lunedi` 20 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Storia dell'antisemitismo assassino, da Hitler al terrorismo islamico (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Antonio Donno
Israele/USA
<< torna all'indice della rubrica
Usa: antisemitismo nel Partito democratico 15/03/2019

Usa: antisemitismo nel Partito democratico
Analisi di Antonio Donno

Immagine correlata
Martin Luther King: "Quando le persone criticano il sionismo pensano agli ebrei: questo si chiama antisemitismo"

Subito dopo la fine della guerra del 1967, quando da alcune parti cominciavano a manifestarsi critiche contro Israele perché aveva “ecceduto” nella propria difesa e occupato territori fuori dai propri confini, Martin Luther King così disse: “Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei… E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio”. Parole superbe, ancora perfettamente valide, soprattutto oggi, di fronte a una nuova ondata di antisemitismo, veicolata anche dalle istituzioni internazionali, che condannano Israele con una frequenza che provoca disgusto e noia. Purtroppo, il partito democratico americano non è immune dal virus dell’antisemitismo, soprattutto la sua parte radicale, più di sinistra, come le cronache quotidiane ci informano continuamente. L’ingresso nel partito di personaggi che hanno fatto dell’odio anti-israeliano quasi la loro ragione di vita lo condiziona in modo preoccupante.

Immagine correlata
Le parole di Ilhan Omar: "Israele ha ipnotizzato il mondo, che Allah possa svegliare le persone e aiutarle a vedere le malefatte compiute da Israele"

Eppure, i democratici americani, negli anni immediatamente successivi alla fine della seconda guerra mondiale, sono stati i più grandi sostenitori delle ragioni del sionismo e del progetto di una nazione ebraica in Palestina. In particolare, proprio l’ala sinistra del partito, quella più fortemente liberal, era pro-sionista senza se e senza ma. Si trattava degli Americans for Democratic Action, un folto gruppo di democratici liberal, che criticavano aspramente gli indugi del presidente Truman, per quanto egli fosse a favore dei sionisti, e soprattutto il Dipartimento di Stato, con a capo George Marshall, che si opponeva alla spartizione della Palestina e alla nascita di uno Stato ebraico, sostenuto dagli Stati Uniti, perché ciò avrebbe consegnato il mondo arabo all’Unione Sovietica. Il che, comunque, sarebbe egualmente avvenuto, dato che la posizione delle dirigenze arabe era a favore di Mosca, perché essa rappresentava posizioni avverse all’Occidente imperialista e colonialista, che aveva oppresso tutto il mondo arabo. Personaggi di primo piano del partito e del mondo politico e intellettuale americano – fra i tanti, Chester Bowles, David Dubinsky, John Galbraith, Hubert Humphrey, James Loeb, Reinhold Niebhur, Walter Reuther – si riunirono nell’ADA, nell’aprile del 1948, e posero nel loro programma un punto fondamentale: il sostegno al sionismo e al progetto di dar vita ad uno Stato ebraico in Palestina, la lotta all’antisemitismo e all’antisionismo e al comunismo sovietico. L’azione dell’ADA fu molto importante all’interno del governo americano nella sua politica a favore del sionismo. È triste vedere oggi l’antisemitismo e l’antisionismo prendere sempre più piede nel Partito Democratico. È una deriva tragica per un partito che ha rappresentato per molto tempo un punto di riferimento fondamentale per il popolo ebraico nella sua lotta per il ritorno in Eretz Israel. Il terzomondismo e il multiculturalismo hanno, con il tempo, fatto breccia nel mondo politico e in una parte dell’opinione pubblica americani, oltre che nelle principali istituzioni internazionali e, in genere, nella cultura occidentale. L’isolamento di Israele in questi contesti e la diffusione dell’antisemitismo/antisionismo impongono, ancora una volta nella storia del popolo ebraico e di Israele, una difesa strenua delle loro ragioni.

Immagine correlata
Antonio Donno


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT