venerdi 15 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Haredim: indigenti e ignoranti 27/07/2016
Haredim: indigenti e ignoranti
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Immagine correlata

Israele è uno stato dove diritti e doveri sono uguali per tutti. Ma c’è un campo, quello religioso, dove le regole vengono adattate alla volontà di chi le applica. Sono le scuole ‘haredì’ – ultra ortodosse – dove l’insegnamento di alcune materie è proibito: scienze, matematica, inglese. Eppure sono finanziate dallo stato, che però non esercita alcun controllo. Quei giovani diventeranno adulti senza una preparazione che consenta loro l’inserimento nella società civile a un livello accettabile, la loro ignoranza della modernità li obbligherà ad accettare mestieri non qualificati per sopravvivere.

Generazioni di giovani ai quali è stato insegnato soltanto a pregare, per tenerli lontano dal pericolo più grande, essere contaminati dalla società contemporanea. Ne deriverà un danno enorme anche al paese intero, è stato chiamato un “suicidio economico”, perché toccherà alla collettività provvedere al loro sostentamento. Indigenti e ignoranti, ma legali.

Immagine correlata

Il comitato ministeriale legislativo ha infatti approvato un progetto di legge che legalizza quanto avveniva già prima. Il ministro delle scienza e tecnologia Ofir Akunis (Likud) si è riutato di partecipare al voto. Uri Regev, rabbino e avvocato, direttore della lobby per il pluralismo religioso ha dichiarato “la decisone del governo creerà una generazione di elettori poveri e obbedienti agli ordini dei partiti haredì”. Netanyahu lo sa bene, ma la sua coalizione senza il voto dei religiosi, cadrebbe. Purtroppo la storia insegna che non è solo un problema di numeri. Della precedente legislatura – sempre a guida Netanyahu - i partiti religiosi non facevano parte, eppure l’argomento, giudicato evidentemente da tutti ‘delicato’, non venne affrontato. Lo spettro dei partiti laici è molto affollato, e la speranza è sempre l’ultima a morire. Anche in Medio Oriente.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT