venerdi 16 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Novembre 1937, un banchetto al Cremlino 03/01/2020
Novembre 1937, un banchetto al Cremlino
Diego Gabutti legge ‘L’Utopia e il Terrore’ di Karl Schlögel

L' utopia e il terrore. Mosca 1937. Nel cuore della Russia di Stalin - Karl  Schlögel - Libro - Rizzoli - I sestanti | IBS
Karl Schlögel, L’utopia e il terrore, Rizzoli 2016, pp. 824, 30,00 euro


Novembre 1937, un banchetto al Cremlino. Stalin prende la parola al momento dei brindisi. «È noto che Trockij è stato l’uomo più popolare del paese dopo Lenin», dice il Padrone (così lo chiamano i seguaci). «Popolari erano anche Bucharin, Zinov’ev, Rykov, Tomskij... Allora noi eravamo degli sconosciuti. Io, Molotov, Vorošilov... All’epoca di Lenin noi eravamo quelli che facevano il lavoro pratico». E adesso? Adesso noi siamo vivi, e loro sono morti. «Gli uomini che in passato “affettavano la salsiccia sulla carta di giornale” oggi dispongono di un’autorità illimitata su case, automobili, appartamenti, dacie, servitori».

Nel 1937 ci sono loro a capotavola. Come racconta Karl Schlögel nel suo L’utopia e il terrore, un grande reportage storico «nel cuore della Russia di Stalin», il 1937 non è un anno qualsiasi. È l’anno dei processi, delle fucilazioni, dei colpi alla nuca, dei vecchi bolscevichi che «ammettono» d’essere stati al servizio del Mikado, di Hitler e dei Rothschild, dell’Intelligence inglese, dei fascisti spagnoli e che invocano per sé la pena di morte (un po’ perché il partito ha le sue ragioni anche quando pretende sacrifici umani e un po’ perché sperano che il Padrone sia di parola e risparmi almeno i loro familiari, anche se per la speranza quell’anno non è aria). Ma il 1937 è anche l’anno del giubileo di Puškin, delle avventure degli aviatori e degli esploratori polari sovietici, delle parate sportive (e delle fucilazioni) sulla Piazza Rossa, delle manifestazioni di massa pro pena di morte per la feccia trockijsta, del primo congresso panrusso degli architetti al quale partecipa anche Frank Lloyd Wright, dei festeggiamenti al Bol’šoj per «i vent’anni della Čeka», delle «crociere sul Volga» e delle «vacanze in Abcasia», dei film d’avventura per i bambini (L’isola del tesoro, Biancheggia una vela solitaria).

Inseparabili, utopia e terrore s’alimentano l’una con l’altro, proiettando ombre lunghe sull’intero paese, sulle vetrine dei negozi speciali di Mosca che rigurgitano di merci e sulle campagne devastate dalla carestia, sulla «stirpe di Stalin» che inneggia a «una vita finalmente felice» e sulla forza lavoro di detenuti schiavizzati (ne muoiono decine e forse centinaia di migliaia) che nel 1937 finisce di costruire il canale Moscova-Volga. Anno del Grande terrore, per citare il saggio pionieristico di Robert Conquest sull’epoca delle repressioni, il 1937 è l’anno in cui Andrej Vyšinskij, il grande inquisitore stalinista, nega d’essere un «nichilista del diritto» ma insiste per dare «forma giuridica al terrore». Nega che, per condannare i trockijsti a morte, servano le prove; bastano e avanzano le confessioni. Più che un giurista, Vyšinskij è un romanziere pulp. È l’Edgar Wallace del terrore. Parla per ore d’«avventurieri con identità multiple, documenti falsificati e sconcertanti biografie» che si muovono «con abilità nelle grandi città capitaliste. Esperti nell’uso d’inchiostro invisibile, venduti ai servizi segreti delle potenze straniere, recapitano messaggi nascosti nei tacchi delle scarpe». Un solo neo: «Terroristi esperti, stranamente non riescono mai a mettere in atto alcun attentato». È dunque a quest’utopia – un mondo perfetto, in cui il romanzo è diventato realtà, per metà musical socialista e per metà spy story bolscevica – che Stalin brinda insieme alle nuove star della rivoluzione. Allegri, compagni! È mezzanotte nel secolo (come Victor Serge ha intitolato il suo romanzo sul Gulag siberiano) e finalmente gli ultimi sono diventati i primi.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT