Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
Il nuovo direttore di Germania-Israele chiede a Angela Merkel sanzioni contro Iran, Hezbollah 08/11/2019
Il nuovo direttore di Germania-Israele chiede a Angela Merkel sanzioni contro Iran, Hezbollah
Analisi di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Anna Della Vida)

Immagine correlata

"Anche nei rapporti con il regime iraniano, la Germania deve sollevare la sua ragion d'essere su tutti gli altri interessi e sostenere le sanzioni necessarie", ha affermato Uwe Becker. 6 novembre 2019, dal Jerusalem Post L'associazione Germania-Israele (DIG) ha eletto come nuovo direttore l’esponente del Partito dell'Unione Democratica Cristiana Uwe Becker, che a fine ottobre ha assunto una posizione più aggressiva nei confronti del governo in gran parte filo-iraniano del cancelliere Angela Merkel e del movimento Hezbollah. Becker ha immediatamente chiesto l’assoluto divieto dell'entità terroristica Hezbollah in Germania e nuove sanzioni contro il regime degli ayatollah iraniani. "Dobbiamo anche giungere a una chiara classificazione di Hezbollah come organizzazione terroristica in Germania e metterla fuorilegge, dal momento che non si può distinguere tra un braccio terrorista e uno politico di questa organizzazione terroristica", ha detto Becker. L'amministrazione Merkel si oppone con veemenza a una classificazione terroristica dell'intero movimento Hezbollah, per cui ha semplicemente considerato la cosiddetta ala militare di Hezbollah. La Merkel ha anche respinto gli appelli del Consiglio Centrale degli ebrei in Germania e del governo degli Stati Uniti per mettere fuorilegge l'organizzazione antisemita Hezbollah in mezzo al crescente odio ebraico nel paese dell'Europa centrale. Becker, che è ampiamente considerato uno dei più forti sostenitori politici di Israele in Germania, attualmente serve come vice sindaco e tesoriere per la città di Francoforte, nonchè commissario per combattere l'antisemitismo per lo stato tedesco dell'Assia dove si trova Francoforte. "Anche nei rapporti con il regime iraniano, la Germania deve sollevare la sua ragion d'essere su tutti gli altri interessi e sostenere le sanzioni necessarie", ha affermato Becker. “Non si tratta del popolo iraniano, che viene oppresso dal regime dei mullah. Indipendentemente dalla questione dell'accordo nucleare, il governo federale deve rendersi conto che il regime iraniano, attraverso le sue milizie in Siria, il sostegno di Hezbollah in Libano e il suo intervento a Gaza, sta conducendo una lotta contro Israele, che deve assolutamente sanzionata “. L'affermazione di Becker sulla “raison d’etre” è un riferimento al discorso di Knesset della Merkel del 2008, quando ha dichiarato che la ragione di esistenza di Israele è ora parte della raison d’etre tedesca. Becker, che ha pubblicato una sua foto su Twitter lunedì con i soldati israeliani al Muro occidentale, accompagnato da una didascalia che affermava che stava "mostrando solidarietà con le donne e gli uomini delle forze di difesa israeliane, che proteggono il loro paese", ora collaborerà con le 53 associazioni DIG sparse in tutta la Repubblica Federale.

Risultati immagini per hezbollah
Terroristi di Hezbollah

Prende questo impegno in un momento di discussioni nelle relazioni tra Israele e Germania a causa del voto anti-israeliano della Merkel alle Nazioni Unite, la sua opposizione al trasferimento dell'ambasciata di Berlino a Gerusalemme, il suo sostegno ai fondi pubblici per l'Autorità palestinese e il suo rifiuto di mettere in pratica delle sanzioni contro l'Iran e il suo principale alleato, Hezbollah. Nel 2018, la Merkel ha anche partecipato a un'intensa campagna di lobbying per impedire ai paesi europei di trasferire le loro ambasciate a Gerusalemme e riconoscerla capitale di Israele. Becker - in netto contrasto con altri politici tedeschi che hanno credenziali filoisraeliane come l'ex parlamentare del Partito Verde Volker Beck - ha affrontato l’asservimento del proprio partito della CDU verso l'antisemitismo genocida dell'Iran nei confronti di Israele e la negazione della Soah di Teheran. Beck, ex capo del gruppo parlamentare tedesco-israeliano del Bundestag, ha rifiutato di criticare il vice presidente del suo partito, Claudia Roth, quando ha salutato con entusiasmo il portavoce del parlamento iraniano Ali Larijani in ottobre. Larijani ha negato la Shoah e sostiene la distruzione di Israele. Bild, Il quotidiano più venduto della Germania, ha accusato Roth di aver reso l'antisemitismo "socialmente rispettabile" a causa del suo incontro con Larijani. Roth e Beck si rifiutarono entrambi di rispondere alle molte domande del Jerusalem Post. Il Ministero della sicurezza e della difesa dello Stato di Israele considera la Repubblica islamica dell'Iran e Hezbollah le maggiori minacce alla sicurezza del Paese. L’assenza di forze politiche da parte dei principali partiti tedeschi (The Green Party, CDU, SPD) contro le minacce dell'Iran di distruggere Israele e le sue iniziative terroriste, rimane una grave preoccupazione per la comunità filo-israeliana in Germania e per i diplomatici israeliani. Kirsten Kappert-Gonther, parlamentare del Partito Verde, era stata eletta vicepresidente del DIG. Non ha però preso apertamente posizione durante lo scandalo legato all’antisemitismo che ha travolto il Partito Verde in ottobre. La deputata del partito socialdemocratico (SDP) Michaela Engelmeier, che si era guadagnata la reputazione di forte sostenitore di Israele, era stata eletta vicepresidente della DIG. Engelmeier ha rifiutato di affrontare e criticare con forza le politiche filo-iraniano del suo partito SPD. Ha preso a esempio il vice ministro degli esteri SPD Niels Annen che ha celebrato la rivoluzione islamica dell'Iran a febbraio presso l'ambasciata di Teheran a Berlino. Engelmeir rimase in silenzio. Come non é intervenuta quando il presidente tedesco SPD Frank-Walter Steinmeier ha inviato un telegramma di congratulazioni ai leader al potere dell'Iran a febbraio. Un terzo esempio lampante della riluttanza di Engelmeir a criticare fortemente il suo partito è stato quando il think tank politico (SPD) Friedrich Ebert Foundation, ha ospitato Saeed Khatibzadeh a maggio. Khatibzadeh rappresenta il think tank del ministero degli Esteri iraniano, l'Istituto di studi politici e internazionali (IPIS), che ha organizzato la conferenza sulla negazione della Shoah del 2006 a Teheran. Il dott. Efraim Zuroff, cacciatore di nazisti del Centro Simon Wiesenthal, ha accusato il gruppo di esperti della SDP di essersi assoggettato a un istituto iraniano che nega la Shoah e che lavora con il movimento nazista globale. "È incomprensibile come la Fondazione Friedrich Ebert possa invitare una persona che lavora per un'organismo che ha organizzato una conferenza sulla negazione della Shoah", ha detto Zuroff al Jerusalem Post. "Dato il livello abissale del regime iraniano quando si tratta di diritti umani e le sue minacce dichiarate apertamente di compiere un genocidio contro lo Stato di Israele, come può un'organizzazione apparentemente rispettata dare legittimità a un simile ospite in Germania?" Zuroff ha osservato che "la storia tedesca avrebbe dovuto insegnare alla Fondazione F.Ebert che i tentativi di placare i fanatici non ottengono mai i risultati desiderati". Marcus Faber, deputato del Partito Democratico Libero, è stato eletto vicepresidente del DIG. Di recente ha dichiarato che il consiglio di amministrazione del suo partito ha chiesto di mettere fuorilegge Hezbollah in Germania. La Fondazione F.Ebert propose una risoluzione anti-BDS approvata dal Bundestag a maggio. La campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni mira a attaccare Israele danneggiandone l’economia. Becker ha dichiarato che la Germania deve cambiare il suo voto anti-israeliano alle Nazioni Unite. L'ambasciatore tedesco Christoph Heusgen, responsabile dallo scandalo presso le Nazioni Unite, , ha paragonato Israele all'entità terroristica Hamas. Il Jerusalem Post ha appreso che Heusgen è disprezzato dai diplomatici israeliani per i suoi attacchi diplomatici alla sicurezza di Israele. Becker ha invitato la Germania a smettere di astenersi nell'ambito dei voti di risoluzione anti-israeliana alle Nazioni Unite e mostrare solidarietà allo stato ebraico respingendo tali risoluzioni. La Germania ha votato 16 volte contro Israele nel 2018, e 4 astensioni. Politici tedeschi hanno esortato la Merkel a congelare tutti gli aiuti finanziari per l'autorità palestinese fintanto che l'AP continuerà a pagare stipendi ai terroristi e alle loro famiglie. Becker ha affermato che i delegati del DIG hanno deciso di respingere chiaramente il partito Alternative fur Deuschland. Il partito anti-immigrazione AfD, aveva affermato che il DIG alimenta un clima che favorisce l'antisemitismo e il razzismo Becker ha invitato l'amministrazione Merkel a respingere le critiche dell'alto commissario delle Nazioni Unite alla risoluzione anti-BDS approvata dal Bundestag a maggio. Il Bundestag ha classificato il BDS come movimento antisemita.

Risultato immagine per benjamin weinthal JPost
Benjamin Weinthal

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui