venerdi 15 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
Germania: sotto inchiesta il centro pro Hezbollah. Il procuratore indaga ma afferma che l'impegno a favore del terrorismo non è un crimine 02/09/2019
Germania: sotto inchiesta il centro pro Hezbollah. Il procuratore indaga ma afferma che l'impegno a favore del terrorismo non è un crimine
Cronaca di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Anna Della Vida)
Risultati immagini per Uwe Becker

Risultati immagini per Uwe Becker
Uwe Becker


La Germania sta indagando su possibili attività terroristiche all'interno di un centro pro-Hezbollah nel paese, a seguito di una indagine della scorsa settimana sul Jerusalem Post. Tuttavia, la dichiarazione di un militante Hezbollah "Siamo orgogliosi del terrorismo" non è stata classificata come un pericolo per la Repubblica Federale, una frase all’interno di un intervento nel centro della città tedesca di Münster, dove ha dichiarato: “Apparteniamo al partito di Ruhollah [Khomeini]. Siamo stati accusati di essere terroristi , ebbene, ne siamo orgogliosi ". I media tedeschi hanno riferito venerdì scorso che "secondo una prima valutazione preliminare del procuratore generale, non vi è alcuna rilevanza criminale" e che non si formerà un procedimento penale contro l'islamista. Le autorità dello stato del Nord Reno-Westfalia, dove si trova Münster, hanno affermato che il discorso sul terrorismo islamista non ha preso di mira il loro stato o la Germania federale. Un portavoce del capo della polizia Hajo Kuhlisch ha dichiarato al Post che, sebbene non ci siano state accuse, si aspetta che la moschea abbandoni "ogni forma di antisemitismo e riconosca il diritto all'esistenza di Israele" e che il centro "si allontani per sua scelta da ogni forma di violenza e terrorismo ". Uwe Becker, commissario del governo statale dell'Assia per la lotta contro l'antisemitismo, in risposta a quanto avvenuto nel centro a glorificazione del terrorismo di Hezbollah ha dichiarato: "È tempo di seguire l'esempio di altri paesi, vietare l'organizzazione terroristica Hezbollah nell'UE e nella intera Germania". Mentre in Germania cresce l'odio contro gli ebrei, il governo del cancelliere Angela Merkel ha rifiutato con veemenza di mettere fuorilegge Hezbollah nella repubblica federale, dove 1.050 membri e sostenitori di Hezbollah raccolgono fondi e reclutano nuovi membri, oltre a diffondere ideologie jihadiste e antisemite. Quando è stato chiesto con un tweet se il ministero degli Interni tedesco, gestito dal politico dell'Unione sociale cristiana Horst Seehofer, avesse in programma di mettere fuori legge Hezbollah, il ministero ha dichiarato al Post che è "pura speculazione perché, per quanto riguarda se mettere fuori legge un movimento non tocca a questo ministero rispondere. Questo vale indipendentemente dal fatto che ci sia o no motivo per farlo. " La portavoce della polizia ha ammesso che il portavoce del centro islamico ha pronunciato un discorso in cui "ha glorificato la violenza e la guerra". Ha aggiunto che le dichiarazioni dell'oratore "potrebbero mettere in pericolo la coesistenza pacifica di diverse religioni, inclusi sunniti e sciiti". Il centro islamico è un centro sciita. Secondo il documento di intelligence esaminato dal Post, il numero dei membri di Hezbollah è passato nella Renania settentrionale-Vestfalia da 105 nel 2017 a 110 nel 2018. L'Allgemeine, un giornale regionale di Münster, ha riferito venerdì che chi ha pronunciato il discorso sul terrorismo è un 36enne, membro del Centro islamico del Libano. Un membro del centro islamico, che faceva parte del consiglio direttivo del centro, disse all'Allgemeine che la moschea è una "istituzione pacifica".

Risultati immagini per hezbollah
Terroristi di Hezbollah

L'uomo, che è membro del Consiglio di Integrazione della città, ha poi aggiunto " noi abbiamo una diversa definizione di terrorismo rispetto alla vostra". Lo statuto di Hezbollah richiede la "cancellazione dall'esistenza" di Israele. I funzionari dell'intelligence tedesca hanno dichiarato che "per oltre 20 anni, il Centro islamico è stato una piattaforma e un luogo di incontro per i sostenitori di Hezbollah nella Renania settentrionale-Vestfalia e nella Germania occidentale". In quanto ai terroristi di Hezbollah hanno fatto saltare in aria un autobus turistico israeliano a Burgas, in Bulgaria, nel 2012, uccidendo cinque israeliani e il loro autista, un musulmano bulgaro. La Germania e l'UE hanno teoricamente criticato il braccio militare di Hezbollah nel 2013, ma il suo presunto braccio politico funziona regolarmente anche in Europa. Il Middle East Media Research Institute (MEMRI), con sede a Washington, un'organizzazione indipendente e di monitoraggio della stampa, ha rivelato per la prima volta un video sulle attività terroriste pubblicato sulla pagina Facebook del centro islamico nel dicembre 2018. Uwe Becker ha affermato che "Hezbollah, il" Partito di Dio ", come organizzazione libanese-sciita, rappresenta una rete terroristica mondiale la cui base economica è alimentata dall'aiuto finanziario dell'Iran e dai proventi del crimine organizzato. Inoltre, il regime di Teheran sostiene anche Hezbollah militarmente, rendendolo la longa manus dei propri interessi e del potere non soltanto in Medio Oriente. " Ha poi aggiunto: “Con le sue strutture criminali che vanno dal contrabbando al traffico di droga, la rete terroristica che opera a livello internazionale non è solo una minaccia alla stabilità e alla sicurezza in Medio Oriente, ma è anche una minaccia per l'Occidente, che purtroppo è troppo spesso trascurata . “Uno degli obiettivi dell'organizzazione terroristica è anche lo sterminio di Israele, per cui dovremmo giungere alla conclusione che un tale movimento dovrebbe essere dichiarato fuorilegge. Sfortunatamente, l'Europa e la Germania non l’hanno ancora capito e fanno una distinzione completamente artificiale tra il cosiddetto braccio militare e il resto di questa organizzazione terroristica, che viene definita “parte politica ”. Uwe Becker ha ancora dichiarato: "Non capire che Hezbollah ha due vite si traduce in un'assurdità che apre la porta ad una ulteriore espansione delle strutture globali terroristiche e criminali e invia un segnale politico sbagliato, vale a dire che la nostra ragione di stato ripetutamente espressa verso Israele lascia troppo spazio a qualsiasi interpretazione. " Becker ha concluso sottolineando "No, Hezbollah non esiste in duplicato. Come se, nella retrospettiva storica della Germania, il NSDAP [partito nazista] e le SA [forza militare del partito nazista] rappresentassero il bene e il male, come se le SA fossero state il problema, mentre la parte politica dell'organizzazione andava considerata separatamente. Questa visione di Hezbollah non è solo assurda, ma pericolosa, perché ha già dato e continua a dare troppo spazio libero alla rete terroristica in Europa. " Stati Uniti, Canada, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Israele e la Lega araba hanno classificato l'intera organizzazione di Hezbollah come un'entità terroristica.

Risultato immagine per benjamin weinthal JPost
Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT