mercoledi` 13 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
La ONG del Partito Socialista Democratico tedesco annulla l’invito allo scrittore israeliano Chaim Noll perché critico verso la politica pro-Iran di Berlino 04/05/2019

La ONG del Partito Socialista Democratico tedesco annulla l’invito allo scrittore israeliano Chaim Noll perché critico verso la politica pro-Iran di Berlino
Commento di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Anna Della Vida)

Immagine correlata
Chaim Noll

La ONG del Partito socialdemocratico tedesco (SPD) ha cancellato l’invito allo scrittore israeliano Chaim (Hans) Noll a una conferenza che avrebbe dovuto tenere a fine aprile all'Ariowitsch Haus di Lipsia, in Sassonia, perché ha scritto articoli critici verso la politica filo-iraniana del governo tedesco che mette a repentaglio la sicurezza dello Stato ebraico. 
La Fondazione Friedrich Ebert, che coordina le attività culturali dell’SPD, ha staccato la spina al discorso di Noll presso la sua filiale nello stato della Sassonia per aver scritto: "I politici tedeschi dei partiti di governo – più di ogni altro - stanno cercando di rafforzare il regime dei mullah in Iran, malgrado stia preparandosi per la eliminazione di Israele, perseguita ed espelle gli ebrei che ancora vivono nel paese " 

Noll, cresciuto a Berlino, nella Germania dell'Est, fuggito dal regime comunista e antisemita nel 1984 e trasferito in Israele nel 1995, ha scritto: ""Mai più!", dichiarano i politici tedeschi, con espressioni preoccupate quando parlano in pubblico sulla Shoah , creando uno show business tra siti della memoria e musei ebraici, luoghi di commemorazione ed ex camere di tortura in cui vengono forniti ogni genere di foto-op.
Gli stessi politici si stanno assicurando che i soldi continuino a fluire verso i mullah, i terroristi in Medio Oriente, le organizzazioni che boicottano Israele. È un'ipocrisia che ti lascia senza parole. Da tempo tutto questo è diventato comune, "normale", com'era allora, perché la vita nelle città tedesche era "normale" quando deportavano gli ebrei ".
 
Noll ha scritto  giorni fa sul sito web pro-Israele e filo-americano The Axis of Good  in occasione dell'annullamento del suo invito: "Recentemente ho criticato diverse volte la politica mediorientale guidata dal ministro degli esteri dell’SPD Heiko Maas . Scritto e a parole ho ricordato che questa vecchia politica, guidata da una funesta ideologia, costa ogni anno  milioni di euro ai contribuenti tedeschi. Ho fatto riferimento all'imbarazzo dell'impegno di Maas ad Auschwitz come fonte di ispirazione per la sua carriera politica e per le sue politiche tenacemente anti-israeliane." 
" Maas, come ha affermato recentemente l'ambasciatore israeliano, si è schierato a novembre totalmente con i nemici di Israele all'ONU, la Germania ha votato 16 volte su 21 risoluzioni contro Israele, ho criticato le forniture di armi tedesche e altri aiuti ai regimi belligeranti della regione, come ad esempio Iran e Arabia Saudita. Maas, che lo scorso anno ha dichiarato di essere entrato in politica "a causa di Auschwitz", ha permesso al suo ministero degli Esteri di partecipare a una celebrazione della rivoluzione islamica dell'Iran presso l'ambasciata del regime iraniano a Berlino a febbraio. La rivoluzione iraniana lavora per la distruzione di Israele, e il regime clericale è il principale sponsor di stato del terrorismo, negazione della Shoah e fanatico antisemitismo."

Il presidente socialdemocratico tedesco Frank-Walter Steinmeier ha inviato un telegramma al regime iraniano a febbraio per congratularsi con gli ayatollah nel 40 ° anniversario della rivoluzione islamica. Maas si oppone alle sanzioni statunitensi contro il regime iraniano e sta lavorando per revocare le sanzioni attraverso una cosiddetta società  che consente alle aziende tedesche e dell'UE di commerciare con Teheran. Efraim Zuroff, capo dell'ufficio di Gerusalemme del Centro Simon Wiesenthal, ha dichiarato martedì al Jerusalem Post: " è molto grave che a Noll sia stato revocato l’invito a causa delle sue critiche nei confronti della politica estera tedesca verso Israele. E’ davvero un giorno triste per la democrazia tedesca, perché l'SPD censura chi non è d'accordo con la politica estera del governo ". 

Noll, autore di molti libri su Germania e Israele, ha dichiarato: "Prima, quando la Repubblica federale di Germania era ancora una democrazia, quando c'erano ancora libertà di espressione e pluralismo, le fondazioni culturali dei partiti mi invitavano ai loro eventi, anche se le mie erano opinioni critiche. La Fondazione Friedrich Ebert invita invece solo chi è d’accordo con la linea del partito. È pura ipocrisia quando il partito  si lamenta della minaccia dell'AfD [Alternative for Germany's] ai valori democratici, quando il ministro degli esteri tedesco, usa le vittime della Shoah come decorazione per la propria carriera politica ". 
La Fondazione Friedrich Ebert ha suscitato polemiche in passato per attività anti-israeliane in relazione al lavoro con i terroristi jihadisti. Un esempio significativo è stata una conferenza del febbraio 2004 in Libano, denominata "Conferenza internazionale di Beirut sul mondo islamico e l'Europa: dal dialogo verso la comprensione",  organizzata e finanziata congiuntamente da Hezbollah e dalla Fondazione Friedrich Ebert, con interventi  di Hezbollah e Hamas e il cui programma includeva il tema  " occupazione e resistenza ", un eufemismo per attaccare Israele. 

Gli Stati Uniti, i Paesi Bassi, la Lega araba, Israele, il Regno Unito e il Canada classificano Hezbollah come un'entità terrorista. Tuttavia, l'UE e la Germania hanno solo classificato l'ala militare di Hezbollah come organizzazione terroristica.
Matthias Eisel, direttore della Friedrich Ebert in Sassonia, ha scritto in una e-mail al Jerusalem Post che ha annullato l'invito di Noll a causa delle critiche dello scrittore israeliano alle politiche filo-islamiche del regime tedesco. 
Citando gli scritti di Noll, Eisel ha scritto: "Chiunque conosca i nostri eventi e forum di discussione in Sassonia sa che sono sempre controversi. Il signor Noll, invece, li giudica invece a senso unico. Disprezza la politica tedesca nel suo insieme, considera la politica tedesca come traditrice - con l'eccezione dell'AfD ... Il signor Noll preferisce pubblicare i suoi articoli sull' Axe of Good, un forum che si può definire populista." 
Molti noti scrittori tedeschi , ebrei e non ebrei, pubblicano su questo sito web che critica l'antisemitismo e l'islam radicale in Germania. 
Quando a Eisel è stato chiesto se lui e la Fondazione Ebert hanno imparato qualcosa dalle lezioni della Shoah, visto che hanno boicottato un ebreo israeliano, si è rifiutato di rispondere. 

Scrivendo su "Axe of Good”, Noll ha definito la decisione di Eisel di escluderlo gli ricorda i funzionari comunisti dell'ex Repubblica democratica tedesca contro i cittadini che dovevano essere puniti. L'ormai defunta Repubblica democratica tedesca ha intrapreso una guerra non dichiarata contro lo stato ebraico. Quella campagna è stata documentata dallo storico Jeffrey Herf nel suo libro." Propaganda nazista per il mondo arabo" ( uscito in italiano NdT) Eisel era indignato per il fatto che Noll avesse accusato la Germania di non aiutare Israele in periodi di crisi pericolose per la vita dello Stato e per la mancanza di una significativa diplomazia filo-israeliana. 
Ad esempio, Noll ha scritto: "Quando si trattava di aiutare gli ebrei, nel loro paese o all'estero, in guerre imposte a Israele, o di fronte a minacce nelle città tedesche, i politici tedeschi - con poche eccezioni – hanno scelto il silenzio. 
Il Partito Alternativo per la Germania (AfD) è stato l'unico a chiedere nel Bundestag lo spostamento dell'ambasciata tedesca a Gerusalemme., come sarebbe ovvio nella città che ne è la capitale. Ma tutti gli altri partiti si sono opposti ". 

Noll, universalmente apprezzato come  esperto della lingua tedesca, ha affermato : "Non appena mi scontro con un'istituzione di potere in Germania, intravedo ciò che mia nonna avrebbe potuto provare quando fu chiamata per la prima volta dalla Gestapo. È inappropriato, lo so. E spero ancora di poter essere clemente. La mia vita è - come quella di Heiko Maas - legata ad Auschwitz. Solo dall'altra parte. "

Immagine correlata
Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT