domenica 17 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Dall'India un esempio di buona politica - 07/07/2017
Dall'India un esempio di buona politica
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

A destra: Narendra Modi con Benjamin Netanyahu

L’incontro tra Benjamin Netanyahu e il Premier indiano Narendra Modi, che riconferma la forte capacità diplomatica del premier israeliano, non è piaciuto a Ramallah. Modi, infatti, nel suo primo viaggio in Medio Oriente, non ha incluso nessuna altra visita se non Israele. L’India non è più quella dei Nehru, dei Gandhi, una lontananza che durava da sempre, includendo il Mahatma Gandhi, il simbolo del pacifismo, il quale durante le persecuzioni naziste aveva consigliato agli ebrei – in nome della non violenza – di suicidarsi in massa, l’unica risposta da dare a Hitler.

Immagine correlata
India e Israele

Defunto il nostro vecchio buon saggio, la politica dei governi indiani, Indira Gandhi compresa, fu sempre ostile al nuovo Stato ebraico, schierandosi sempre e in tutte le sedi, anche internazionali, con i nemici di Israele. Ma il vento cambia, Modi ha capito quali sono i veri interessi del popolo indiano, e ha scelto Israele, irritando i palestinesi, che ieri hanno dimostrato contro di lui davanti all’Ufficio di Rappresentanza indiano a Ramallah.

Immagine correlata
Il Mahatma Gandhi

A completamento dell’indubbio successo – lo dimostrano gli accordi firmati dai due leader a Gerusalemme - va sottolineata la totale assenza di qualsiasi riferimento al conflitto arabo palestinese e alle possibili sue soluzioni, compresa quella dei due stati. Dovrebbe essere la norma di ogni incontro bilaterale, ma così non è: capi di stato, ministri degli esteri, delegazioni ufficiali, pur avendo quale obiettivo la relazione con Israele, non mancano mai di rendere visita allo Stato che non c’è, la sosta a Ramallah è d’obbligo. Non con Narendra Modi, il cui esempio dovrebbe essere valutato con attenzione. Per ora è un pio desiderio, dettato dall’ottimismo della ragione, ma non è detto che non debba trovare imitatori.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT