martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Da JStreet una storia istruttiva 20/08/2018

Da JStreet una storia istruttiva
Commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata

Rashida Tlaib è la prima candidata palestinese-americana ad avere vinto le primarie del Partito Democratico nel 13°distretto congressuale del Michigan, quindi con la possibilità di essere eletta nelle prossime elezioni di novembre. Di famiglia palestinese ma nata negli Usa ha quindi le carte in regola. La novità non è nelle origini, negli Stati Uniti la provenienza da un altro paese è quasi la norma, ma la sponsorizzazione che ne ha favorito la vittoria. È stato infatti il movimento JStreet, espressione del mondo ebraico americano di sinistra,fortemente critico verso il governo Netanyahu, ad averla appoggiata dopo le sue dichiarazioni in favore della soluzione del conflitto israelo-palestinese attraverso la formula ‘due popoli per due stati’ uno ebraico e uno arabo, che la Tlaib aveva posto al centro della sua campagna elettorale. Garantitasi la nomina, ecco la sorpresa, che ha costretto JStreet, perdendo la faccia, a fare marcia indietro.

Immagine correlata

Rashida Tlaib ha rivelato il suo vero pensiero, rilasciando una dichiarazione in cui chiedeva al governo americano di sospendere gli aiuti militari a Israele e abbandonare la proposta dei due popoli per due stati, per sostituirla con un solo Stato chiamato Palestina, nel quale sarebbero vissuti con uguali diritti ebrei e arabi ecc. ecc. L’ideologia pacifista, la sottovalutazione della minaccia rappresentata dai vicini arabi alla sicurezza di Israele, ignorare l’importanza che ha nell’islam la parola “ taqiyah”che legittima la menzogna, ha costretto JStreet alla brutta figura di una ritirata che, ci auguriamo, ne minerà la credibilità per lungo tempo. Dal canto suo, La Tlaib, priva del sostegno degli ebrei di sinistra, preme l’acceleratore sulla tesi opposta: nella spazzatura due stati per due popoli – e fin qui nulla di nuovo, a buttarla nel cestino ci aveva già provveduto Arafat - a posto un solo Stato che si chiamerà Palestina. Aspettiamo novembre per vedere quale risultato avrà ottenuto la dissennata politica di JStreet.


Angelo Pezzana


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT