mercoledi` 26 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
La Germania rifiuta di rivelare i tentativi iraniani di acquistare tecnologia nucleare e missilistica 26/03/2019

La Germania rifiuta di rivelare i tentativi iraniani di acquistare tecnologia nucleare e missilistica
Analisi di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata

Washington, D.C. - Il ministero degli Esteri tedesco ha rifiutato di rivelare le statistiche relative agli sforzi iraniani illegali volti a proteggere la propria tecnologia nucleare e missilistica in tutta Europa “Una documentazione riguardante il commercio estero in connessione con i tentativi del regime iraniano di progredire nel campo della tecnologia nucleare,non è conservata presso l'ufficio criminale [tedesco]”, ha dichiarato il Ministro tedesco Niels Annen. FoxNews.com ha riferito sull'occultamento da parte della Germania di dati importanti che potrebbero stabilire violazioni del regime iraniano dell'accordo sul nucleare del 2015, formalmente definito il piano d'azione globale congiunto, con le sanzioni contro il programma missilistico della Repubblica islamica. Alla fine di febbraio, il Partito della Sinistra tedesca ha inviato una richiesta parlamentare al governo federale, chiedendo il numero di casi, richieste e risultati riguardanti le violazioni delle sanzioni iraniane compiute dall'ufficio criminale doganale tedesco tra il 2015 e il 2018. Il ministro socialdemocratico degli esteri Niels Annen, considerato solidale con il regime clericale iraniano e che ha celebrato l’anniversario della rivoluzione iraniana a fine febbraio presso l'ambasciata di Teheran a Berlino, ha scritto che la politica del governo non è cambiata. Tuttavia, secondo un rapporto del sito T-online in lingua tedesca del 19 marzo, il reporter Jonas Mueller-Töwe ha scritto che il fallimento del governo tedesco nel fornire trasparenza sulle possibili violazioni delle sanzioni iraniane contraddice le pratiche passate del paese. Mueller-Töwe ha affermato che l'affermazione di Annen secondo cui la politica di divulgazione non è cambiata "non è corretta". L'articolo di T-online riportava che "fino al 2004, il governo federale aveva i dati dell'ufficio penale doganale suddivisi per paese e dettagliati nei loro rapporti sulle esportazioni di armi riguardanti i beni coinvolti, le indagini avviate e i loro risultati”.

Immagine correlata

"Non abbiamo nulla da aggiungere alla risposta del Ministro Annen", ha detto in una nota a Fox News un portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel. Un portavoce del ministero degli Esteri tedesco ha criticato a Fox News la posizione del Consiglio europeo di febbraio sul programma missilistico iraniano, che affermava: "Il Consiglio è gravemente preoccupato per l'attività missilistica balistica iraniana e chiede all'Iran di astenersi da queste attività, in particolare i lanci di missili balistici che sono in contrasto con la risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. L'Iran continua invece a impegnarsi per aumentare la portata e la precisione dei suoi missili e il numero di test e lanci operativi ". Il Consiglio dell'UE ha aggiunto: "Queste attività approfondiscono la sfiducia e contribuiscono all'instabilità regionale. Il Consiglio chiede all'Iran di adottare tutte le misure necessarie per rispettare pienamente tutte le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite relative al trasferimento di missili e materiale e tecnologia”. Il Consiglio ricorda anche la sua lunga e forte preoccupazione per l'accumulo militare regionale.

Immagine correlata

Il JPost ha esaminato un rapporto dell'intelligence tedesca del 2018 che scriveva: "L'Iran ha continuato a intraprendere, come hanno fatto Pakistan e Siria, gli sforzi per ottenere finanziamenti e know-how da utilizzare per lo sviluppo di armi di distruzione di massa e per ottimizzare i corrispondenti sistemi di lancio missilistico “. Una spiegazione del rifiuto della Germania di divulgare le statistiche sulle violazioni del regime iraniano del JCPOA (sigla che indica l'accordo voluto da Obama e dalla Ue, NdT) e delle sanzioni potrebbe essere il fiorente rapporto commerciale di Berlino con l'Iran. Una seconda spiegazione potrebbe essere l'intensa devozione dell'amministrazione Merkel a preservare il JCPOA, le cui violazioni e le sanzioni potrebbero mettere a repentaglio l'accordo iraniano che Merkel ha definito una priorità assoluta per il suo governo.

Immagine correlata
Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT