venerdi 03 aprile 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Dedicato a chi presenta, ancora oggi, Céline come uno scrittore che aveva soltanto ‘simpatia’ nei confronti del nazismo 21/03/2020
Dedicato a chi presenta, ancora oggi, Céline come uno scrittore che aveva soltanto ‘simpatia’ nei confronti del nazismo http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=120&id=77752
Segnalazione di Diego Gabutti

Risultato immagini per bonnard La Rive Gauche. Intellettuali e impegno politico in Francia dal Fronte popolare alla Guerra fredda
Herbert R. Lottman, La Rive Gauche. Intellettuali e impegno politico in Francia dal Fronte popolare alla Guerra fredda, Edizioni Sylvestre Bonnard 2010


Secondo il mito, Céline non è stato un collaborazionista; e in effetti, se questo termine comporta una partecipazione attiva alle iniziative editoriali, dichiarazioni pubbliche, posizioni ufficiali, Céline non ha collaborato. Ma ciò che fece fu altrettanto clamoroso: pubblicò durante l'occupazione libri e articoli che propugnavano un collaborazionismo ancor maggiore: «Lavorare insieme, senza inganni... con disciplina». In Les beaux draps, un libro in forma di pamphlet pubblicato a Parigi quasi un anno dopo l'ingresso delle truppe hitleriane, Céline lamentava il fatto che si vedessero ancora ebrei dappertutto. Invocava il loro sterminio e anche quello dei loro protettori. La sua definizione di ebreo era ancora più rigida di quella in uso nella Germania di Hitler o nella Vichy di Pétain. «Considero ebreo», spiegava in una nota, «chiunque annoveri tra i suoi nonni un ebreo, anche uno solo». Il libro era probabilmente troppo violento persino per Vichy, dal momento che alcune copie furono sequestrate, qua e là, nella zona sud, cosa di cui l'autore si rammaricò. Un'opera precedente di Céline, Bagatelles pour un massacre, in cui denunciava con più violenza che mai gli ebrei, scagliandosi contro la loro influenza nella sfera governativa e in campo artistico, venne ristampata durante l'occupazione. E l'editore, Robert Denoél, mostrò lo stesso fanatismo di Céline in un articolo che scrisse per una rivista pubblicata dall'Institut d'étude des questions juives (antisemita). Riferendosi a un altro pamphlet d'anteguerra di Céline, che ancora si vendeva in periodo di occupazione, L'école des cadavres, Denoél scriveva: «L'école des cadavres applicava alla Francia la teoria dell’ebreo. Se mai vi fu libro profetico, fu proprio quello. Vi si dice tutto… Era il grande grido d’allarme, il terribile “basta!” che avrebbe dovuto fermare tutti i francesi avviati sulla china della guerra. Fu raccolto solo dagli ebrei… E si arrivò a istruire un processo contro Céline e me…». Lucien Rebatet rammentò in propugnava un'alleanza totale tra la Francia e lati Germania hitleriana, e ciò nel preciso istante in cui i nazisti entravano a Praga. Persino Je suis partout aveva ritenuto opportuno passare sotto silenzio il titolo, in quel pericoloso periodo d'anteguerra. Una delle attività predilette di Céline, durante l'occupazione, fu di scrivere per le riviste più virulente del collaborazionismo, spesso in forma di lettera, rimproverando ai francesi di non essere abbastanza violenti nel loro antisemitismo. Voleva vedere un maggior numero di denunce. Lo scrittore tedesco Ernst Jünger ebbe un lungo incontro con lui al Deutsches Institut nel dicembre 1941. Céline confidò al suo interlocutore di essere «sorpreso, stupefatto, che noi soldati, non fuciliamo, non impicchiamo, non sterminiamo gli ebrei... stupefatto che chi dispone di una baionetta non ne fac cia un uso illimitato». Céline aggiungeva anche: «Se io avessi una baionetta, saprei che cosa farne». Jünger scrive che, dopo due ore di conversazione, aveva imparato qualcosa: «la mostruosa potenza del nichilismo». Céline e i suoi simili vedevano nella scienza solo un mezzo per uccidere. (C'è però da chiedersi se Jünger doveva proprio attraversare il Reno per incontrare persone di questo tipo).

Risultati immagini per diego gabutti
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT