giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Italia: ad aspettarsi il peggio non si sbaglia mai 21/01/2021
Italia: ad aspettarsi il peggio non si sbaglia mai
Commento di Diego Gabutti

Vertice e Quirinale. Il day after di Giuseppe Conte | L'HuffPost
Giuseppe Conte

Che nessuno sia profeta in patria, come dicevano i latini, è una regola che vale per tutte le nazioni tranne che per l’Italia: da noi basta prevedere il peggio ed ecco che il peggio immancabilmente s’avvera. Inutile sintonizzarsi sulle previsioni meteo: il tempo volge invariabilmente al brutto. Cosa c’è stasera in tv? Mai (dicesi mai) niente di buono. Omnibus, Marco Travaglio, lo strillone invasato di Fuori dal coro: il solito cinepanettone farcito di carne umana, ad usum antropofaghi. Per sapere che cosa succederà domani non serve guardare nella palla di cristallo: basta avvicinarsi al tavolino a tre gambe, sul quale troneggia la palla di cristallo, che quella, anticipando le cattive notizie che ha in serbo per te, rotola giù dal piedistallo e ti piomba su un piede, fratturandotelo. Se molti, in Italia e fuori, s’auguravano che il Conte bis – probabilmente il peggior governo mai toccato a un paese civile – cadesse martedì al Senato, dove non restava che dichiararlo superfluo per togliersi finalmente dal punto, nessuno in realtà se lo aspettava davvero. Tutti, compresi gli ottimisti, s’aspettavano il peggio: che restasse in piedi.

Così è stato, e non è stata una sorpresa per nessuno, nemmeno per i più bramosi d’accompagnare «Giuseppi» all’uscita di servizio di Palazzo Chigi rispedendolo al mittente (l’oblio, coinquilino dell’anonimato che gli si confà più di qualunque altra condizione sociale) lo stesso giorno in cui il suo ex amico Donnie, di cui «Giuseppi» oggi disconosce platealmente i favori, si congeda dalla Casa Bianca. Poteva fare conto su un esito così sensato e vantaggioso per il paese soltanto chi crede nei miracoli. Ma chi ci crede più? A sentire Eugenio Scalfari, non crede nei miracoli neanche il Papa che è il Papa (pare che Francesco abbia confidato all’ex mammasantissima di Repubblica di nutrire dubbi da philosophe riguardo all’esistenza dell’Altissimo). Non ci crede il Vicario di Cristo Gesù e dovrebbero crederci gl’italiani contemporanei di Beppe Grillo, delle mosse del cavallo, dei No-TAV e dei no-VAX, dei banchi a rotelle, dell’incombente patatrac dei vaccini, delle senatrici in quota Francesca Pascale (l’ex del Cavaliere) che votano Conte first? No, in quest’Italia c’è aria di tempesta, e la sfiga impazza, ma sui miracoli non si può fare conto. Non ci sarebbe bisogno di miracoli, e nemmeno di cornetti anti-iella, se almeno si disponesse, come capita nei paesi più fortunati, d’un capo dello Stato capace di fare due più due: «Non c’è una maggioranza in grado di governare il paese nemmeno in condizioni normali e figurarsi allora in piena emergenza? Bon, si va al voto, o ci si affida a un governo tecnico». Ma d’un simile capo dello Stato neppure l’ombra. Alla gola della nazione c’è il Malocchio.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.