martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Come fa politica la comunità Lgbt in Israele 03/08/2018

Come fa politica la comunità Lgbt in Israele
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Il Gay Pride ieri a Gerusalemme

Meno nudità nel Gay Pride di Gerusalemme ieri, fra i circa 35.000 dimostranti, che hanno protestato per la mancata inclusione nella legge sulla maternità surrogata per gli uomini. Sfilata nel centro della capitale, senza incidenti, se si escludono le maniere forti della polizia contro alcuni esponenti dei gruppi ortodossi di estrema destra Lehava, quattro sono stati arrestati da uno speciale gruppo di poliziotti in abiti color arcobaleno, che si erano mischiati fra gli oppositori alla marcia per impedire che commettessero atti di violenza. Molto variegata la partecipazione, considerando che in Israele non c’è ancora il matrimonio civile misto - è legale solo quello religioso - che viene però riconosciuto se celebrato all’estero.

Immagine correlata

Se al Pride di Tel Aviv in 200.000 avevano manifestato la gioia di vivere in un paese tra i più aperti nel riconoscimento del diritto di vivere liberamente la propria sessualità, nella capitale si è svolto sotto il segno della politica, meno musica assordante, più slogan sui diritti ancora da conquistare. Se i rabbini ortodossi continuano a ripetere che sarà la famiglia tradizionale ad essere colpita dalla liberazione dei costumi sessuali, ce ne sono altri, sempre nel campo del rabbinato ortodosso, a pensarla diversamente, come il rabbino Aharon Leibowitz, che è anche consigliere comunale e attivista sociale pro LGBT. “Se una comunità si sente oppressa, è mio dovere essere presente alla marcia e solidale” ha dichiarato. Questo Pride, con la partecipazione di gruppi diversi, viene giudicato particolarmente interessante dai commentatori politici, in vista delle elezioni municipali che si terranno nella capitale il 30 ottobre prossimo.


Angelo Pezzana


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT