venerdi 21 settembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché l'antisionismo è antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Shanà tovà! Buon anno 5779 da Benjamin Netanyahu e da IC (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Media occidentali contro chi contrasta l'Iran in Medio Oriente 17/01/2018
Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, dicembre 2017, a pag. 9, il commento di Angelo Pezzana, dal titolo "Perché i media occidentali si accaniscono contro il libanese Hariri e il saudita Bin Salman? E perché sostengono l'Iran?".


Angelo Pezzana

Se c’è una categoria che andrebbe regolarmente sottoposta a degli esami per valutare se quanto produce è attinente alla realtà dei fatti, è quella degli “esperti”- in questo caso i giornalisti - abituati in genere a trasmettere le proprie analisi obbedendo più a ciò che ritengono ‘politicamente corretto’ verso la propria ideologia’, poco importa se non corrisponde a quanto accade. Sono ormai ‘esperti’, possono scrivere quel che vogliono, una qualche credibilità gli verrà comunque assicurata. Non va dimenticato quel giornalista che attribuì l’attacco alle Torri Gemelle alla Cia e al Mossad, una tra le prime fake news, tanto che ottenne una celebrità tale da procurargli un seggio al Parlamento Europeo e una carriera politica che continua tuttora. Ma veniamo all’oggi, con il caso Saad Hariri, il premier libanese che, per non fare la fine preannunciata del proprio babbo,ucciso da Hezbollah, ha lasciato il paese, rifugiandosi a Riad, Arabia Saudita, ospite dell’erede al trono Mohammed Bin Salman.

Immagine correlata
Nel quadro grande: la realtà in Israele
Nel quadro piccolo: quello che mostrano i media

Se c’è una categoria che andrebbe regolarmente sottoposta a degli esami per valutare se quanto produce è attinente alla realtà dei fatti, è quella degli “esperti”- in questo caso i giornalisti - abituati in genere a trasmettere le proprie analisi obbedendo più a ciò che ritengono ‘politicamente corretto’ verso la propria ideologia’, poco importa se non corrisponde a quanto accade. Sono ormai ‘esperti’, possono scrivere quel che vogliono, una qualche credibilità gli verrà comunque assicurata. Non va dimenticato quel giornalista che attribuì l’attacco alle Torri Gemelle alla Cia e al Mossad, una tra le prime fake news, tanto che ottenne una celebrità tale da procurargli un seggio al Parlamento Europeo e una carriera politica che continua tuttora. Ma veniamo all’oggi, con il caso Saad Hariri, il premier libanese che, per non fare la fine preannunciata del proprio babbo,ucciso da Hezbollah, ha lasciato il paese, rifugiandosi a Riad, Arabia Saudita, ospite dell’erede al trono Mohammed Bin Salman.

Una ospitalità che gli ha consentito di svolgere in quella capitale una intensa attività politica e diplomatica, ricevendo ambasciatori e capi di stato, tutto l’opposto di quanto sarebbe dovuto accadere se fosse stato ‘rapito’ e tenuto prigioniero, come hanno scritto quasi tutti i media e commentato gli ‘esperti’ di cui sopra. Arrivando a scrivere, almeno per non perdere del tutto la faccia quando la tesi del rapimento non era più sfacciatamente sostenibile “ il febbrile attivismo dell’erede al trono dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, rischia di travolgere il fragile equilibrio della regione… e rilanciare l’odio verso l’Iran”. Caduta la spiegazione del rapimento, in più l’incontro a Riad con Emmanuel Macron, che ha invitato a Parigi Hariri – puntualmente avvenuto – invece di raccontare le responsabilità di Hezbollah, alla base di tutta la vicenda, questo ‘esperto’, su uno dei maggiori quotidiani italiani, attacca il principe saudita, il quale ha agito da abile diplomatico, e soccorre invece il povero Iran, investito dall’odio –così scrive- quando invece è proprio Teheran che guida i gruppi terroristi come Hezbollah e Hamas, per estendere il dominio dei mullah sulla regione mediorientale. L’ostilità contro bin Salman, che sta cercando di realizzare con difficoltà molte riforme per far uscire il proprio paese dal Medio Evo, avrà invece “conseguenza imprevedibili”, perché “rischia di far (ri)esplodere la regione”. Possiamo ignorare il nome dell’ esperto, le cui analisi sono simili ad altre. Sullo stesso quotidiano un altro “esperto” mediorientale scrive “pare che il principe Mohammed stia causando gravi danni all’economia saudita”, quando invece sta risanando il bilancio dello stato tassando a colpi di miliardi di dollari i grandi evasori –in gran parte appartenenti alla smisurata famiglia reale- dopo averli costretti agli arresti domiciliari. Un metodo spiccio, sa poco di democratico, ma adatto al paese che governa. Domanda: perché questo accanimento contro due capi di stato, Hariri in Libano e (quasi al trono) bin Salman in Arabia Saudita? Esprimono vicinanza e posizioni politiche favorevoli all’Occidente, in una regione dove finora c’era soltanto Israele a rappresentarle. La domanda non è solo lecita, ma anche doverosa.

Per inviare la propria opinione al Bollettino, cliccare sulla e-mail sottostante


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT