martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Verso la fine dello scandalo UNRWA? 09/08/2018

Verso la fine dello scandalo UNRWA?
Commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata

Un altro passo nella direzione giusta della Amministrazione Trump nel cercare di eliminare quell’enorme scandalo di nome UNRWA, l’agenzia Onu creata nel 1949, il cui compito era occuparsi esclusivamente dei ‘rifugiati’ palestinesi, in qualunque parte globo si fossero recati, discendenti compresi, da circa 700.000 che erano, diventati più di sette milioni, con la previsione che saranno 10 milioni nel 2030 se la situazione non cambia. Sì, soltanto di loro si occupava UNRWA, perché ne esiste un’altra di agenzia Onu che riguarda tutti i rifugiati del mondo costretti ad abbandonare le loro case,la UNHCR, fondata nel 1950, che in tutti questi anni ha assistito 70 milioni di rifugiati. I palestinesi invece, sistemati dall’UNRWA in campi profughi in diversi paesi mediorientali, hanno mantenuto la loro qualifica di rifugiati, essendo compito dell’agenzia Onu impedire qualsiasi loro integrazione. Di fatto una popolazione in continuo aumento, utile per essere usata contro Israele, come le cronache di questi 70 anni hanno dimostrato. Se venissero accolti anche in uno Stato palestinese contiguo sarebbero comunque una presenza nemica inaccettabile per la sicurezza di Israele. Dovevano essere assorbiti dai vicini stati arabo-islamici, visto che avevano scelto di lasciare lo stato ebraico invece di rimanere, come li aveva esortati David Ben Gurion.

Immagine correlata
Una scuola dell'Unrwa a Gaza, trasformata in deposito per i missili

Va ricordato che il nuovo stato ebraico accolse e integrò circa 800.000 ebrei espulsi dai paesi arabi, un pezzo di storia che i nostri cronisti evitano di citare, omettendo così un fatto essenziale per capire l’intero problema. Con la scusa che i rifugiati si trovano nei paesi arabi che li ospitano solo temporaneamente, perché prima o poi il loro futuro sarà in Israele e in uno stato palestinese, vengono negati loro tutti i diritti, non possono adire a molte professioni, non godono dei servizi sociali, sono invisi a sciiti e sunniti. Sono però assistiti dall’UNRWA. Se questa venisse a mancare, una soluzione concordata con i paesi che li ospitano sarebbe obbligatoria, quindi di grande utilità per gli stessi rifugiati. Il taglio finanziario deciso da Trump sta già registrando il licenziamento di un numero notevole di funzionari, molti anche europei – italiani inclusi- che per decenni si sono opposti a qualsiasi soluzione che comprendesse la cancellazione della agenzia, fonte di lauti stipendi derivati dallo status quo.


Angelo Pezzana


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT