lunedi` 24 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Vienna: che cosa avranno mai da ridere? 15/07/2015
Vienna: che cosa avranno mai da ridere?
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana


Vienna: che cosa ci sarà mai da ridere?

La riflessione più interessante sul Trattato con l’Iran l’ha sviluppata Alan Dershowitz, un osservatore della politica che ragiona con il cervello di un giurista. In più, americano che vota democratico, ma esterno alle logiche interne ai partiti. Con il risultato di ottenere credibilità in ogni schieramento. Dershowitz si è chiesto se l’accordo bloccherà per sempre la possibilità per l’Iran di avere l’arma nucleare e quale significato ha l’affermazione di Obama quando dice che l’Iran non potrà mai produrla.

Risultati immagini per dershowitz
Alan Dershowitz

Due parole, sempre e mai, che richiedono una risposta chiara, definitiva. O sì o no, non le chiacchiere di quel folto gruppo che a Vienna si è fatto fotografare raggiante per il risultato ottenuto. Comprendiamo la soddisfazione degli iraniani, mentre restiamo allibiti di fronte ai rappresentanti delle democrazie e, in modo particolare, dell’unica donna che ha condiviso la foto opportunità, quella Federica Mogherini che riconferma l’alta pericolosità che le viene dalla sua (ir)responsabilità europea.

Risultati immagini per clintonRisultati immagini per north korea
Bill Clinton e la Corea del Nord

L’Occidente ha preso per buone le intenzioni degli eredi di Khomeini, malgrado il fatto che finora ogni loro dichiarazione sulla preparazione dell’arma nucleare si sia rivelata menzognera. Da Chamberlain e l’accordo con la Germania di Hitler del ’38, a quello con la Corea del Nord di Clinton nel ‘94, la credulità pacifista delle democrazie ha consegnato le nostre libertà a degli stati criminali. Perché l’Iran lo è al pari degli altri due, il terrorismo islamico che mette a rischio la pace mondiale viene nutrito dalla Repubblica dei Mullah, quella che ieri festeggiava l’accordo di Vienna, è da Teheran che provengono i finanziamenti che destabilizzano il Medio Oriente.

Risultati immagini per chamberlain hitler
Neville Chamberlain con Adolf Hitler nel 1938: anche allora dissero che era scoppiata la pace

Le reazioni in Israele
Bibi Netanyahu ha rilasciato una dichiarazione nella quale condanna l’accordo tra l’Iran e quelli che ha chiamato i poteri mondiali. Ma Israele non ne verrà in alcun modo condizionata. Oggi il mondo è molto più pericoloso di quanto lo era ieri, ha aggiunto, l’opposto di quanto ha dichiarato Obama dagli Usa. Praticamente tutti i partiti politici hanno condannato l’accordo, l’unico a dare una interpretazione originale è stato Ehud Barak, già primo ministro e leader militare super decorato.

Ecco le dichiarazioni di Benjamin Netanyahu sull'accordo nucleare (con sottotitoli in italiano)

Risultati immagini per netanyahu

Israele, ha detto, ha la capacità di affrontare un Iran anche nucleare. L’America faccia la sua politica, ha aggiunto, ma noi dobbiamo mantenere con Washington buoni rapporti e sulla sicurezza si deve andare avanti con la collaborazione con la Casa Bianca. Applausi all’accordo sono invece arrivato dalla Lista araba alla Knesset, che ne ha approfittato per chiedere lo smantellamento delle armi nucleari israeliane.

Israele analizzerà il contenuto dell’accordo viennese, riservandosi di entrare quanto prima nei dettagli. Per ora l’aspetto più importante è l’unità del paese di fronte alla minaccia nucleare iraniana. La prossima puntata avrà come protagonista il Congresso americano, che ha 60 giorni per valutare il contenuto e poi votare, per cui la patata bollente ritornerà nelle mani di Obama. L’unica voce che condanna Netanyahu, accusandolo di essere il vero sconfitto di Vienna è Haaretz, cui non par vero di avere un capo d’accusa nuovo rispetto al passato. E come ciliegina, titola l’editoriale di oggi “ diamo una chance all’accordo“. Che pena.

Risultati immagini per angelo pezzana
Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT