lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Imbarazzante Tg3 08/01/2018
Imbarazzante Tg3
Commento di Deborah Fait

http://www.raiplay.it/video/2017/12/TG3-nel-Mondo-36ca116c-8576-4a03-a790-cb48b39b0ce7.html

Immagine correlata

Imbarazzante la trasmissione condotta da Maria Cuffaro sabato sera a TG3 Mondo. Il protagonista del primo servizio è, e non poteva andare diversamente visto il livello infimo di certo giornalismo, Donald Trump e il libro di Michael Wolf, definito best seller dalla Botteri, Fire and Fury. Con un "Donald Trump più rabbioso che mai" della Cuffaro parte il collegamento con Giovanna Botteri da New York ed è a questo punto che ha inizio l'imbarazzo vero e proprio. Immaginiamo l'espressione di chi vuole irridere qualcuno di molto spregevole, sarcasmo misto a disprezzo, questo è l'atteggiamento della Botteri durante tutta la durata del collegamento: " "Trump è giudicato all'unanimità dagli intervistati del libro, come un idiota, un incapace, un cretino ma lui -e qui parte una risatina a bocca storta dalla nostra inviata- assicura di essere un genio stabile, di aver frequentato i migliori college americani, di essere un abile uomo d'affari, di essere stato eletto presidente". Un collegamento al limite del grottesco di una tv spazzatura che non ha vergogna di sè. Terminato lo schifo Botteri ecco che ne ha inizio un secondo con Alberto Negri il quale oltre a dire le solite ovvietà sull'Iran senza mai usare le parole proibite, DITTATURA ISLAMOFASCISTA, ogni volta che si riferisce a Trump non ne pronuncia il nome ma usa un dispregiativo e sarcastico "very stable genius" con frasi del tipo " vediamo come se la caverà il very stable genius". Evviva il livello del giornalismo italiano! Sia Cuffaro che Negri fanno notare con grande soddisfazione che all'Assemblea Generale dell' ONU sull'Iran gli Stati uniti sono stati derisi da Zarif (ministro degli esteri iraniano)quando il presidente dell'Assemblea ha respinto la richiesta USA di indagare sui fatti accaduti asserendo che le Nazioni Unite non possono interferire negli affari interni di una nazione sovrana. Chissà perchè invece possono interferire negli affari interni di Israele senza mai porsi problemi di sorta.

Immagine correlata
Giovanna Botteri

Quello che indigna e lo dico con profonda tristezza perchè il problema è molto serio, è come questi sinistri giornalisti godano nel vedere la democrazia statunitense umiliata e derisa da un nazifascista islamico come Zarif. E' mai possibile che non capiscano che essere contro la democrazia americana in favore di una repubblica nazifascista islamica, significa darsi la zappa sui piedi. Hanno il cervello corroso dall'ideologia. La trasmissione si conclude con il caso Tamimi " Ahed Tamimi l'adolescente che ha sfidato i soldati israeliani" senza mai notare quanto sia barbaro che dei genitori mandino i loro figli piccoli ( la carriera della Tamimi è iniziata a 10 anni e lo stesso per i suoi fratelli lanciapietre) contro dei soldati e li usino come strumenti di propaganda. Dice la Cuffaro " Ahed Tamimi deve difendersi da 12 capi d'accusa, aggressione aggravata e lancio di pietre...è un'eroina per i palestinesi " e la voce fuori campo spiega che per la liberazione della Tamimi si stanno mobilitando in tantissimi e che incominciano a chiamarla la "Malala araba" (Malala, premio Nobel per la pace per essersi battuta per il diritto allo studio delle donne pakistane). Con l'aria che tira in Europa, il profondo odio che suscita Israele cui si contrappone un amore cieco e sordo per gli arabi palestinesi, non mi stupirei se anche questa fanatica e violenta sedicenne piena di livore venisse premiata, ormai il Nobel per la pace ormai lo danno a cani e porci partendo da Arafat.

Risultati immagini per deborah fait
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT