domenica 15 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
La politica estera dadaista 18/06/2019

La politica estera dadaista
Commento di Diego Gabutti

Immagine correlata
Un'opera dadaista

Già non era facile difendere la politica estera dei partiti della prima repubblica, quando il segretario socialista Bettino Craxi tifava per Arafat (pensava che la sua kefiah fosse una specie di poncho garibaldino e Settembre Nero l’equivalente palestinese della Giovane Italia mazziniana) e Giulio Andreotti, tornando da Mosca all’epoca della crisi dei missili di teatro in Europa, con gli SS-20 sovietici puntati sulle nostre città, dichiarava che il ministro degli esteri russo, il roccioso Andrej Andreevič Gromyko, gli aveva affidato un messaggio: «Ricordatevi di Pompei». Già allora c’era un lato oscuro nella politica estera italiana. Berlusconi, al suo turno, non fu da meno, anche se a giustificare le sue mosse sulla scacchiera internazionale (il lettone di Putin, le corna ai summit internazionali, la fedeltà atlantica, i «buh» da dietro un cespuglio ad Angela Merkel) non furono l’ideologia e nemmeno l’interesse nazionale ma il suo fermo proposito, un vero e proprio stile di vita, d’essere sempre e ovunque l’anima della festa, per metà Grande Gatsby e per metà Massimo Boldi. Peggio, naturalmente, e altrettanto ballerini, i governi di centrosinistra della seconda repubblica, quando D’Alema presidente del consiglio appoggiava platealmente la guerra di Bill Clinton nel Kossovo e D’Alema ministro degli esteri, pochi anni più tardi, marciava contro Israele e l’imperialismo americano a Beirut.

Immagine correlata
Massimo D'Alema sotto braccio ai boss terroristi di Hezbollah (Beirut, Libano, 2006)

Non soltanto difendere, o anche solo capire, la politica estera italiana è stato sempre difficile, per non dire impossibile, ma c’è sempre voluta una bella sospensione dell’incredulità (come per leggere fumetti di supereroi e il Fatto quotidiano) per prenderla sul serio. Berlusconi, almeno, sapeva di raccontare barzellette quando intratteneva gli ospiti in visita di Stato, e anche Andreotti, quando attribuiva a Gromiko la battuta su Pompei, sapeva di ricorrere a un calembour, per quanto macabro e sgradevole. Ma i nostri leader attuali, che tifano contemporaneamente per Putin e per Trump, nella presunzione infondata che siano entrambi, e non soltanto lo zar di tutte le Russie, esponenti di quella che i loro amici sovranisti dell’est, contemporaneamente eredi del marxleninismo e del fascismo, chiamano «democrazia illiberale»? Sono gli stessi leader che non sanno distinguere tra Cile e Venezuela e che anni fa, in visita ufficiosa a Pyongyang, prima d’essere miracolati alle elezioni del 2018 e 2019, dichiaravano alla stampa italiana che la Corea del Nord, «pulita, senza criminalità, prostituzione zero, è come la Svizzera…» (Guglielmo Tell si sarà rivoltato nella tomba). Nessun paese al mondo ha dei leader convinti che la Russia sia un paese mediterraneo. Noi sì, e il mondo ce li invidia, e un po’ forse anche se ne preoccupa. Chissà se c’invidia o si preoccupa d’Alessandro di Battista detto «Dibba», leader pentastellare al momento in panchina, che insieme al suo intero partito tifa per il chavista Maduro contro il popolo venezuelano (o cileno? ah, saperlo!) e che considera il terrorismo islamista «la sola arma rimasta a chi si ribella». Che fare, si domanda, «se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato»? Be’, «per difendermi ho una sola strada», ragazzi: «caricarmi d’esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana». Signori, la politica estera italiana. L’è el dì di matt, alegher.

Immagine correlata
Diego Gabutti
Già collaboratore del Giornale (di Indro Montanelli), diSette (Corriere della Sera), e di numerose testate giornalistiche, corsivista e commentatore di Italia Oggi, direttore responsabile della rivista n+1 e, tra i suoi libri: Un’avventura di Amadeo Bordiga (Longanesi,1982), C’era una volta in America, un saggio-intervista-romanzo sul cinema di Sergio Leone (Rizzoli, 1984, e Milieu, 2015); Millennium. Da Erik il Rosso al cyberspazio. Avventure filosofiche e letterarie degli ultimi dieci secoli (Rubbettino, 2003). Cospiratori e poeti, dalla Comune di Parigi al Maggio'68" (2018 Neri Pozza ed.)


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT