lunedi` 24 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Menzogne in stile Goebbels sul giornale di Confindustria 11/10/2015
Pubblichiamo il commmento di Angelo Pezzana all'articolo di Ugo Tramballi pubblicato ieri sul SOLE 24 ORE. Segue, con il titolo "Un'altra giornata di sangue a Gerusalemme e a Gaza" l'articolo odierno dello stesso Tramballi, preceduto dal nostro commento.

Ecco il link all'articolo di ieri di Tramballi: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=120&id=59857

Immagine correlata

Gerusalemme - Ho letto gli articoli di Bernardo Valli e Ugo Tramballi, del primo niente di nuovo, rimane il becero trombone della Repubblica vecchio stile. Ezio Mauro, forse per malriposto rispetto, continua a pubblicarlo per non perdere quei lettori ultra trunariciuti che sopravvivono nella più estrema sinistra da sempre anti-Israele, e, gettandogli l’osso Valli, pensa di saziarne gli appetiti.

Ma quello che mi ha indignato di più è il pezzo di Tramballi, che ha superato se stesso. Un cumulo di menzogne che rendono il giornale della Confindustria persino più irresponsabile del Manifesto,che, per tenere fede alla ideologia comunista come riporta accanto alla testata, almeno non ciurla nel manico: ogni riga del quotidiano sembra intinta nell’odio più feroce contro Israele. Con Tramballi è diverso, per cui mi chiedo se in Confindustria – a livello direttivo – ci siano soltanto dei farabutti anti-semiti o c’è forse qualcuno, anche uno solo, che abbia il coraggio, ma dovrei scrivere la decenza, di chiedere se le posizioni di Tramballi sono compatibili con l’organizzazione degli industriali, visto che ILSOLE24ORE è il loro quotidiano. Se la risposta è no, allora ci riteniamo autorizzati a prendere atto che fra gli industriali italiani il consenso all’odio contro Israele è totale. Ma se qualcuno c’è, batta un colpo.

Immagine correlata
Angelo Pezzana

IL SOLE 24 ORE - Ugo Tramballi: "Un'altra giornata di sangue a Gerusalemme e a Gaza"

Anche oggi Ugo Tramballi continua a disinformare. Dimentica, in primo luogo, che è stata Hamas a lanciare le violenze al confine della Striscia di Gaza e a proclamare una nuova "intifada".
"
Davanti alla porta di Damasco il ragazzino palestinese ha estratto un coltello e li ha colpiti, ferendoli leggermente. Immediatamente dopo gli agenti di guardia lo hanno ucciso": così viene descritto un attentato palestinese consumatosi ieri a Gerusalemme. E' evidente che tutta la simpatia del giornalista va al terrorista, le cui azioni sono sminuite, mentre sono criminalizzate quelle dei militari israeliani che lo hanno ucciso "immediatamente". Che cosa avrebbero dovuto fare, secondo Tramballi? Farsi sbudellare in silenzio?
Ma quelli di questi giorni non sono attentati, ci insegna Tramballi, bensì soltanto "
Scaramucce, giovani disarmati o con un coltello in pugno". Persone perbene, in altre parole, che Israele uccide quasi senza motivo. Il massimo della menzogna è oggi (e ieri) sul giornale di Confindustria.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Ugo Tramballi

La porta di Damasco della Città vecchia che guarda verso i quartieri arabi di Gerusalemme è un campo di battaglia dai tempi di Saladino. Grandi assedi e scaramucce come quelle ripetutesi ieri, in questa strana Intifada nella quale sono sguainate più le armi di una cavalleria rusticana che di una rivolta popolare. Lentamente ma metodicamente, il conto delle vittime comunque cresce.

Le prime vittime sono state una coppia di anziani israeliani ultraortodossi e un palestinese di 13 anni. I primi avevano preso la strada più breve ma più pericolosa per raggiungere il Muro del Pianto, dove adempiere i doveri religiosi del sabato. Davanti alla porta di Damasco il ragazzino palestinese ha estratto un coltello e li ha colpiti, ferendoli leggermente. Immediatamente dopo gli agenti di guardia lo hanno ucciso. Poche ore più tardi, nello stesso luogo, sapendo di compiere un gesto suicida un altro giovane palestinese ha aggredito tre poliziotti israeliani. Uno è stato ferito gravemente al collo, un secondo è stato colpito in modo leggero. È intervenuta un'altra pattuglia. Sparando all'aggressore, gli agenti hanno ferito anche il loro collega più grave e il terzo che non era stato accoltellato dal palestinese.

Immagine correlata
Terroristi di Hamas

Nel pomeriggio ci sono stati altri tre ragazzi palestinesi morti accanto al filo spinato che divide la Striscia da Israele. Scaramucce, giovani disarmati o con un coltello in pugno. Nella seconda Intifada, iniziata nel 2000, le armi degli attentati suicidi come questi erano cinture esplosive e tritolo. Ora c'è il muro costruito dagli israeliani, un filtro difficilmente valicabile. E la collaborazione fra i primi e le forze di sicurezza palestinesi per ora continua a funzionare perché, per il momento, la rivolta è giovanile e senza organizzazione. Se gli israeliani decidessero di rioccupare militarmente tutta la Cisgiordania, come propone il ministro della Difesa Moshe Ya'alon, un super-falco, commetterebbero un grave errore.

Dal punto di vista operativo la rivolta attuale non è quella che gli israeliani definiscono una «minaccia esistenziale». Ma proprio per questo è molto meno semplice fermarla. Venerdì il premier di Hamas a Gaza, Ismail Haniyeh, aveva invitato alla mobilitazione generale per una nuova Intifada. Oltre gli slogan e le dichiarazioni, anche il movimento islamico della Striscia è cauto: ieri, dopo aver convocato una manifestazione di protesta, l'ha sciolta prima che potesse trasformarsi in un nuovo assalto verso la frontiera israeliana, come venerdì. Hamas ha un'ala militare radicale e una politica più pragmatica, e attorno alle due fazioni crescono le organizzazioni salafite ed islamiste. Esiste anche un nucleo che si richiama all'Isis. Ancora diroccata dalla guerra dell'estate 2014, Gaza non sarebbe in grado di affrontare l'inverno con una nuova escalation israeliana. E se scoppiasse una terza Intifada, difficilmente Hamas la saprebbe controllare.

Nel caos mediorientale le alleanze diventano più mobili che nel passato. L'Iran non è più l'alleato di prima. L'Egitto del generale al-Sisi detesta Hamas, costola dei Fratelli musulmani egiziani: quella verso il Sinai è una porta quasi sbarrata. Ma in nome del grande fronte regionale sunnita (non ci sono sciiti fra i palestinesi) Salman, il nuovo re saudita, ha avviato un riavvicinamento con la fratellanza. Chi paga per la sopravvivenza della Striscia e sostiene Hamas ora sono soprattutto i sauditi, la Turchia e il Qatar, interessati a dare denaro all'ala politica, non a quella militare. Un fronte israeliano nella Grande guerra mediorientale non lo desidera nessuno.

Per inviare la propria opinione al Sole 24 Ore, telefonare 02/30221, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


letterealsole@ilsole24ore.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT