giovedi` 21 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Difendi Israele? allora Facebook ti censura! 23/06/2018

Difendi Israele? allora Facebook ti censura!
Commento di Deborah Fait

 

Era già successo: la prima volta sono stata bloccata per tre giorni, la seconda per una settimana, la terza per un mese intero e sono stata avvisata da FB che la prossima sarà per un anno, poi per sempre. 
Vanno per gradi. Tutto questo succede se si difende Israele, magari con toni appassionati, dalle ingiurie e dalle mistificazioni dei tantissimi gruppi filopalestinesi che sono presenti sul social in questione. 
Questa volta sono stata "punita" per aver scritto che a Gaza dei giovani terroristi hanno ammazzato a legnate un asinello che poi hanno bruciato. L'episodio è visibile su internet ma, anzichè indignare gli animalisti, ha fatto incazzare i filopalestisiti che devono aver mandato ai vari algoritmi, termine astratto che i più, me compresa, non sanno cosa sia, molte proteste. 
Il risultato è stato il blocco immediato del mio profilo. 
Non capita solo a me naturalmente, a turno quasi tutti i miei contatti sono stati e continuano ad essere puniti con la chiusura dell'account per aver difeso Israele. Conoscendo l'andazzo del web,  uno si rassegna e accetta anche perchè non è possibile discutere con un algoritmo. 
Si è presi però da una grande rabbia quando noi, segnalando le innumerevoli ingiurie e maledizioni contro gli ebrei e contro Israele, ci sentiamo rispondere " il post che hai segnalato non viola gli standard di Facebook". Sui social si leggono le offese più oscene contro gli ebrei, si parte dal solito "maledetti giudei" a "riapriamo le camere a gas" passando per "ebrei nazisti, sionisti assassini".

Immagine correlata
Samantha Comizzoli

Prendiamo per esempio Samatha Comizzoli, conosciuta da molti, quella che si era fatta fotografare sorridente davanti a un forno acceso mentre faceva il segno di vittoria. Quella che fa girare in Italia un suo film intitolato "Israele il cancro", quella che sul suo profilo scrive"Buongiorno Palestina e resto del mondo occupato dal mostro nazista israeliano". 
Un suo contatto deve averla deliziata quando le ha scritto sul social: "Sam, che sia cancellato lo stato sacrilego di Israele dalla faccia della terra, è quanto voglio vedere con i miei occhi prima di chiuderli per sempre". 
La Comizzoli e tanti altri come lei, odiatori feroci di Israele, hanno sempre la facoltà di vomitare infamie antisemite senza che nessuno li fermi, liberi di divulgare la loro propaganda indisturbati. 
Qualcuno però ha voluto, se non altro, deridere questa misera sacerdotessa del male (forse è il modo migliore per combattere certi personaggi ignoranti e perfidi) creando una pagina molto ironica dal titolo "Tutte le cazzate di Samatha Comizzoli" https://www.facebook.com/barraffaella/ . 
In Italia, come nel resto d'Europa, l'odio antisemita è ormai virale, peggio della peste bubbonica. E' appena accaduto in un albergo a Certosa di Pavia. Una turista israeliana molto contenta della sua vacanza, come ha affermato in seguito, compilando la recensione su Booking.com mentre viaggiava in auto verso l'aeroporto, ha sbagliato e anzichè mettere 10 stelle ne ha messe cinque. E' rimasta sconvolta e tremante quando ha ricevuto una mail da parte dell'albergo "Voi ebrei non siete mai contenti! Non lamentatevi se in Europa stanno tornando nazisti e fascisti. C'è un motivo....Voi!" 
Si, la direzione dell'hotel si è scusata chiedendo perdono e ha sospeso il dipendente autore della vergognosa missiva. Le scuse dovute non possono però cancellare la realtà, una realtà crudele, indegna, sconfortante perchè assolutamente immotivata e inutile. Una realtà fatta di un vento gelido di odio inesauribile contro gli ebrei che soffia nell'animo della gente comune. 
Non è l'antisemitsmo di politici o giornalisti ideologizzati, nemmeno di tifosi fanatici, no questo è l'odio di chi starebbe in silenzio, sorridendo tra sè, se vedesse portar via gli ebrei sui treni merci. La stessa gente che, ottant'anni fa, vedendoli transitare faceva il segno di tagliare la gola agli occhi disperati che cercavano un aiuto che non sarebbe mai arrivato.https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/18_giugno_22/bella-nudelman-hotel-ristorante-italia-certosa-pavia-booking-com-voi-ebrei-mai-contenti-fascisti-nazisti-86d71f78-75fa-11e8-891d-7017f1270990.shtml

Stiamo attenti, continuiamo a lottare sui social, ci bloccano ma appena riammessi ricominciamo, non fermiamoci mai. Difendiamo Israele con la verità e la certezza di essere dalla parte giusta, quella di chi vuole conservare la bellezza e la gioia in un mondo sempre più brutto, violento e pericoloso.

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait 
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT