venerdi 20 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
Il Ministro degli Esteri tedesco sostiene l’Iran: ignora la lezione di Auschwitz 17/08/2019

Riprendiamo dal Jerusalem Post del 15/08/2019, con il titolo "Il Ministro degli Esteri tedesco sostiene l’Iran: ignora la lezione di Auschwitz" il commento di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Visualizza immagine di origine

 

Il disprezzo per le politiche del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, che apparentemente favorisce il letale antisemitismo del regime iraniano e le ambizioni delle armi nucleari contro Israele, si sta diffondendo di giorno in giorno, viste le critiche di molti politici e di esperti in diritti civili.
Il rabbino Abraham Cooper, del Simon Wiesenthal Center, ha dichiarato al Jerusalem Post: “Con tutto il rispetto, è tempo che il ministro degli Esteri tedesco la smetta di affermare che è stata la lezione di Auschwitz a spingerlo a entrare in politica, visto come si comporta oggi. Invece di indebolire il regime tirannico e genocida di Teheran, sta facendo di tutto per rafforzarlo. Le sue istruzioni all'ambasciatore tedesco alle Nazioni Unite non sono quelle di un amico dello Stato ebraico. "

Maas, un socialdemocratico, l'anno scorso ha annunciato di essere entrato in politica "a causa di Auschwitz". Cooper ha dichiarato: "Prima di invocare nuovamente Auschwitz, dovrebbe rileggere la storia. Ci aspettavamo molto di più dal Ministro degli Esteri Maas. Sfortunatamente, lo troviamo dalla parte sbagliata, quella di chi ignora le minacce che Israele deve affrontare ogni giorno. “
In un articolo molto critico sul New Journal of Zürich (NZZ), il parlamentare del Partito Democratico Libero (FDP) Frank Müller-Rosentritt ha esortato Maas a occuparsi della disastrosa politica estera della Germania. "
Heiko Maas, che secondo le sue stesse dichiarazioni una volta entrò in politica a causa di Auschwitz, commette un errore dopo l’altro sul Medio Oriente", ha scritto Müller-Rosentritt, uno dei più accaniti sostenitori dello stato ebraico nel Bundestag tedesco. Anche gli Stati Uniti classificano il regime iraniano come il principale sponsor internazionale del terrorismo.

Müller-Rosentritt ha citato molti esempi durante il mandato di Maas di 18 mesi, incluso il permesso al sottosegretario di Stato, Niels Annen, di celebrare la rivoluzione iraniana presso l'ambasciata iraniana a Berlino. 
Müller-Rosentritt ha aggiunto: “Christian Clages, Il rappresentante tedesco a Ramallah, ha definito la politica anti-israeliana e antisemita palestinese con un " like"sui social network. E la scorsa settimana, si è saputo che l'ex ambasciatore tedesco in Iraq e Iran Bernd Erbel non assumerà la carica di capo di Instex per le imprese iraniane europee ".
Erbel fu costretto a dimettersi da Instex perché aveva espresso critiche sul regime iraniano anti-Israele con il negazionista della Shoah, il tedesco Ken Jebsen.
La Bild ha scritto che l'ex ambasciatore Erbel ha discusso con Jebsen per due ore e mezza sull'Iran e Israele, e sembrava che andassero d'accordo sulle critiche alla Germania. Secondo Erbel, la Germania non ha mai condiviso la decisione di Israele di voler fermare il programma nucleare iraniano ".

Maas ha anche ignorato la richiesta della comunità ebraica tedesca di interrompere il commercio con la Repubblica islamica dell'Iran. Müller-Rosentritt , che ha contribuito a elaborare la risoluzione anti-BDS approvata nel Bundestag a maggio, ha affermato che Maas ha autorizzato l'ambasciatore tedesco presso l'ONU, Christoph Heusgen, di "attaccare Israele e di paragonarlo ad Hamas", malgrado si fosse impegnato a modificare il comportamento della Germania nelle votazioni Onu.
Infatti il portavoce del governo tedesco ha dichiarato che "un cambiamento nel comportamento di voto riguardante le condanne a Israele all’Onu non è ancora prevedibile”.
Müller-Rosentritt ha scritto che Maas è indifferente alle attività del movimento terroristica antisemita e genocida Hezbollah: “Le attività terroristiche e criminali di Hezbollah, sia in Libano che in Europa, sono ignorate dal Ministero degli Esteri. Classificare l'organizzazione terroristica in quanto tale - come hanno fatto Canada, Paesi Bassi o Regno Unito - non sembra nemmeno degna di discussione per il governo tedesco ". 

Müller-Rosentritt ha concluso il suo articolo, dichiarando che "è tempo che Heiko Maas non parli solo della responsabilità tedesca, ma sia anche responsabile personalmente della politica “
L’influente storico ebreo tedesco Michael Wolffsohn ha criticato aspramente le dichiarazioni “ambivalenti” di Maas in un commento sulla Bild di martedì scorso. "Cinica e ipocrita è la solidarietà con gli ebrei, paragonata con la aperta devozione tedesca all'Iran", ha scritto Wolffsohn. "Quel regime proclama anno dopo anno, di voler spazzare via “ l’entità sionista ", cioè Israele, dalle mappe geografiche.

Gli stretti rapporti tedeschi con l'Iran sono stati condivisi dagli ultimi tre ministri degli esteri: Frank-Walter Steinmeier, Sigmar Gabriel e  Heiko Maas. Solidarietà con gli ebrei? Gli ebrei dovrebbero metterci sopra il timbro kosher? ”
Wolffsohn ha usato il suo forte commento per far esplodere la presunta me fasulla lotta di Maas contro l'antisemitismo presentandosi a un evento in solidarietà con il rabbino berlinese Yehuda Teichtal , aggredito da due arabi alcune settimane fa. Quando gli è stato chiesto delle critiche alla sua ipocrisia, al suo regime filo-iraniano e alla politica estera anti-israeliana, un portavoce di Maas ha risposto: “
Il ministro degli Esteri Maas ha ripetutamente chiarito il suo atteggiamento sulla Shoah e la lotta contro l'antisemitismo. Attribuisce la massima importanza a un confronto sincero con la storia e la lotta contro l'antisemitismo. Si possono leggere i suoi commenti sia sul [sito web del ministero degli Esteri tedesco] diplo.de sia sul suo account Twitter. Abbiamo diffuso alcuni esempi in passato ".
Il portavoce ha quindi fatto riferimento alle" parole di benvenuto a Maas nella preghiera di solidarietà in occasione dell'incidente antisemita contro il rabbino Teichtal ".
Il portavoce ha inoltre riferito al Jerusalem Post di difendere la politica estera tedesca di non mettere fuorilegge Hezbollah perché il gruppo terroristico fa parte del sistema politico libanese e il rifiuto della Germania di reimporre le sanzioni statunitensi contro l'Iran. Dall’ ufficio del Cancelliere Merkel, non è giunta alcuna risposta.

Il governo del cancelliere Angela Merkel consente a 1.050 membri e sostenitori di Hezbollah di operare in Germania, dove gli agenti di Hezbollah reclutano nuovi membri, raccolgono fondi per l'organizzazione terroristica con sede a Beirut e diffondono ideologie antisemite e jihadiste in Germania.

Risultato immagine per benjamin weinthal JPost
Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT