sabato 16 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
L'antisemitismo è una malattia psicologica? 15/10/2019
L'antisemitismo è una malattia psicologica?
Analisi di Benjamin Weinthal


(Traduzione dal Jerusalem Post del 12.10.2019 di Anna Della Vida)

Risultati immagini per halle synagogue
Davanti alla sinagoga di Halle
Accusare Israele di crimini in un processo di proiezione psicologica, al fine di eliminare la colpa patologica associata all'Olocausto, ha una lunga e sgradevole storia nella Germania post-Shoah. Due filosofi ebrei tedeschi hanno redatto quello che forse è l’esempio migliore per radicare l'antisemitismo contemporaneo nella categoria della psicologia sociale: uno studio scientifico di come pensieri, sentimenti e comportamenti delle persone possono essere influenzati dalla presenza reale, immaginata o implicita di altre persone. Theodor W. Adorno (1903-1969) e Max Horkheimer (1895-1973) hanno formulato la teoria dell'antisemitismo come difesa-colpa per spiegare le risposte tedesche post-1945 alla Shoah. Questa teoria sostiene che il senso di colpa patologico che ne deriva fa sì che i tedeschi si comportino di fatto contro gli ebrei. In parole povere, affermano che i tedeschi sono immersi nel senso di colpa a causa dei crimini contro l'umanità commessi direttamente o indirettamente da loro stessi o dai loro familiari e trasferiscono la colpa sugli ebrei per eliminare le loro emozioni distorte. Un rapporto del governo federale tedesco del 2017 ha rivelato che il 40% dei tedeschi è tuttora antisemita, quasi 33 milioni di tedeschi - circa il 40% della popolazione di 82 milioni - sono infettati da antisemitismo, trasferendolo in successione nell'odio per lo Stato ebraico. Secondo lo studio, questi milioni di tedeschi concordano con la seguente dichiarazione: "Sulla base delle politiche di Israele, posso capire gli antisemiti”. Accusare Israele di crimini in un processo di proiezione psicologica - al fine di eliminare il senso di colpa associata alla Shoah - ha una storia lunga e sgradevole nella Germania contemporanea. Questo significa che una grande numero di tedeschi soffre di una sorta di follia collettiva? Rispondere a questa domanda è doveroso. L'autore e giornalista ebreo-tedesco Henryk M. Broder, che ha scritto esaurientemente su questo fenomeno, ha descritto accuratamente il mix tossico di colpa patologica della Shoah mischiato e un ardente desiderio di distruggere Israele. In un articolo su Die Zeit che scrisse nel 1981, si rivolse così ai tedeschi: "Siete ancora i figli dei vostri genitori. Il vostro ebreo oggi è lo Stato di Israele. " Le componenti socio-psicologiche dell'antisemitismo contemporaneo sono approfondite meglio delle spiegazioni rozze sulla Shoah . Prendiamo l'esempio del giornalista di Der Spiegel, strenuamente anti-israeliano, Jakob Augstein, ha affermato che la politica israeliana nei confronti della Striscia di Gaza, controllata dall'organizzazione terroristica Hamas, è paragonabile a un campo di concentramento. Augstein ha scelto la parola tedesca Lager per descrivere Gaza, un termine che può essere tradotto semplicemente come un "campo" per i prigionieri, ma che i tedeschi spesso associano ai campi di concentramento del periodo nazista. DENIZ YÜCEL è un importante giornalista tedesco-turco, imprigionato nel 2017 dal governo islamista turco con l'accusa di spionaggio e rilasciato dopo poco più di un anno. Nel 2013 ha scritto sul giornale di sinistra Die Tageszeitung : “Augstein esprime tutto ciò che definisce l'antisemitismo contemporaneo, dalla preoccupazione maniacale-ossessiva verso Israele alla colpa unilaterale che fa apparire Israele come un incendiario globale; da un'onnipotenza attribuita a Israele (o alla "lobby ebraica" negli Stati Uniti) a fantasie sul caos cui Israele starebbe contribuendo; a formulazioni che consentono di stabilire una connessione analogica tra la politica israeliana e il nazionalsocialismo tedesco; all'affermazione che gli stessi ebrei sono colpevoli di antisemitismo al punto di accusare Israele di trarre profitto dalla Shoah” Yücel ha osservato che questa visione antisemita del mondo di Augstein è “espressa con la certezza di non poter essere accusata di antisemitismo, convinto dell’esistenza di un diritto umano che consenta di odiare Israele e formulata con l'atteggiamento di chi pronuncia una verità venendo ugualmente perseguito." La fusione tra l'antisemitismo di sinistra con l'antisemitismo alimentato dalla difesa dal senso di colpa, è un amalgama straordinariamente pericoloso, perché la stragrande maggioranza della sinistra tedesca ritiene di essere al di sopra della mischia, di rimanere così immune dalle accuse di alimentare l'odio anti ebraico. Nel descrivere come Augstein - un giornalista di sinistra - attribuisce la colpa a Israele, Yücel usa il termine tedesco schuldzuweisungen - un termine che in linguaggio legale significa "remissione di colpa". Tutto ciò dimostra come un giornalista post-Shoah (Augstein è nato nel 1967) possa adattarsi perfettamente alla descrizione delle malattie mentali di Adorno e Horkheimer, catalogate e definite dalla psicologia sociale. La loro teoria era limitata alla sola Germania. La cosiddetta "critica di Israele" è diventata a lungo un passatempo nazionale in Germania e, si potrebbe sostenere, in tutta l'Europa occidentale. Cosa motiva l'intenso e sproporzionato interesse dei media tedeschi, l'attenzione politica e sociale e le critiche nei confronti del conflitto territoriale israelo-palestinese, paragonato al contrario alle oltre 100 altre controversie di confine in tutto il mondo? Una nuova generazione di accademici, sociologi, psicologi e psichiatri dovrà dedicare molta attenzione a questa onnipresente forma di antisemitismo per comprenderla e combatterla. La prevalenza dell'antisemitismo quale difesa dal senso di colpa in tutta l'Europa occidentale, in paesi che furono complici nella esecuzione della Shoah, solleva la domanda: l'Europa può essere curata? Il filosofo marxista-esistenzialista francese Jean-Paul Sartre, come i suoi contemporanei Adorno e Horkheimer, ha cercato di fondere il marxismo con il lavoro psicologico di Sigmund Freud. Sartre scrisse: “Non credere mai che gli antisemiti siano completamente inconsapevoli dell'assurdità delle loro risposte. Sanno che le loro osservazioni sono superficiali ... ma si divertono, perché è il loro avversario che è obbligato a usare le parole in modo responsabile, poiché crede nelle parole ... A loro piace persino giocare , danno spiegazioni ridicole , screditano la serietà dei loro interlocutori. Si dilettano nell’essere in malafede, dal momento che cercano di non persuadere partendo da argomentazioni solide, ma di intimidire e sconcertare. " La logica contorta dell'antisemita, seguendo l'esempio di Sartre, non si presta facilmente a una metodologia della ragione. L'antisemitismo è un fenomeno straordinariamente subdolo. Per tornare alla domanda principale di questa analisi - se l'antisemitismo è una malattia psicologica - dipende dalla particolare maniera in cui si manifesta la scelta su come affrontarlo.

Risultato immagine per benjamin weinthal JPost

Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT