lunedi` 18 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Macron parla di antisionismo e la stampa italiana lo ignora 30/09/2017
 Riprendiamo da SHALOM settembre 2017, a pag.17, con il titolo " Macron parla di antisionismo e la stampa italiana lo ignora " il commento di Angelo Pezzana.

Immagine correlata

L’attenzione dei nostri media verso Israele continua ad essere focalizzata sul cosiddetto problema arabo palestinese, il conflitto ma anche la religione, entrambi strumentalizzati grazie all’aiuto di compiacenti organismi internazionali, cui non par vero di poter usare una fede – in questo caso l’islam – per condannare da un lato ogni iniziativa difensiva di Israele, dall’altro trasferire su un nuovo livello la guerra asimmetrica che presenta due ottimi vantaggi. Il primo, l’introduzione di un nuovo soggetto,l’islam in quanto religione,particolarmente adatto a fare presa su quella pubblica opinione non informata che si nutre di immagini televisive e che quindi non conosce la Storia del Medio Oriente in tutti i suoi aspetti, per cui lo slogan vaticano della domenica mattina ‘si costruiscano ponti e non muri’ basta e avanza. Il secondo ripropone quotidianamente il dramma dell’omissione, escludere senza tregua qualunque avvenimento che possa far riflettere sulla realtà israeliana, impedendo così la conoscenza di avvenimenti in grado di smentire la narrativa arabo palestinese contro Israele. Lo scorso luglio, a Parigi, nella giornata della commemorazione della deportazione degli ebrei parigini ad Auschwitz di 75 anni fa, il Presidente Emmanuel Macron, nel rievocare pubblicamente quella tragedia, ha fatto delle affermazioni storicamente molto importanti, che i nostri media hanno completamente censurato. La Francia – ha detto Macron - non i tedeschi, ha organizzato il rastrellamento degli ebrei, è stato il governo di Vichy a guidare l’operazione e la nostra responsabilità è dirlo, non nasconderlo. Accanto a lui c’era Benyamin Netanyahu, mentre Macron continuava con un’altra affermazione, la condanna durissima di chi nega la Shoah e fa propaganda di antisemitismo in Francia oggi. Ha detto testuale:" l’anti-sionismo e l’odio verso Israele vanno combattuti con forza, perché l’anti-sionismo è il nuovo antisemitismo". Mi rendo conto che può sembrare una ingenuità chiedersi perché un intervento come quello del Presidente francese non sia stato giudicato degno di essere ripreso, se certe cose le dice Netanyahu è propaganda, quindi riprenderle o no non mette in pericolo l’immagine inventata di un popolo che ne opprime un altro, nessuno ne terrà conto. Ma se è Macron a gridare forte che l’anti-sionismo è il nuovo nome dell’antisemitismo, allora meglio evitare, una notizia non data ha buone possibilità di passare inosservata. Dal canto suo, Netanyahu, ha detto, rivolgendosi a Macron “ la vostra guerra contro l’islam militante è la nostra, lo sconfiggeremo se lo combatteremo insieme”. Per chi fa informazione, omettere è grave quanto e più di mentire. La menzogna ha spesso le gambe corte, l’omissione no.


Angelo Pezzana

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT