giovedi` 19 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Benjamin Weinthal
Europa Germania
<< torna all'indice della rubrica
L'Algeria rilascia il blogger in carcere per un'intervista con Israele 07/03/2019

L'Algeria rilascia il blogger in carcere per un'intervista con Israele
Analisi di Benjamin Weinthal

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Il blogger Marzoug Touati

Dal Jerusalem Post Il governo algerino ha rilasciato lunedì il blogger Marzoug Touati, che lo scorso luglio aveva iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la condanna sette anni di carcere per avere intervistato un funzionario del Ministero degli Esteri israeliano. Il Comitato per la difesa dei giornalisti (CPJ) ha scritto un Tweet diffuso dalla agenzia MENA in Medio Oriente e Nord Africa: "Oggi il blogger Marzoug Touati è stato liberato dopo che un tribunale lo aveva condannato a due anni di prigione, che ha già scontato, oltre a una sospensione condizionale di tre anni. " MENA ha scritto che "Marzoug Touati è stato inizialmente condannato a 10 anni di reclusione con l'accusa di" intelligence con potere straniero " Oggi finalmente viene liberato. " La liberazione del giornalista arriva durante le grandi proteste contro presidente dell'Algeria, malato di 82 anni, Abdelaziz Bouteflika, che attualmente è in Svizzera per dure dopo l'ictus nel 2013. Sul sito web del CPJ, l'organizzazione dei giornalisti ha scritto "Le forze di sicurezza algerine hanno arrestato il blogger nella sua casa di Béjaïa il 18 gennaio 2017. Secondo il quotidiano londinese Al-Sharq al-Awsat, le forze di sicurezza hanno interrogato Touati dopo che un video di YouTube pubblicato il 9 gennaio 2017 aveva conteneva una intervista condotta in teleconferenza con Hasan Kaabiah, portavoce del Ministero degli Esteri israeliano, nel quale si affermava che "In quell'intervista, il funzionario ha detto che Israele ha un ufficio di collegamento ad Algeri da prima del 2000. Algeria e Israele non hanno relazioni diplomatiche complete, e il governo algerino è spesso critico nei confronti della politica israeliana".

Immagine correlata
Abdelaziz Bouteflika

Secondo il CPJ, "durante l'intervista di Touati con Kaabiah, il giornalista ha chiesto l’ opinione del funzionario in merito alle accuse del ministro algerino dello sviluppo urbano Abdelmadjid Tebboune secondo cui le proteste contro l'inflazione erano organizzate da paesi stranieri, incluso Israele, e che Israele era sostenitore della Primavera araba." CPJ ha scritto che "Touati ha iniziato a scontare la sua pena nel carcere di Oued Ghir a Béjaïa. Secondo i resoconti dei media e Amnesty International, Touati è stata detenuto in isolamento e ha dovuto acquistare a sue spese il cibo perché veniva nutrito a malapena. Il 3 novembre 2018, Touati è stato trasferito in una prigione nella provincia algerina di Bouira, secondo notizie e un post su Facebook dal suo avvocato, Salah Dabouz. " Il CPJ ha riferito che "Il giudice ha rifiutato le molteplici richieste di Touati di convocare testimoni che potrebbero avere un ruolo fondamentale nel caso, l’ha scritto su Facebook l’avvocato Dabouz. Il giudice ha anche rifiutato il rilascio su cauzione " Il governo algerino è stato criticato del Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite per le violazioni alla libertà di espressione. La liberazione di Touati coincide con le proteste di massa contro il quinto mandato di Bouteflika, al potere dal 1999, in cerca di un nuovo mandato di cinque anni fino al 2024. In risposta a quella che potrebbe essere una nuova rivolta araba nella regione, Bouteflika ha proposto riforme per fermare le manifestazioni e i crescenti disordini. Bouteflika,in un comunicato, ha promesso agli algerini "una conferenza nazionale inclusiva e indipendente per discutere, elaborare e adottare riforme politiche, istituzionali, economiche e sociali" e " l’implementazione di politiche pubbliche per assicurare una più giusta ed equa ridistribuzione delle ricchezza nazionale e l'eliminazione dell'emarginazione sociale e dell'esclusione ". L'uomo forte algerino introdurrà anche una nuova costituzione e riforme nel sistema elettorale ampiamente criticato. Infine, ha scritto che l'Algeria condurrà "elezioni presidenziali anticipate secondo il calendario stabilito dalla conferenza nazionale indipendente. Mi impegno a non essere candidato a questa elezione che garantirà la mia successione in condizioni indiscutibili di ordine, libertà e trasparenza. La data di queste prime elezioni presidenziali sarà fissata dalla conferenza nazionale ". Non è chiaro se Touati sia stato rilasciato a seguito del piano di riforma di Bouteflika. L'esperto del Medio Oriente britannico Brian Whitaker ha scritto sul suo sito web al-bab.com "Il sistema algerino ha certamente bisogno di riforme e la proposta di un dialogo nazionale sarebbe un modo ovvio per avviare il processo." Ha poi osservato che "Dato l'umore attuale in Algeria, è improbabile che il popolo venga persuaso della sincerità del regime senza un segnale concreto del suo impegno per le riforme ". Whitaker ha scritto "Il problema, però, è che le concessioni sono state offerte sotto costrizione e in cambio della rielezione di Bouteflika. La domanda chiave è se il regime sarà disponibile a realizzarle una volta che Bouteflika avrà ottenuto un altro mandato ". Conclude Whitaker: "Potremmo anche chiederci perché, se il regime è serio riguardo alle riforme, se Bouteflika può essere in grado di affrontarle, specialmente quando la sua capacità è limitata dal suo stato di salute".

Immagine correlata
Benjamin Weinthal


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT