venerdi 15 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Israele: democrazia e stabilità in una regione in fiamme 06/06/2017
Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, giugno 2017, a pag. 6, il commento di Angelo Pezzana, dal titolo "L'unico confine sicuro in Medioriente è quello del Golan. Israele è garanzia di stabilità. Perché l'Europa non lo capisce?".


Angelo Pezzana

Immagine correlata
Gerusalemme

La domanda che segue è rivolta alle istituzioni sovranazionali, a una parte non indifferente della politica italiana e a tutti i redattori di cartografie geografiche e guide turistiche che continuano a considerare le Alture del Golan un territorio ‘occupato’ e non annesso come invece lo è nella realtà dal 1981. Forse vale la pena ricordare che da quelle alture la Siria bombardava la valle sottostante, causando spesso distruzione e morti fra gli abitanti. Con la guerra dei sei giorni Israele liberò quella zona al confine siriano, la difese da continui attacchi fino alla guerra del Kippur del 1973, dopo la definitiva sconfitta della Siria.

Con poche eccezioni, Onu, Ue e molti governi democratici occidentali hanno continuato a richiederne la restituzione, incuranti del fatto che da quel confine – indifendibile se il Golan rimaneva sotto il dominio siriano- sarebbero entrati senza difficoltà gruppi terroristi arabi per commettere stragi. Ricordiamo il massacro nella scuola Netiv Meir di Maalot nel 1974, dove vennero subito uccisi alcuni bambini e il guardiano della scuola, mentre altri alunni e insegnati venivano presi in ostaggio, per essere poi uccisi per impedire alle forze di difesa israeliana di liberarli. Tutto dimenticato, il Golan deve essere ‘restituito’ alla Siria! È la cantilena che dura tuttora. Veniamo ad avvenimenti recenti, la guerra civile siriana, milioni di gente in fuga, centinaia di migliaia di morti, sterminati dalle truppe siriane e dai movimenti terroristi che combattono Assad.

Immagine correlata
Tel Aviv


Tutta la regione è un massacro continuo, mentre l’unico stato che ha avuto la capacità e la forza di restarne fuori è Israele. Ma questo non è mai oggetto di attenzione da parte dei media occidentali, mai che qualche analista o “esperto” metta in evidenza che l’unico confine sicuro nella zona è quello del Golan che divide Israele dalla Siria. Scrivessero il vero, dovrebbero chiedersi quel che sarebbe avvenuto se il Golan fosse stato restituito alla Siria. Ma se guardano bene. Dovrebbero riconoscere il ruolo di Israele nella difesa della pace in quel che resta del Medio Oriente, ovunque stravolto da guerre continue. Perché allora non lo scrivono? Perche la signora Mogherini, che rivendica la funzione di stabilità dell’Europa, non la racconta giusta, invece di schierarsi contro l’unico stato democratico del Medio Oriente? Se l’Iran non ha ancora realizzato il progetto di conquista della regione è perché teme la reazione del piccolo ma determinato stato ebraico. Dall’Europa ha solo ricevuto consensi. E’ così che si crea stabilità?

Per inviare la propria opinione al Bollettino, cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT