sabato 08 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
L'indifferenza è perfino peggio dell'antisemitismo 05/04/2020
Riprendiamo da SHALOM marzo/aprile 2020 a pag.25 con il titolo "Più che l'antisemitismo spaventa il silenzio" il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana

How should Germany deal with Islamic anti-Semitism? | Germany ...
Una manifestazione di antisemitismo islamista in Europa

Che l’antisemitismo rivelasse una preoccupante crescita in Europa è una non notizia, almeno per chi segue con attenzione le ricerche dei centri di documentazione e le analisi degli esperti, quelli veri, che non si limitano a stupirsi di fronte ad alcuni casi di cronaca, ma investono le loro intelligenze per far capire la natura di quanto avviene, che non si accontentano della classificazione “antisemitismo” che troppo spesso nasconde l’obiettivo finale dell’odio contro gli ebrei vivi, l’antisionismo, cioè Israele. Per comprendere questo passaggio sarebbe sufficiente leggere le analisi dello storico israeliano Manfred Gerstenfeld – pubblicate puntualmente in italiano sul quotidiano online ‘informazione corretta’- per rendersi conto che l’odio per gli ebrei dopo la Shoah continua al riparo della parola ‘antisemitismo’. Perché in Italia, per esempio, nessuno si dichiara apertamente antisemita? La cartina di tornasole che rivela quanto dovrebbe rimanere nascosto è persino facile da tenere a mente, a chi afferma “antisemita io? ma se ho degli amici ebrei!”, rispondere “appunto”. Semplice, no? Purtroppo la realtà si trova spesso dalla parte degli odiatori, che godono di una complicità forse non cercata che è però alla base della loro assoluzione, il cui nome è ‘silenzio’. Tacere di fronte alle manifestazioni di odio assolve chi odia. L’esempio più macroscopico è avvenuto il 27 gennaio scorso, non nell’aula di uno sconosciuto consiglio comunale, chè tale non è il Municipio di Torino, dove l’intervento ufficiale a ricordo dello sterminio di sei milioni di ebrei è stato affidato al presidente del Consiglio comunale Francesco Sicari, movimento 5Stelle, il quale, in una sala silenziosa ha accusato Israele di comportarsi con i palestinesi come i nazisti con gli ebrei durante la Shoah. Con l’eccezione del consigliere della Lega Fabrizio Ricca,che ha preso le distanze con una dichiarazione chiara e forte; né la sindaca né nessun altro rappresentante di partito è intervenuto. Chi aspettava il giorno successivo, per leggere sulle cronache locali (forse anche non solo) qualche commento è rimasto deluso: neanche una riga, nessuna istituzione, civile o religiosa, ha sentito il dovere di esprimere la propria indignazione, evidentemente assente. Come ha scritto Deborah Fait “offendere gli ebrei morti assassinati condannando quelli vivi che si difendono” non ha suscitato alcuna reazione. A dire il vero, una c’è stata, quasi un mese dopo, il 17 febbraio, quando tutte le istituzioni, politiche e non, hanno accolto l’invito della sindaca Appendino a recarsi davanti al Municipio per protestare contro le scritte ‘Jude’ apparsi sulle abitazioni di alcuni cittadini, ebrei e non. Un fatto disgustoso, da condannare, una manifestazione che però avrebbe avuto un senso se l’ accusa a Israele del presidente del Consiglio comunale fosse stata condannata. Accolta invece con un rispettoso silenzio può essere stata persino accolta come un invito a proseguire con gesti individuali carichi di emulazione. Infatti le istituzioni cittadine sono accorse al richiamo della sindaca, hanno gridato basta con l’antisemitismo, tutti in coro. Attendiamo (con poca fiducia) che tra chi manifesta contro l’antisemitismo – interrompendo per un momento ‘Bella ciao’- ci spieghi come si fa a non essere antisemiti quando si sta zitti davanti alle parole del presidente del Consiglio comunale. Ah, dimenticavamo, certo che si può essere antisemiti e odiare Israele, basta avere degli amici ebrei.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT