mercoledi` 19 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Il nuovo fascismo? È quello islamista 23/01/2020
Riprendiamo da SHALOM novembre/dicembre 2019 a pag.19 con il titolo "Il nuovo fascismo? È quello islamista" il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana

Risultati immagini per alain finkielkraut
Alain Finkielkraut

In Italia non mancano intellettuali che commentano fatti di cronaca, la fama non arriva soltanto dai libri. Ma se è vero che nessuno è mai riuscito a raggiungere la popolarità degli interventi sul Corriere della Sera di Pier Paolo Pasolini, veri editoriali da prima pagina, per la forza dello stile e per il coraggio degli argomenti scelti, questa non è la sola differenza tra i nostri intellò e quelli d’Oltralpe. Semi scomparsi i settimanali, le palestre sono ormai alcune rubriche sui quotidiani e gli interventi – spesso trasformati in risse- nei vari talk show televisivi. Ma ciò che preoccupa è l’allineamento ordinato in un solo gruppo, se non si appartiene alla ideologia culturale dominante- lascio ai lettori indovinare quale- scatta l’etichettatura immancabile, quella che Ennio Flaiano aveva con lungimiranza chiamata “il fascismo degli antifascisti”. Se non aderisci al club, sei fuori. Ecco due esempi, utili per capire come in Francia accanto al gruppone dei politicamente corretti ‘all’italiana’, ci sia chi non ha abdicato alla libertà di pensiero. Due esempi, Georges Bensoussan, uno dei più autorevoli storici della Shoah e Alain Finkielkraut, un interprete che ha saputo, vivendole, liberarsi dalle ideologie del’900.

Immagine correlata
Georges Bensoussan

Georges Bensoussan, per aver denunciato l'antisemitismo di matrice islamica in Francia, è stato portato in tribunale accusato di islamofobia, da una associazione islamica vicina ai Fratelli musulmani, il cui fine è proprio l’invasione silenziosa dell’Europa. Il Memoriale della Shoah, di cui Bensoussan era direttore, lo ha cacciato su due piedi condividendo evidentemente l’accusa. Esponenti di grande rilievo della cultura francese, anche se minoritari, come Elizabeth Badinter e Alain Finkielkraut, ma anche musulmani, come l’algerino Boualem Sansal si sono dichiarati pubblicamente dalla sua parte. Finkielkraut l’ha poi pagata un anno dopo, quando è stato aggredito in strada durante una manifestazione dei gilet gialli, insultato a suon di ‘fascista di destra,reazionario’. In una lunga intervista –curiosamente proprio sull’Espresso, ideologicamente schierato dalla parte opposta-alla domanda “in molti notano come in Italia stia avanzando un nuovo fascismo. È d’accordo?” ha risposto: “Sono scettico rispetto al termine ‘fascista’ perché riflette una mancanza di conoscenza dei tempi attuali, la situazione francese è diversa da quella italiana. In Francia l’antisemitismo è arabo-musulmano e della sinistra pro-Islam”. Difficile etichettarli ‘di destra’, eppure è il destino di chi in Italia, colpevole come Bensoussan e Finkielkraut di raccontare senza ipocrisie e paura l’Europa dei prossimi decenni, considera l’islamofobia un reato da condannare. Quindi fascista.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT