mercoledi` 12 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Vito Anav
Breaking News Vito Anav
<< torna all'indice della rubrica
Asse Russia-Siria: missili S-300 ad Assad 04/10/2018

Immagine correlata

Asse Russia-Siria: missili S-300 ad Assad
Breaking News, di Vito Anav

Nella notte tra il 17 ed il 18 Settembre u.s. si era appreso da fonti americane ( trasmesse dalla CNN) che l'antiaerea siriana aveva erroneamente abbattuto un aereo russo da ricognizione e raccolta informazioni ( modello Ilyushin -20) con 15 militari del servizio informazioni russo a bordo. Fonti siriane e fonti russe hanno dichiarato che la contraerea siriana ha sparato contro missili lanciati da quattro F-16 israeliani che hanno attaccato depositi di materiale bellico nel porto di Latakia , nella zona nord della Siria, considerata la "capitale" degli Allawit , da cui proviene Assad . I depositi di armi destinate probabilmente a Hezbollah in Libano sono stati distrutti. L'abbattimento dell'aereo russo ha scatenato forti reazioni contro Israele da parte del Cremlino, che viene accusata di essersi fatta scudo dell'aereo russo per proteggere i propri caccia dai radar dell'antiaerea siriana. Le versioni sono contrastanti: Israele sostiene che gli F-16 dell' I.A.F. fossero gia` tornati alla base , o quantomeno in territorio israeliano , al momento dell'abbattimento del quadrimotore russo da parte dell'antiaerea siriana , mentre i russi sostengono che la scaletta dei tempi sia diversa e che Israele abbia comunicato alla Russia del previsto attacco in Siria , con un preavviso troppo breve.

Immagine correlata

Alla fine della scorsa settimana ,durante una conferenza stampa tenuta a New York dopo il suo discorso all'Assemblea generale dell'ONU, il Ministro degli Esteri russo Sergey Viktorovich Lavrov ha comunicato che la Russia ha gia` iniziato a trasferire gli avanzatissimi sistemi missilistici antiaerei S-300 alla Siria. Il noto giornalista ed esperto di difesa e sicurezza israeliano Ron Ben Ishai , ha dichiarato alla redazione di y-net: Israele potra` seguitare ad operare in Siria contro postazioni iraniane, si dovra` pero` essere piu` cauti e piu` creativi per ovviare ai nuovi pericoli che gli S-300 rappresentano. Ha inoltre aggiunto: Gli iraniani hanno acquistato e gia` ricevuto diverse batterie di S-300 per difendere gli impianti nucleari e le postazioni dei loro missili balistici . Certamente i siriani condivideranno con l'Iran le metodologie che Israele usera` per aggirare lo schermo missilistico S-300 e ne faranno tesoro in un eventuale attacco aereo israeliano o americano contro le loro postazioni in Iran. Esperti e strateghi israeliani sono convinti che Israele, per il momento, non distruggera` le nuove postazioni di S-300 in Siria, che saranno operative a breve e saranno gestite da personale siriano , onde evitare un ulteriore inasprimento dei rapporti tra Mosca e Gerusalemme.

Questa sera ( mercoledi 3 ottobre 2018) il Segretario di Stato americano Mike Pompeo in una conferenza stampa tenuta a Washington presente il Ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas si e` duramente espresso contro la decisione russa di fornire la Siria di missili S-300 definendola una "pericolosa escalation". Pompeo si e` inoltre lungamente soffermato sulla decisione del Tribunale Internazionale (ICJ) che ha condannato la decisione U.S.A. di rinnovare le sanzioni economiche contro l'Iran. Ha tra l'altro dichiarato:" L'Iran si e` rivolto lo scorso Luglio al Tribunale Internazionale sostenendo che il rinnovo delle sanzioni e` contrario all'accordo di amicizia firmato nel 1955 tra U.S.A. ed Iran" . Pompeo, ha dichiarato che l'America annulla anche l'accordo del 1955. Questa sera la Cancelliera tedesca Angela Merkel ha iniziato la sua visita di due giorni in Israele. Cenera` stasera con Netanyahu, domani visitera` lo Yad VaShem e pranzera` col Presidente Rivlin. Nel pomeriggio partecipera` ad una tavola rotonda con uomini d'affari israeliani , presente anche il Primo Ministro Netanyahu. Domani ( giovedi 4 ott. ) alle 19:00 ripartira` per la Germania.

Fonte: y-net, portavoce Dipartimento di Stato U.S.A , Radio Israeliana ( Reshet Bet) , Portavoce Ministero degli Esteri israeliano.

Immagine correlata
Vito Anav


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT