lunedi` 24 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Trump a Londra 05/06/2019

Diego Gabutti inizia oggi la collaborazione con Informazione Corretta

Diego Gabutti narra di cospirazioni reali e illusioni rivoluzionarie, di storie personali e ardite teorie dell’arte e della società, e della loro tendenza a confondersi fino all’indistinguibilità dell’una e dell’altra. Un racconto avvincente che illumina il conflitto tra arte e potere che da più di tre secoli caratterizza le società occidentali. Su IC seguirà le cronache politiche/culturali con l'occhio critico e disincantato di chi non deve rendere conto a nessuna ideologia. Per un assaggio del suo stile, cominciare da "Cospiratori e poeti, dalla Comune di Parigi al Maggio '68" (Neri Pozza ed.)

A destra: Donald Trump

Ecco l'articolo:

Non sarà bello dare del «perdente completo» al sindaco di Londra. Ma c’è di peggio, in fatto di fair play: dare del fascista («un fascista del XX secolo», che «non va accolto srotolando il tappeto rosso» ma con striscioni trucidi, da ribollita sessantottesca) al presidente degli Stati Uniti, come ha fatto il sindaco di Londra, Mr Sadiq Khan, prima che l’Air Force One, Donald Trump e tutto, atterrasse in Inghilterra per una visita ufficiale. Sono i bambini, intendiamoci, a giustificarsi dicendo: «È stato lui a cominciare, io non c’entro». Niente scuse, rispondono i genitori con la testa sul collo, che sequestrano per punizione l’iPad anche a chi ha soltanto risposto alla provocazione (è pedagogia spicciola, in uso fin dai tempi di Mammut e Babbut). Ma resta il fatto che c’è sempre qualcuno che comincia per primo. Nel caso presente, è stato Sadiq Khan, il sindaco di Londra, a scatenare la rissa mediatica. Mandiamo Trump a letto senza cena, ma concediamogli le attenuanti generiche.

Immagine correlata
Sadiq Khan

Sadiq Khan – che si è dimostrato il peggiore degli ospiti, un’aggravante da manuale – merita invece un mese minimo di punizione. Ma che dire della nostra stampa, praticamente tutta, che ha raccontato questa storia partendo dalla fine, cioè da Donald Trump che dà del perdente al sindaco di Londra, evitando e anzi guardandosi bene dal raccontare (salvo rarissime eccezioni, e mai nei titoli) che Sadiq Khan si è preso del perdente dopo aver dato del fascista a Trump? Eppure, è parte grassa della storia. Non si è semplicemente mai visto un sindaco che si permette d’insultare un capo di stato in visita, e non un capo di stato qualsiasi, ma il principale alleato del suo paese, nonché leader della principale democrazia d’Occidente. È qualcosa che sta alla storia delle relazioni diplomatiche come il dadaismo alla storia dell’arte. Neanche Trump, naturalmente, è un maestro di buone maniere, e lo ha dimostrato anche stavolta, con le sue dichiarazioni (a dir poco inappropriate) sulla Brexit e i suoi evviva (a dir poco fuori luogo) a Boris Johnson. Per non dire che la buona educazione, in politica e fuori, ma soprattutto in politica, è una causa persa ormai ovunque, come noi italiani sappiamo anche troppo bene. Ma Sadiq Khan, accogliendo Trump con un insulto da assemblea studentesca anni sessanta, è riuscito a trasformare Londra, che R.L. Stevenson definì una volta «la Baghdad occidentale», nella Baghdad di Saddam Hussein: una città ostaggio di ridicoli pasdaran socialisti, trucibaldi e demodé. Molti anni fa, sotto lune persino più torve e minacciose delle attuali, un presidente americano in visita ufficiale a Roma fu accolto da un tumulto antiyankee. Attraversando la città in automobile, diretto al Quirinale, scosse la testa e disse ai suoi accompagnatori, con un sospiro: «Questo è un paese da dimenticare». Ma almeno non era stato il sindaco di Roma a indire la manifestazione. Erano stati i goscisti: Potere operaio, Lotta Continua, le Brigate rosse. Sadiq Aman Khan, quarant’anni dopo, è riuscito nell’impresa di portare il goscismo nelle istituzioni. Un goscismo per fortuna annacquato. Non un incubo (almeno per il momento, e qui incrociamo le dita) ma una barzelletta, per giunta vecchia.

Immagine correlata
Diego Gabutti - Già collaboratore del Giornale (di Indro Montanelli), di Sette (Corriere della Sera), e di numerose testate giornalistiche, corsivista e commentatore di Italia Oggi, direttore responsabile della rivista n+1 e, tra i suoi libri: Un’avventura di Amadeo Bordiga (Longanesi,1982), C’era una volta in America, un saggio-intervista-romanzo sul cinema di Sergio Leone (Rizzoli, 1984, e Milieu, 2015); Millennium. Da Erik il Rosso al cyberspazio. Avventure filosofiche e letterarie degli ultimi dieci secoli (Rubbettino, 2003). Cospiratori e poeti, dalla Comune di Parigi al Maggio'68" (2018 Neri Pozza ed.)


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT