, vivevano a Gush Etzion, un villaggio a sud di Gerusalemme, fondato nel 1940 su una proprietà acquistata nel 1920. Ebbene, la Rai, telegiornale di Rai Tre, nel servizio delle ore 19 di domenica, ha dato la notizia pronunciando per ben 7 volte le parole "colono-colonia" nel giro di un paio di minuti. La parola terrorista non è mai stata pronunciata, sostituita da "assalitore...che ha sfogato la sua rabbia....". Rabbia? Khalil Jabarin e' un ragazzo di famiglia benestante, ha una bella casa, va a scuola. Adesso viene curato all'ospedale Hadassa di Gerusalemme dai migliori medici di Israele. Poi andrà in galera, spero a vita, dove potrà continuare gli studi, magari diplomarsi, forse laurearsi e mangiare Halal come la sua religione prescrive. E' rimasto ferito non gravemente e alla fine è stato appurato che a sparare è stata la sua vittima, Ari, con le ultime forze, prima di morire, per evitare che l'assassino colpisse altre persone. Ari Fuld, pugnalato alla schiena come fanno sempre i terroristi. Vigliacchi e stramaledetti, pugnalano sempre alla schiena, sparano sempre alla schiena in modo che le loro vittime non possano difendersi. Domenica sera abbiamo avuto i funerali di Ari Fuld, strazianti, i suoi bambini presenti. Posso augurarmi solo una cosa, il minimo, che Zahal distrugga la casa del terrorista fino all'ultimo mattone, tanto Abu Mazen provvederà a dare alla famiglia 3000 $ e uno stipendio a vita all'assassino. La domanda è: quando i servizi della RAI, pagati dagli italiani, si decideranno a dire la verità?

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT