martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Donald Trump, un ritratto 14/07/2018

Donald Trump, un ritratto
Commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Donald Trump

Difficile trovare giudizi benevoli su Donald Trump. Nulla è cambiato, a partire dalla campagna elettorale, quando i sondaggi avevano iniziato a darlo vincente su Hillary Clinton. Il primo No aveva una motivazione estetica. Quella pettinatura inconsueta e la pessima oratoria diedero inizio ai successivi attacchi. Contava poco, in quei mesi, il programma. Trump era già stato classificato conservatore in quanto candidato del partito repubblicano, persino reazionario, se eletto avrebbe cancellato le riforme progressiste di Obama, era la litania di tutti i critici, profezia dimostratasi poi falsa. Quando vinse, venne dato per certo che c’entrava lo zampino della Russia di Putin, un aiuto che Trump avrebbe ricevuto per diffamare l’avversaria. Non si è mai saputo in che cosa consistessero quelle informazioni giudicate indispensabili alla sua vittoria, ma vennero date per vere, confermando l’amicizia/alleanza fra i due. Gi attacchi non gli hanno mai dato tregua, quando incominciò a liberarsi dei personaggi che il partito repubblicano gli aveva piazzato accanto, esperti negli affari di stato, spesso perdenti. La vittoria di Trump aveva stupito più dei democratici la stessa leadership repubblicana. Ad ogni eliminazione dell‘ “esperto” di turno, seguivano le condanne dei media sul suo carattere ‘inaffidabile’, instabile, uno che cambia opinione da un giorno all’altro, non uno che avanzasse il dubbio che il presidente aveva tutti i diritti di circondarsi di collaboratori di sua fiducia. Cosa che fece, chiamando personaggi di altissimo livello, che godevano della sua stima. E che personaggi, Bolton, Haley, Pompeo, tutti messi nel posto giusto, come hanno dimostrato con la loro condotta esemplare.

Immagine correlata
I media americani contro Donald Trump

Alle accuse di essere un ‘affarista, come se fosse un disonore la professione di immobiliarista, per cui di politica non capiva nulla, sono sufficienti alcuni esempi: ha sistemato le follie nucleari del tiranno della Corea del Nord, il quale – almeno per ora- ha smesso di minacciare il mondo intero, in primis la Corea del Sud, il Giappone e gli stessi Usa, smettendola con le sfilate di missili. Un miracolo? No, gli ha detto semplicemente che le sue armi erano niente in confronto alle sue, per cui cambi registro. L’Iran, che grazie all’Accordo con Obama e la UE sarebbe diventato entro pochi anni una potenza nucleare, pronta a colpire l’America e cancellare Israele dalle carte geografiche, gli ha rinnovato le sanzioni, così adesso gli ayatollah se la devono vedere con una crisi economica stratosferica, con gli iraniani che non se la prendono più con i due Satana ma con il loro stesso governo, che finanzia il terrorismo in tutto il Medio Oriente invece di preoccuparsi dei propri cittadini. Altro difetto è la lealtà, Trump lo è con gli amici, infatti ha mantenuto la parola, ha spostato l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, dopo aver promosso una alleanza fra importanti stati islamici sunniti, che ha già dato i suoi frutti: alla direzione dell’Unesco, una organizzazione Onu specializzata nella cancellazione della storia ebraica per sostituirla con una musulmana, è stata eletta grazie anche al voto degli stati amici di Trump, una direttrice… ebrea, Audrey Azoulay, già ministra della cultura francese.

L’ultima accusa è di essere un autocrate, in base alle critiche verso quegli stati della UE che non mantengono i loro impegni finanziari nella NATO. Ha detto che l’America è stufa di pagare cifre assurde a degli stati a cui garantisce la sicurezza. Certo, l’America di ‘prima’ era più conveniente per Merkel, Macron & Co. Lo accusano di preferire il dialogo con gli ‘uomini forti’, forse perché così da poter trattare alla sua maniera e vincere. A noi conviene? Pensiamoci su, e per una volta dimentichiamo quagli esperti che per criticare Trump chiedono il parere di Steve Bannon, uno degli ‘epurati’ di Trump che in America è un signor nessuno e per questo si è trasferito, accolto con tutti gli onori, in Italia. P.S. I lettori di IC hanno il privilegio di poter seguire le relazioni Usa con il mondo intero – in special modo con Israele - grazie alle analisi di Antonio Donno,che si distinguono per essere prive delle previsioni “non solo ma anche”, tipiche dei commenti della maggior parte dei nostri media.


Angelo Pezzana


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT