domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Uno straordinario Spoon River yiddish 26/02/2021
Uno straordinario Spoon River yiddish
Commento di Diego Gabutti

I cieli sono vuoti. Alla scoperta di una città scomparsa - Avrom  Bendavid-Val - Libro - Guanda - Biblioteca della Fenice | IBS
La copertina (Guanda ed.)

Nata a metà dell’Ottocento da una smagliatura che s’era aperta, con la liberazione dei servi, nelle leggi antisemite dello zar, Trochenbrod era una città zarista, poi polacca, dove agli ebrei era consentito, per la prima volta nell’Europa cristiana, di lavorare la terra. Di questa minuscola città ebraica, uno Shtetl attraversato da «una via lunga, diritta e sporca, che correva da nord a sud per circa tre chilometri, fiancheggiata su entrambi i lati, negozi, botteghe artigiane e sinagoghe», non rimane più nulla, solo un pascolo, il guado («trochen») e qualche ricordo nella testa di quanti – prima che la Wehrmacht e le SS facessero sparire Trochenbrod dalla faccia del pianeta, senza lasciare praticamente superstiti – emigrarono in Israele, a New York, in Argentina. Avron Bendavid-Val, figlio d’uno di questi emigrati, ricostruì la storia terribile di questa comunità in un libro avventuroso e commovente, uno straordinario Spoon River yiddish: I cieli sono vuoti. Alla ricerca di una città scomparsa (Guanda 2013). Hitler, racconta Bendavid-Val, fu soltanto l’ultimo dei Cavalieri dell’Apocalisse che piombarono su Trochenbrod portandovi distruzione e follia. Già durante la prima guerra mondiale, quando furono i polacchi a occupare la città, ne seguirono pogrom devastanti (gli antisemiti polacchi ne furono sempre grandi specialisti). Se i polacchi se la prendevano con tutti gli ebrei, ricchi e poveri, senza fare distinzioni, i comunisti russi (che arrivarono dopo di loro, armati fino ai denti) se la presero soltanto con gli ebrei possidenti e «borghesi»: fu ai ricchi che toccò il pogrom, da cui i «proletari» furono soltanto sfiorati (solo qualche omicidio, giusto il saccheggio generalizzato, che spazzò via quel che era sfuggito ai soldati polacchi, e qualche stupro occasionale). Ma Trochenbrod, sopravvissuta ai polacchi e ai bolscevichi, addirittura tornando a prosperare negli anni venti e trenta, non resse alle tempeste d’acciaio della guerra hitleriana e alla Shoah. Fu rasa letteralmente al suolo. Non ne è rimasto un solo mattone. Niente. Non si è trasformata in una città fantasma da film western: è stata cancellata del tutto. Ma Bendavid-Val, col suo libro, l’ha riportata in vita. È grazie a lui che Trochenbrod – come una comunità di musicisti di Chagall in volo, ma invisibili, e dentro cieli vuoti – non sarà mai più dimenticata.

Risultati immagini per diego gabutti
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT