martedi` 19 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Dopo i fatti di Washington è la fine politica per Donald Trump? 08/01/2021
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 08/01/2021, a pag.4 con il titolo "Donald Trump è riuscito a distruggersi da solo" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Trump, appello ai manifestanti e siluro a Pence
Donald Trump

Poteva lasciare dietro di sé l'immagine d'un presidente americano se non da rimpiangere almeno da ricordare senza gonfiare le vene del collo per l'indignazione. Aveva agito sobriamente in politica estera, battagliando contro la Cina, ma soprattutto isolando l'Iran e appoggiando Israele. Aveva avuto la fortuna di lasciare la Trump Tower della Quinta Strada per trasferirsi alla Casa Bianca in un momento di ripresa dell'economia. Era persino riuscito a convincere mezzo mondo che gli avevano rubato le elezioni e che era una vittima dei pasdaran del #MeToo e della Guardie rosse della cancel culture democratica. gene. Quel che adesso lascia dietro di sé è l'immagine d'un golpista, e per di più d'un golpista di cartone (come a Spaccanapoli si dice «guappi e cartone») che prima incita all'assalto del Senato (perché questo fa quando chiama i suoi alla riscossa e annuncia che mai e poi mai mollerà la carica ai democratici) e poi abbassa prudentemente le ali e chiede ai suoi commando di «tornare a casa», ma soltanto dopo averne legittimato l'azione con un miserabile e patetico tweet («siete gente speciale, avete mostrato la vostra forza»). Stiamo parlando d'un presidente col parrucchino arancione e di «patrioti» in costume da «Vikings» o «Game of Thrones», che ignorano l'esistenza dei Federalist Papers e sono stati educati alla «democrazia diretta» da Hollywood e dai serial di Netflix. A prendere d'assalto il Senato per impedire che venisse ufficializzata la vittoria di Joe Biden sono stati pupazzi di questa specie. Quattro di questi poveri imbecilli sono morti durante gli scontri a fuoco con poliziotti e agenti dell'Fbi. Va bene che l'albero della libertà, secondo i padri fondatori della repubblica, ogni tanto dev'essere annaffiato col sangue dei patrioti. Ma che senso può mai avere versare il proprio sangue per «The Donnie» e per quel suo ridicolo parrucchino arancione? Neanche in Italia (e dicesi l'Italia, cioè il paese di Carla Ruocco, di Roberto Speranza e Danilo Toninelli, dove più in basso di così non si può scendere) siamo mai scesi così in basso. Donald Trump è riuscito nell'impossibile: ha buttato nell'immondezzaio due secoli d'onorata storia americana, e ha permesso che la Costituzione e le istituzioni federali degli Stati Uniti finissero in balia della peggior feccia fascistoide. E ha provato così d'essere feccia fascistoide lui stesso. Nel mondo, inutile girarci intorno, si può benissimo fare a meno dell'Italia, qualunque cosa ne dicano i nostri demagoghi quando agitano le loro bandierine tricolori nei talk show. Sparisse l'Italia dal mappamondo, il pianeta Terra continuerebbe e ruotare intorno al sole, indisturbato. Più difficile, per il pianeta, è fare a meno degli States. Trump ha trasformato la nazione che da oltre due secoli è di modello alle democrazie di tutto il mondo nel luna park dei populisti, e di conseguenza nello zimbello dei tiranni. Tutto ciò che è stato lecito alla canaglia trumpiana sarà ancor più lecito, d'ora in avanti, alle polizie politiche di Vladimir Putin, dei regimi a «democrazia illiberale», dei khan asiatici. Disastroso, più che il ricorso alla violenza, che nell'America dei film western e noir e dei presidenti assassinati non impressiona più di tanto, è l'horror culturale: manipoli di squadristi sovrappeso che muovono all'arrembaggio del Senato e là in alto, nella Stanza ovale, un gigantesco coglione che li aizza, incapace nella sua stoltezza di comprendere che, finita l'America, finisce il mondo. Gli hanno rubato le elezioni? Benissimo.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT