venerdi 20 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Xenofobia/Islamofobia: cerchiamo di capire 23/08/2019
Riprendiamo da SHALOM luglio 2019 a pag.18 con il titolo "Xenofobia, Islamofobia: facciamo chiarezza" il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana

Risultati immagini per islamofobia

Ci sono alcune parole che vengono usate a sproposito, con il risultato di impedire l’esatta interpretazione di avvenimenti che potrebbero essere altrimenti di facile comprensione. Due in particolare. Cominciamo con Xenofobia. Così la definiscono,da sempre, i dizionari: “ Avversione indiscriminata nei confronti degli stranieri e di tutto ciò che proviene dall'estero”. Eppure è diventata comune in tutte le analisi e commenti solo da qualche anno, da quando i barconi di migranti hanno dato origine a una immigrazione incontrollata, causando spesso la morte di chi si affidava per arrivare alle nostre coste a dei veri mercanti di essere umani, assipati in gommoni, che si rovesciavano prima dell’arrivo della nave della Ong, che attendeva la consegna del carico umano. La tragedia di quelle morti, le immagini che da anni vediamo nei Tg, veniva attribuita, appunto, alla xenofobia di chi si chiedeva invece di chi erano veramente le responsabilità di quelle morti, di quelle Ong che con i loro accordi con i mercanti di vite umane, si richiamano a un non ben specificato ‘dovere dell’accoglienza’. Eppure l’Italia è sempre stato un paese dove la ‘avversione per gli stranieri’ non mai messo radici, così come non ci ha mai toccato la ‘avversione di ciò che proviene dall’estero’, semmai è vero il contrario.

Risultati immagini per islamofobia islam

A proposito di Islamofobia, la definizione più neutra, meno ideologica è “Avversione nei confronti dell'Islam e dell'islamismo”,accettabile dal punto di vista storico, ma insufficiente se viene usata almeno a partire da questo secolo. L’islam, infatti, è l’unica religione che si identifica con una fede ma nello stesso tempo con lo Stato, nel senso che viene applicata seguendo una legge ben precisa che si chiama Sharia, che un questi ultimi 20 anni abbiamo imparato conoscere e temere. Che l’Europa sia oggetto di una immigrazione islamica è oggi una realtà di dominio pubblico, come lo sono le teorie estremiste per imporla attraverso un terrorismo che, dopo l’11 Settembre, non ha fatto altro che crescere. In molti paesi europei, Francia,Belgio,Inghilterra, Germania, paesi scandinavi ecc. in moltissime città vi sono quartieri a maggioranza islamica che hanno sostituito con la Sharia il diritto precedente, con il risultato di escludere ogni intervento dei tutori dell’ordine vigente. L’origine di questa ‘invasione silenziosa’ ha origine negli anni ’20 in Egitto con la Fratellanza Musulmana, che, anche se duramente combattuta dai regimi islamici laici, messa anche fuorilegge, è tuttora più viva che mai. Ecco perché è riduttivo definire ‘islamofobo’ chi non aspira a vivere in uno Stato retto dalla Sharia, anzi, apprezzando le virtù dei sistemi democratici, vede nell’arrivo di una teocrazia islamica la fine di tutte le libertà.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT