martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Diritti umani, Onu e politicamente corretto 27/08/2018

Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, settembre 2018, a pag.9 con il titolo "Diritti umani, Onu e politicamente corretto" il commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Zeid Raad al Husseini spesso intervistato

Immagine correlata
Nikki Haley, ambasciatrice Usa all'Onu, mai intervistata
dai nostri media, cartacei e TV, come se fosse un fantama
e fantasmi non esistono, dunque è normale non intervistarla

Lui si chiama Zeid Raad e riveste l’altissima carica di Alto Commissario dell’Onu per i Diritti Umani, una posizione che fa pensare ad attività rivolte a tutto il mondo per controllare l’applicazione o meno dei diritti umani. Precedentemente è stato ambasciatore al Palazzo di Vetro del re di Giordania, suo cugino. Da quando è Alto Commissario viene spesso intervistato, le lodi al suo operato si sprecano, leggendo i nomi dei paesi che si suppone si siano resi responsabili di violazioni che Raad cita sempre volentieri e dai quali –afferma-ha ricevuto pesanti attacchi, vediamo Russia,Cina,India,Turchia,Arabia Saudita, solo per citarne alcuni, ma la sua attività era conosciuta unicamente per il numero altissimo di condanne a un solo paese, Israele, responsabile dei crimini più efferati nei confronti dei palestinesi. Le richieste di condanna erano presentate dai 47 paesi che fanno parte del Consiglio, in gran parte islamici, e dai medesimi, in maggioranza, votati, con grande soddisfazione del Commissario. Ma le condanne a ripetizione di Israele non destavano più grandi attenzioni da parte dei media, tanto erano prevedibili, in un organismo giudicato di scarso interesse dai media internazionali. Che devo inventarmi per suscitare interesse, deve essersi chiesto il signor Raad? Messo da parte Israele, l’occasione che l’avrebbe trasformato in una star dei diritti umani aveva un nome; ‘migranti’. Di fronte a una Europa in preda alla confusione più totale su come affrontare un problema dalle molte facce, tutte di non facile soluzione, l’Alto Commissario ha incominciato a sparare contro le istituzioni europee contrarie alla accettazione indiscriminata dell’immigrazione extra europea, paventando un futuro non lontano in cui i migranti saranno stati soltanto i primi ad essere discriminati, seguiranno a breve misure xenofobe ad altri gruppi, i rom per esempio e poi ‘chissà quanti altri’, come ha dichiarato in una intervista alla Stampa il 28 giugno scorso. La parola magica aveva messo fine alla sua clandestinità, almeno su quelli italiani, cui oggi il nome Zeid Riad è diventato famigliare. Chi non gode dello stesso trattamento è invece Nikki Haley, la coraggiosa ambasciatrice Usa all’Onu, i cui interventi stanno rivoluzionando l’Assemblea, mettendo un alt alla propaganda dei paesi arabo musulmani contro l’America e Israele, senza dimenticare le accuse provate contro l’Iran, al centro del terrorismo internazionale. Una collezione di video testimoniano quanto nell’arco di un anno la politica estera americana non è più quella di Obama. Qualcuno ha mai provato a fare un piccolo sondaggio personale, chiedendo “ scusi, le sa chi è Nikki Haley”? oppure “ ricorda qualche intervista, in Tv e sui nostri giornali, alla ambasciatrice Usa all’Onu”?


Angelo Pezzana

Per inviare al Bollettino la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT