lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






 
Andrea Zanardo
Il contadino di Galilea
<< torna all'indice della rubrica
Mobilitiamoci contro l'accordo Israele-Emirati! 25/08/2020
Mobilitiamoci contro l'accordo Israele-Emirati!
Il commento ironico di Andrea Zanardo


Benjamin Netanyahu, Mohammed Bin Zayed

L'annuncio dell'apertura di relazioni diplomatiche tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti segna l'inizio di una nuova drammatica fase. La dimostrazione che lo Stato ebraico può raggiungere accordi con Stati arabi o musulmani desta grave preoccupazione tra i sostenitori della pace, della distensione, dell'antirazzismo, tra giornalisti ed accademici che per decenni hanno duramente lavorato per convincere l'opinione pubblica del contrario. Abbiamo provato in ogni modo a raccontare che la pace con i palestinesi era essenziale per stabilire buone relazioni tra Occidente ed Islam, e per fermare ogni deriva razzista, ed ora quel sionista di Netanyahu, con intrighi e losche manovre tipiche della sua razza, ha rovinato la nostra immagine di esperti di cui la politica non può fare a meno Questo è intollerabile! L'opinione pubblica potrebbe scoprire che la pace è possibile anche se Israele continua ad essere uno Stato ebraico e a rifiutarsi di accogliere otto milioni di sedicenti profughi palestinesi. L'opinione pubblica potrebbe essere pensare che la pace tra Israele e Paesi arabi è possibile anche se Israele continua con la linea dura ed intransigente, rifiutandosi di cancellare la maggioranza ebraica e di ridurre gli ebrei, come da tradizione, a cittadini di seconda categoria. L'opinione pubblica potrebbe essere ingannevolmente persuasa che i benefici economici derivanti da un accordo di pace con Israele, portano benessere alla popolazione, più dello stato di guerra permanente contro Israele e gli ebrei di tutto il mondo. I sostenitori della pace devono quindi respingere l'accordo di pace tra Israele ed Emirati. I sostenitori del progresso devono respingere i benefici che la tecnologia israeliana può portare a Paesi dal clima desertico. I sostenitori del multiculturalismo si devono opporre a ogni accordo tra ebrei e musulmani, fino a quando Israele non verrà pacificamente sostituito da uno Stato arabo, socialista, pacifico e prospero come la vicina Siria. Diamo quindi appuntamento per una manifestazione davanti alla sinagoga, visto che non siamo assolutamente antisemiti, in nome di una vera pace antirazzista che preveda la punizione degli Emirati e la cancellazione di Israele.

Femministe per l'Infibulazione
Macellai Vegani
Allievi del Maestro Leonardo
Astronauti per la Terra piatta
Ebrei antisionisti, parrocchia Sant'Enrico Berlinguer
Collettivo Islamista
Ayatollah Khomeini per la parità uomo-donna

Immagine correlata
Andrea Zanardo


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT