lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Hanin Zoabi e il terrorismo delle parole 17/01/2016
Riprendiamo dal BOLLETTINO del Comunità ebraica di Milano, gennaio 2016, con il titolo "Hanin Zoabi e il terrorismo delle parole", il commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Hanin Zoabi

Un sondaggio recente ha rivelato che il 40% dei cittadini europei, dai 16 anni in su, pensa che Israele sia uno Stato nazista e che stia conducendo una guerra di sterminio contro i palestinesi. Di questa percentuale spaventosa è al corrente soltanto chi segue le cronache sulla crescita dell’antisemitismo/antisionismo di Manfred Gerstenfeld che escono puntualmente su Informazione Corretta. Nessun media le ha mai riportate. Non stupisce quindi la decisione dell’Unione Europea di aderire alla campagna internazionale del boicottaggio di Israele denominata BDS, la versione moderna del “Kauf nicht bei Juden” di hitleriana memoria. Ricordiamolo allora in questo mese che richiama la memoria della Shoah, un risultato preceduto nel novembre 1938 da Kristallnacht, che non fu un incidente isolato ma l’esplosione più violenta del boicottaggio degli ebrei nella Germania nazista, l’inizio della loro sistematica eliminazione anche fisica. Come è possibile che oggi il 40% degli europei giudichi vera una menzogna così platealmente falsa come quella attribuita al governo israeliano ? Se lo saranno anche chiesto in Olanda, quando, proprio nel giorno dell’anniversario, il 9 novembre, hanno invitato a commemorare quella data la deputata israeliana Hanin Zoabi, del Partito Arabo Unito ? La domanda è lecita, perché la sua attività fanaticamente anti-israeliana è più che nota, che l’avrebbe ripresa c’era da aspettarselo. Ed è quello che è avvenuto, nelle parole del suo intervento, Israele è ridiventata la reincarnazione della Germania nazista. Non hanno invitato un israeliano, sopravvissuto ai coltelli che nelle strade d’Israele colpiscono per uccidere, no, la scelta è caduta invece su una diffamatrice che approfitta delle democrazia israeliana e delle sue leggi per diffondere menzogne. È giusto che le venga permesso, pur considerando l’immunità che le deriva dall’essere membro della Knesset ? Non c’è dubbio che la sua una attività, parallela a quella propriamente parlamentare, si possa definire terrorista. Domande lecite, alle quali però non vi sarà risposta. Israele è una forte democrazia anche e lo è proprio perché non teme la propaganda degli avversari, soprattutto quelli interni. Zoabi e altri come lei, non solo arabi, sono liberi di esprimere ciò che pensano, anche le opinioni più ripugnanti. Nessuno glielo impedirà, le sue armi, quanto possano infangare il nome di Israele, non riusciranno a modificare le leggi democratiche che governano il paese. Certo, il prezzo che Israele sta pagando è alto, sappiamo tutti che una menzogna ripetuta molte volte può diventare una verità, la prova è nelle percentuali che abbiamo citato all’inizio. La differenza tra coltelli e bombe molotov che insanguinano le strade israeliane e le affermazioni di Hanin Zoabi non sono poi tante,l’obiettivo è sradicare un popolo dalla propria terra. Non riuscendoci militarmente, non gli rimane che la guerriglia urbana, con spargimento di sangue, morti, feriti, con la supervisione giustificativa delle parole, con le quali gioca sporco Hanin Zoavi. Ma neanche così vinceranno.

Immagine correlata
Angelo Pezzana


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT